Articoli

Colpo esterno, importante e ampiamente meritato, della Pallanuoto Trieste nella 6° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile. Gli alabardati hanno espugnato il campo della Rn Imperia per 5-9 grazie ad una prestazione di grande spessore. Il successo in terra ligure permette alla Pallanuoto Trieste di mantenere il 3° posto in classifica (in coabitazione con il Quinto) e di accorciare le distanze dal Brescia, nettamente battuto dal Chiavari. E sabato prossimo alla Bianchi andrà in scena il big-match con la capolista Como, la squadra senza dubbio più forte del torneo, che dopo l’eloquente 8-16 rifilato all’Andrea Doria resta ancora a punteggio pieno.

La Pallanuoto Trieste non sbaglia nulla sotto l’aspetto tattico e al cospetto di una squadra priva di centroboa forti sotto il piano fisico ma sempre molto dinamica, controlla la situazione con un’altra superba prestazione difensiva, concedendo appena 5 reti ai liguri e solo un 2/9 in superiorità numerica, compreso un rigore parato dal solito straordinario Jurisic. L’avvio di Aaron Giorgi e compagni è di quelli che fanno male e con le reti di Petronio (devastante in fase offensiva) e di Henriques Berlanga gli ospiti scappano sullo 0-3 al termine del 1° periodo. L’Imperia abbozza una reazione ma gli alabardati concedono pochissimo e si va al cambio di campo sul 2-5. In apertura di 3° periodo la squadra di Marinelli attraversa probabilmente l’unico momento di affanno di tutto il match, i liguri si portano sul 3-5 con Giordano e sembrano in grado di riaprire l’incontro. Ma è davvero l’ultimo acuto dell’Imperia, che subisce un pesante parziale di 0-3. Con gli alabardati avanti per 3-8 il 4° periodo scorre senza patemi, la squadra di Gerbò riesce appena ad addolcire il passivo, ma la sostanza non cambia. La Pallanuoto Trieste rifila all’Imperia alla prima sconfitta interna stagionale e si prepara nel migliore dei modi alla grande sfida con la capolista Como.

RN IMPERIA – PALLANUOTO TRIESTE 5-9 (0-3; 2-2; 1-3; 2-1)

RN IMPERIA: Foroni, Ferrari, Strafforello, Capanna, Emmolo, Giordano 2, Fratoni, Corio, Somà, Parodi 1, F. Rocchi, Amelio 1, G. Rocchi 1. All. Gerbò

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 5, F. Ferreccio, A. Giorgi, Krstovic, Verh, Covi, Namar 1, Berlanga 2, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

Arbitri: Bianchi e Romolini

NOTE: uscito per 3 falli gravi Lagonigro (T) nel 4° periodo, espulso con sostituzione G. Rocchi (I) nel 4° periodo; superiorità numeriche Imperia 2/9 + 2 rigori, Pallanuoto Trieste 5/7 + 1 rigore; nel 2° periodo Jurisic (T) ha parato un rigore a Amelio; spettatori 350 circa

 —

Gli altri risultati (6° giornata di andata): Sc Quinto – Plebiscito Padova 8-5, Chiavari – Pallanuoto Brescia 11-4, President Bologna – Torino 81 13-12, Lavagna 90 – Rn Sori 10-5, Andrea Doria – Como 8-16

La classifica: Como 18, Pallanuoto Brescia 13, Pallanuoto Trieste 12, Sc Quinto 12, Chiavari 10, Rn Imperia 8, President Bologna 7, Lavagna 90 7, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 5, Torino 81 4, Andrea Doria 1

Ti è piaciuto questo articolo?

La trasferta più lunga della stagione. Sabato 23 febbraio, nella 6° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile, la Pallanuoto Trieste (con inizio fissato alle ore 19.00) sarà impegnata sul campo della Rn Imperia. Quarta sfida consecutiva contro una squadra ligure per gli alabardati (2 sconfitte di misura e una larga vittoria il bilancio di questo filotto), attesi da una gara densa di insidie al cospetto di una compagine che nella piscina di casa riesce a dare il massimo.

La Pallanuoto Trieste è reduce dal brillante successo con il Lavagna e la settimana è trascorsa senza alcun intoppo per Aaron Giorgi e compagni. I ritmi di allenamento sono stati piuttosto sostenuti, il gruppo è apparso in buone condizioni sotto il piano fisico e non manca la giusta dose di entusiasmo. Ma con l’Imperia sarà dura. Alla Cascione i liguri hanno già regolato Chiavari (13-10) e Lavagna (16-13), mentre sabato scorso si sono arresi alla capolista Como per 9-7 ma non prima di aver messo in difficoltà quella che tutti considerano come la squadra più forte del torneo.

