Articoli

L’effetto “No Borroni, no party” si materializza davanti alla Querciambiente nel secondo tempo: senza la propria capitana, infortunatasi giovedì scorso al ginocchio e con tempi di recupero ancora tutti da valutare, l’Interclub è costretta a cedere nettamente all’Almo Nature Genova dal terzo quarto in poi, dopo venti minuti iniziali passati coraggiosamente a un tiro di schioppo dalle avversarie. Finisce 60-39 per l’NBA-Zena, con Muggia che il prossimo week-end sarà dunque costretta all’impresa in casa Geas, allo scopo di mantenere ancora un barlume di speranza per la conquista dei play-off.

L’inzio di gara si dimostra equilibrato: con una tripla di Castelletto appena uscita dalla panchina, la Querciambiente è sul -1 al 5′ (6-5), reggendo l’urto dell’Almo Nature che, pur andando a segno con metà del roster a disposizione già dopo dieci minuti, trova un’attenta difesa rivierasca a non concederle molti canestri. E’ 10-7 al 10′: su fronte genovese, Bestagno e De Scalzi provano a mettersi in proprio, ma l’Interclub riesce a rimanere attaccata alle avversarie con i punti di Meola, Cumbat e Capolicchio, chiudendo a metà gara sotto di quattro lunghezze (29-25).

L’Almo Nature trova l’accelerazione decisiva dopo la pausa lunga: le padrone di casa volano a +13, mantenendo tale vantaggio anche al 30′ con una Muggia che non riesce più a segnare. Il motore ligure è ben rodato, sia in attacco che in difesa, e per la Querciambiente cala progressivamente l’oscurità: il 55-34, a cinque dalla fine, toglie infatti ogni possibilità di recupero alle ospiti.

Almo Nature NBA-Zena Genova – Querciambiente Muggia 60-39 (10-7, 29-25, 47-34) 

Almo Nature NBA-Zena Genova: Bestagno 15, Bindelli 9, Piermattei 1, Belfiore 2, Cerretti 7, Policastro, Algeri, Principi 2, De Scalzi 13, Costa 11. All. Vaccaro

Querciambiente Muggia: Meola 3, Cergol 2, Castelletto 3, Cumbat 9, Romagnoli 6, Fragiacomo, Capolicchio 13, Richter, Palliotto 3, Rosin. All. Trani

Ti è piaciuto questo articolo?

Mettersi davanti allo specchio, fissare per bene la propria immagine riflessa e ripartire da zero. E’ così che la Querciambiente Muggia ha passato gran parte della settimana, in preparazione della 1° giornata di ritorno di Poule Promozione. Riacquistare la propria vera identità e riprendere un cammino interrotto ormai da tre turni consecutivi è alla base di quanto le rivierasche dovranno mettere in campo contro Il Ponte Milano, formazione già battuta qualche settimana fa.

E’ proprio dall’impresa del “PalaGiordani” che l’Interclub non è poi riuscita più a vincere in campionato: le sconfitte casalinghe contro Genova e Sesto S.Giovanni hanno preceduto quella, decisamente più velenosa e difficile da digerire, rimediata sabato scorso a Torino. Il black-out degli ultimi 180 secondi in Piemonte ha portato buoni motivi di riflessione all’organico muggesano, attualmente relegato a quel 5° posto in classifica che è il primo piazzamento delle escluse alle semifinali play-off. In casa Querciambiente, dovranno tornare entusiasmo e consapevolezza nei propri mezzi: sarebbe un peccato mortale gettare la spugna proprio nel momento più “caldo” di stagione e per le ragazze di Mauro Trani dovrà arrivare l’ennesima dimostrazione che l’orgoglio insito nel proprio team non è secondo a nessun’ altra formazione di serie A2.

Aldilà di quello che può dire la classifica, Milano sarà tutto meno che una formazione rassegnata: nonostante il record di “1-3” con cui il team di Franz Pinotti arriva alla sfida del “PalAquilinia”, le meneghine (prive della propria capitana Gottardi, impegnata in Brasile sino al termine della stagione col suo tour benefico “Donne al Volante”) hanno ancora qualche buona cartuccia da poter sparare. La vittoria dello scorso turno a Udine lascia ancora una piccolissima fiammella di speranza di acciuffare in extremis la post-season e, da squadra esperta qual’è, Il Ponte tenterà sicuramente il tutto per tutto per allungare la propria stagione.

Muggia è avvisata: non sarà per nulla facile fare risultato. Per portare a casa i due punti, servirà solamente pensare a se stessi. In fondo, è questa la vera forza dell’Interclub di stagione: allontanare i piagnistei e concentrarsi solamente al rush finale saranno gli imperativi da fissare per bene nella testa rivierasca. Ora, più che mai, è giunto il momento di combattere sino alla fine: la post-season è ancora lì, a portata di mano.

Si gioca sabato 1° marzo alle ore 20.30, con la palla a due che verrà alzata da Giacomo Dori di Mirano e Gaylord Rivron di Gradisca D’Isonzo: sarà possibile seguire la gara attraverso la telecronaca in diretta streaming su www.muja.it.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Dopo essersi districata per bene nel “labirinto” costruito da Torino, la Querciambiente perde sul più bello il proprio filo di Arianna: la Piramis fa suo lo scontro tra dirette rivali per la conquista di un posto nei play-off, imponendosi col punteggio di 61-55 e rendendo amaro per Muggia l’ultimo turno di andata in Poule Promozione. 

E’ una doccia gelata per la compagine di Mauro Trani, conscia di aver davvero sprecato una grande occasione specialmente per come si erano sviluppate le cose nel corso della partita. Seppur il match sia sempre rimasto sui binari dell’equilibrio, le rivierasche avevano mantenuto la testa avanti per gran parte dei quaranta minuti regolamentari: le piemontesi hanno poi saputo risolvere la partita negli ultimi 180 secondi, nel momento in cui le ospiti sono inopinatamente andate fuori giri, permettendo alle padrone di casa di piazzare il break di 12-2 che ha poi chiuso i conti.

Con buone percentuali da tre, unite alla precisione di Palliotto, Muggia risponde colpo su colpo alle piemontesi, ispirate da Quarta e Domizi: la Querciambiente vola anche a +7, prima di essere quasi raggiunta dalla Piramis sul 21-20. Tale trend continua praticamente per tutta la partita, con le rivierasche a comandare quasi sempre le operazioni, chiudendo sulla seconda sirena a +3 (31-34) e, lavorando bene in pitturato con Cergol, restando avanti anche al 30’ sul 46-48. Muggia, anche se con grande fatica, sembra poter reggere l’urto piemontese sino alla fine, tuttavia a tre minuti dalla fine cambia completamente lo scenario: Torino prende in mano la situazione, segnando a ripetizione e tappando completamente le ali rivierasche. L’Interclub si spegne all’improvviso, provando a riattivarsi con Palliotto ma lasciando alla fine i due punti a una Piramis che scavalca proprio le muggesane al quarto posto in classifica, l’ultimo utile per la post-season.

Piramis Torino-Querciambiente Muggia 61-55

Piramis Torino: Rosso, Di Giacomo, Montanaro 7, Quarta 22, Coen 10, Domizi 9, Balbo, Santuz 4, Albano, Salvini 9. All.Petrachi

Querciambiente Muggia: Meola, Borroni 12, Cergol 8, Castelletto n.e., Cumbat 6, Romagnoli 8, Fragiacomo 3, Capolicchio 6, Palliotto 12, Reppi n.e. All.Trani

Ti è piaciuto questo articolo?

Diminuiscono le partite da giocare, aumenta l’importanza dei due punti in palio: un’equazione semplice, ma al tempo stesso calzante, riassume in poche parole il cammino che separa la Querciambiente Muggia alla potenziale conquista delle semifinali play-off di serie A2. Archiviata la doppia sconfitta interna contro Genova e Sesto San Giovanni, l’Interclub si rituffa in modalità “on the road”, affrontando quella che in buona sostanza può essere definita una delle trasferte dal peso specifico più alto di tutta la stagione.

Contro una Pallacanestro Torino che, grazie alle tre vittorie consecutive in altrettante gare di Poule Promozione sinora disputate, si è prepotentemente riportata in scia proprio alle rivierasche, l’ultimo turno di andata della 2° fase rischia di diventare una sorta di pietra angolare per entrambe le formazioni. Con cinque gare in calendario ancora da disputare, Muggia ha buona parte del proprio futuro destino nelle proprie mani: vincere in Piemonte permetterebbe al team di Mauro Trani di andare a +4 dalla Piramis, in caso contrario la Querciambiente verrebbe agganciata dalla compagine di coach Petrachi, uscendo temporaneamente dalle posizioni utili per la post-season.

E’ dunque innegabile che, pur non essendo un match determinate al fine della classifica finale, al termine della sfida di domani sera al “PalaSavonera” di Collegno si potrà già capire il tipo di girone di ritorno che l’Interclub dovrà affrontare, se quello “d’assalto” o uno teoricamente più tranquillo. Di certo, le rivierasche hanno ancora l’ampia volontà di non volersi fermare a quanto fatto sinora: con una situazione attuale ancora in proprio favore, la Querciambiente può affrontare lo scontro diretto con poche pressioni psicologiche. Un’arma che, all’interno di una partita importante, può fare la differenza.