“Ci attende una gara molto impegnativa – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Ugo Marinelli – come ogni trasferta in questo campionato così livellato. L’Imperia ha cambiato poco rispetto allo scorso anno e può contare su un sistema di gioco piuttosto collaudato. Puntano un po’ meno sul centroboa e cercano di fare tantissimo movimento con gli esterni. Dovremo essere bravi e attenti a non concedere loro troppo spazio”. Occhi puntati in particolare su Amelio e Strafforello, 18 reti in coppia in questo primo scorcio di stagione, sui 2 Rocchi, sui vari Fratoni, Somà, Giordano. Elementi senza dubbio molto pericolosi.

Allo staff tecnico alabardato non manca comunque la fiducia in vista di questa delicata sfida. Sabato scorso la squadra ha dimostrato una tenuta atletica invidiabile, che ha permesso di piazzare l’allungo decisivo a cavallo di 3° e 4° periodo. Alla Cascione bisognerà ripetersi a questi livelli, magari giocare con maggiore precisione in fase offensiva e tenera a distanza i tiratori liguri. La Pallanuoto Trieste resta la miglior difesa del torneo con appena 22 reti subite (una media di poco superiore ai 4 gol a partita) e in fase offensiva, con il pieno recupero di Miroslav Krstovic, gli automatismi non potranno che migliorare. “A Imperia possiamo fare risultato – conclude Marinelli – ma bisognerà giocare con la massima attenzione per tutta la durata dell’incontro. E cercare di contenere la loro solita esuberanza”.

A dirigere la partita di sabato sono stati designati Bianchi e Romolini.

Le partite di sabato 23 febbraio (6° giornata di andata): Andrea Doria – Como, Lavagna 90 – Rn Sori, Rn Imperia – Pallanuoto Trieste, President Bologna – Torino 81, Chiavari – Pallanuoto Brescia, Sc Quinto – Plebiscito Padova

La classifica: Como 15, Pallanuoto Brescia 13, Pallanuoto Trieste 9, Rn Imperia 9, Sc Quinto 9, Chiavari 7, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 5, Torino 81 4, President Bologna 4, Lavagna 90 4, Andrea Doria 1

Se ne parla qui sul forum -> http://www.elsitodesandro.it/invboard/index.php?showtopic=13587

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallanuoto Trieste ritorna alla vittoria grazie al nitido 11-5 rifilato al Lavagna 90 nella 5° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile. Successo meritato quello conquistato dagli alabardati alla Bruno Bianchi, dopo una partita sofferta nella prima parte ma poi risolta grazie ad una ritrovata precisione in fase offensiva. I 3 punti proiettano la squadra di Marinelli nel plotone delle terze in classifica, alle spalle di Como (ancora a punteggio pieno) e Brescia, che sembrano destinate a prendere il largo. E sabato prossimo la Pallanuoto Trieste sarà di scena a Imperia, campo piuttosto ostico, al cospetto di una squadra in lotta per le posizioni di vertice.

Non è stato semplice per Aaron Giorgi e compagni venire a capo della pratica Lavagna 90. La compagine ligure, neopromossa in serie A2, ha badato soprattutto a tenere bassi i ritmi e in difesa, con una zona ben organizzata, ha messo in evidente difficoltà le manovre offensive della Pallanuoto Trieste. Dopo i primi 2 periodi di gioco la squadra di casa si trova avanti per 2-1 grazie alle reti di Henriques Berlanga e Ferreccio (splendida bordata sul primo palo) ma le statistiche recitano 1/4 in superiorità numerica e 2/16 al tiro in totale.

La scossa arriva nel 3° periodo. Il Lavagna si apre, torna per un paio di volte sotto con Parisi e Cimarosti, negli ultimi 120” del tempo la Pallanuoto Trieste cambia finalmente marcia. Capitan Giorgi firma il 4-3 in superiorità numerica sfruttando un preciso assist di Ferreccio, Petronio colpisce dalla distanza e poi arriva anche la rete del ’97 Spadoni, che firma il 6-3. I liguri non riescono più a reggere il ritmo imposto dai padroni di casa e nel 4° periodo la Pallanuoto Trieste dilaga. Namar sigla il 7-3 anticipando con una intelligente colomba il portiere in uscita, Spadoni fa doppietta, poi ci pensa ancora capitan Giorgi, compresa una superba rovesciata dalla posizione di centroboa, a chiudere i conti sul 10-3 a 3′ dalla fine. Nel finale poi arriva anche la rete di Krstovic, al rientro dopo un paio di settimane di stop per infortunio. Trieste torna a sorridere e si merita gli applausi del pubblico della Bianchi. Dietro l’angolo però sono in arrivo due impegni estremamente severi, con Rn Imperia (in trasferta) e la capolista Como. Il bello – e il difficile – deve ancora arrivare.