Attenzione all’orario: il match di Torino, rispetto al calendario ufficiale, verrà anticipato di 60 minuti, con la palla a due fissata per le ore 20.00. Arbitreranno l’incontro i signori Balzarini di Milano e Coffetti di Bergamo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Ritornare con i piedi saldi per terra non può che far bene, anzi: benissimo. La Querciambiente Muggia, dopo la sconfitta casalinga di sabato scorso contro l’Almo Nature Genova, ha focalizzato l’attenzione di un’intera settimana di preparazione nel non ripetere quanto fatto vedere nella precedente gara ad Aquilinia. In particolare, le “spadellate” al tiro da due non hanno di certo aiutato l’Interclub, brava a restare in scia alle liguri per buona parte del match ma cedendo poi al cospetto delle ospiti, decisamente più chirurgiche e dinamiche nel momento che contava.

Se il confronto contro l’NBA-Zena poteva essere considerato un impegno probante, certamente quello che vedrà le rivierasche affrontare la Paddy Power è da ritenersi una sorta di tuffo quadruplo raggruppato  in avanti: tradotto, un match con coefficiente massimo di difficoltà. Sesto S.Giovanni arriverà in Piazzale Menguzzato con un ruolino di marcia perfetto e immacolato: 14 vittorie di fila su altrettanti confronti di stagione e un anno intero di incontri ufficiali senza nemmeno una sconfitta sono variabili che farebbero tremare i polsi a chiunque. Dati alla mano, una compagine storica e blasonata come la Geas ha tutto il diritto di pensare in grande in questo campionato, pertanto Muggia sa perfettamente sin dall’inizio quale sia il valore della compagine allenata da coach Filippo Bacchini: con un team giovane ma già capace di far la differenza in A2, la Paddy Power lascia pochi punti di riferimento alle avversarie e sa vincere pur non giocando alcuni match al massimo della propria forza (vedi ultima gara disputata in casa della SGT).

Come fare per colpire e affondare una corazzata di questo tipo? Sulla carta, l’Interclub dovrà essere perfetta in tutto e per tutto: limitare le bocche da fuoco avversarie (tra tutte, Zandalisini, Arturi e Gambarini) sarà di primaria importanza per le ragazze di Mauro Trani, che dovranno essere abili a tenere viva la concentrazione per 40 minuti interi, lavorando con pazienza in attacco e non lasciandosi andare a sbagli gratuiti o tiri senza ritmo. L’impresa è titanica, ma Muggia ha già dimostrato in passato di poter ribaltare gli avversi pronostici della vigilia: la Querciambiente è pronta dunque a dare battaglia, confidando che il pubbico di Aquilinia possa prendere per mano le rivierasche e aiutarle a sgambettare la capolista indiscussa del girone A di Poule Promozione.

Si gioca sabato 15 febbraio alle ore 20.30, con palla a due che verrà alzata dai signori Canazza di Solesino (PD) e Nuara di Selvazzano Dentro (PD).

Ti è piaciuto questo articolo?

Piccolo, brusco ritorno con i piedi per terra per la Querciambiente Muggia, nella prima delle due sfide casalinghe consecutive di Poule Promozione: l’Interclub cede i due punti all’Almo Nature Genova, quest’ultima meritatamente vittoriosa ad Aquilinia per 50-59 e capace di agganciare a quota 10 in classifica proprio le rivierasche.

A dispetto di quanto fatto vedere la scorsa settimana al “PalaGiordani”, la compagine muggesana si è dimostrata la copia sbiadita della formazione che era stata capace di mettere sotto scacco Milano. Tutto il merito va alle liguri della NBA-Zena, brave a tenersi avanti nel punteggio per 38 minuti abbondanti di gara, piazzando il break decisivo nell’ultimo quarto. Di fatto, Muggia ha sofferto abbondantemente la fisicità della compagine di coach Vaccaro, non riuscendo mai a trovare una discreta continuità offensiva (il 29% totale al tiro testimonia la serata infelice in fase realizzativa), finendo poi con l’inseguire Genova per gran parte del match e arrendendosi nel finale di gara.

La Querciambiente, nonostante un primo quarto fatto da parecchi tiri al piccione, riesce a non pagare eccessivo dazio alla 1° sirena, sotto di sole due lunghezze (10-12) dopo essere stata anche a -7. Le serpentine di Costa in penetrazione, la buona mano di De Scalzi dal perimetro e la solidità di Bestagno mettono a dura prova la pazienza delle ragazze di Mauro Trani: Muggia in attacco va spesso in riserva di ossigeno, il più delle volte con tiri senza ritmi e passaggi telefonati che sono preda delle avversarie. La mano dolce di Capolicchio permette all’Interclub di chiudere a distanza minima anche il secondo quarto (26-29) e per la Querciambiente, dopo la pausa lunga, torna la consapevolezza di poter migliorare le proprie trame di gioco: ne è testimonianza il primo vantaggio di partita, con il canestro dalla media distanza di Palliotto che al 27′ sembra poter dare parecchia inerzia alle padrone di casa (36-35). Tutto completamente sbagliato: l’Almo Nature stringe i denti e non riesce solo a mettere nuovamente la freccia alla penultima sirena (38-41, con canestro allo scadere di Bindelli) ma è capace anche di dare la spallata decisiva negli ultimi dieci minuti. E’ De Scalzi ad essere protagonista, con un anti-sportivo conquistato in apertura di frazione e con un gioco da tre punti 120 secondi più tardi: Genova scappa sul +8 al 34′ e da lì non si volterà più indietro. Muggia si affanna a recuperare il gap, tenta di ricucire lo strappo con le proprie giocatrici sin lì più efficaci (su tutte, Cergol e Borroni) ma issa progressivamente bandiera bianca nel momento in cui l’Almo Nature arma i cannoni dalla lunga distanza e piazza un paio di triple contro la difesa a zona, per una doppia cifra di vantaggio che diventa fardello troppo pesante da recuperare in ambito rivierasco.

Querciambiente Muggia-Almo Nature Genova 50-59 (10-12, 26-29, 38-41) 

Querciambiente Muggia: Meola, Borroni 14, Cergol 8, Castelletto, Cumbat, Romagnoli, Fragiacomo 5, Capolicchio 14, Palliotto 9, Rosin n.e. All. Trani

Almo Nature Genova: Bestagno 16, Bindelli 4, Piermattei n.e., Belfiore 2, Cerretti 1, Policastro n.e., Algeri 2, Principi 7, De Scalzi 18, Costa 9. All. Vaccaro

Ti è piaciuto questo articolo?

L’ A.s.d. Pallacanestro Interclub Muggia è lieta di comunicare che, in occasione delle future partite casalinghe di Poule Promozione che la 1° squadra disputerà ad Aquilinia, saranno previste le telecronache in diretta streaming di tutti i match che si disputeranno al palazzo dello sport di Piazzale Menguzzato.

Le partite che vedranno opposta la Querciambiente Muggia ad Almo Nature NBA-Zena Genova (sabato 8 febbraio, ore 20.30), Paddy Power Sesto S.Giovanni (sabato 15 febbraio, ore 20.30), Il Ponte Milano (sabato 1° marzo, ore 20.30) e Piramis Torino (sabato 5 aprile, ore 20.30) verranno trasmesse “LIVE” grazie alle riprese di Fluido.tv, società legata al mondo del video sul web che, già dalla stagione 2006/07, è al fianco dell’A.s.d. Pallacanestro Interclub Muggia quale media partner.

Il link di riferimento per seguire le dirette streaming sarà il seguente: http://www.muja.it

La società ricorda inoltre che le interviste del dopo-gara e la differita-web delle sopraccitate gare di campionato saranno visibili, come di consueto, sul sito ufficiale della squadra (http://www.pallacanestrointerclubmuggia.it) e su Elsitodesandro.it (http://www.elsitodesandro.it).

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallacanestro Interclub Muggia informa i propri supporters che sono ancora a disposizione 8 posti per la trasferta di Milano, in programma domenica 2 febbraio e valida per il primo turno di andata della Poule Promozione Girone Nord.

La partenza del pullman è fissata alle ore 10.00 dal parcheggio sottostante il palasport di Chiarbola, con sosta di un’ora circa prevista all’autogrill “Limenella”. Il bus ripartirà dal parcheggio del “PalaGiordani” di Milano subito dopo la fine del match, attorno alle ore 20.00: in entrambi i casi, la società raccomanda la massima puntualità.

Per informazioni e prenotazioni, è possibile contattare il numero 349-4711807

 

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallacanestro Interclub Muggia informa tutti gli interessati che, in occasione della partita di domenica 2 febbraio a Milano, sono a disposizione una ventina di posti in pullman per seguire la formazione rivierasca nella trasferta di campionato contro il Sanga.

E’ possibile dare la propria adesione, telefonando al numero 349/4711807.

 

Ti è piaciuto questo articolo?