PALLANUOTO TRIESTE – LAVAGNA 90 11-5 (1-1; 1-0; 4-2; 5-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 2, F. Ferreccio 1, A. Giorgi 3, Krstovic 1, Verh, Covi, Namar 1, Henriques Berlanga 1, Spadoni 2, Lagonigro, Giacomini. All. Marinelli

LAVAGNA 90: Ammendola, Menicocci, Pedroni, Governari, Giusti, Cimarosti 1, Pisoni, Cotella, Felugo 1, Martini, Bianchetti 1, Parisi 2, Cichero. All. Antonucci

Arbitri: Corelli di Roma e Ricciotti di Roma

NOTE: nessuno uscito per 3 falli gravi; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 3/8, Lavagna 3/8; spettatori 300 circa

Gli altri risultati (5° giornata di andata): Pallanuoto Brescia – President Bologna 11-10, Como – Rn Imperia 9-7, Plebiscito Padova – Chiavari 7-9, Rn Sori – Sc Quinto 7-8, Torino 81 – Andrea Doria 11-10

La classifica: Como 15, Pallanuoto Brescia 13, Pallanuoto Trieste 9, Sc Quinto 9, Rn Imperia 9, Chiavari 7, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 5, Torino 81 4, President Bologna 4, Lavagna 90 4, Andrea Doria 1

Ti è piaciuto questo articolo?

Interrompere la serie negativa. Nella 5° giornata del campionato di serie A2 maschile, in programma sabato 16 febbraio, la Pallanuoto Trieste ospita alla Bruno Bianchi (con inizio fissato alle ore 18.30) il Lavagna 90. Partita importante per gli alabardati, arrivati al terzo confronto di fila con compagini liguri – e sabato prossimo con la trasferta di Imperia saranno 4 – reduci però da 2 brucianti sconfitte, entrambe maturate negli ultimi istanti di gioco.

La Pallanuoto Trieste sembra comunque aver smaltito le scorie accumulate dopo le sfortunate prestazioni con Chiavari e Sc Quinto. Partite che non hanno fruttato punti, ma che hanno messo in luce le innegabili qualità della squadra di Ugo Marinelli, legate in particolare all’impermeabilità difensiva della compagine alabardata, che ha subito appena 17 gol in 4 partite, il dato migliore dell’intero campionato. Come evidenti sono le difficoltà offensive della Pallanuoto Trieste (27 gol segnati), in particolare nelle situazioni di superiorità numerica. La nota lieta del confronto con il Lavagna è legata al rientro di Miroslav Krstovic (in foto, NdA), fermo da 2 settimane dopo l’infortunio al pettorale destro rimediato a Bologna. L’attaccante serbo è tornato a disposizione di Marinelli già nella trasferta di Bogliasco, ma è stato precauzionalmente tenuto a riposo. Sabato invece dovrebbe riprendere il suo posto in acqua e rendere più fluidi gli schemi della Pallanuoto Trieste in situazione di superiorità numerica.

“Il Lavagna è una squadra pericolosa – spiega l’allenatore della compagine alabardata Ugo Marinelli – che ancora in questo campionato non ha espresso tutte le proprie potenzialità. In attacco i liguri possono schierare elementi di talento e qualità, bisognerà giocare con grande attenzione. Loro si presentano da neopromossi in serie A2, ma questo non renderà la partita di sabato più semplice”. Attenzione quindi ai vari Felugo, Bianchetti, Parisi e Cichero, giocatori di spessore e capaci di trovare con una certa continuità pericolose soluzioni offensive.

In settimana comunque la Pallanuoto Trieste si è allenata con la consueta intensità. Saltata (per questioni metereologiche) l’ormai classica sfida con il Vk Optaija, Aaron Giorgi e compagni hanno optato per un confronto in famiglia. Buone indicazioni per il tecnico, che può contare su un gruppo apparso in palla sotto il punto di vista fisico e desideroso di riscatto dopo le due sconfitte consecutive.

Infine, la designazione arbitrale: la partita tra Pallanuoto Trieste e Lavagna 90 sarà diretta da due “fischietti” romani, Ugo Corelli e Fabio Ricciotti.

***

Le partite di sabato 16 febbraio (5° giornata di andata): Torino 81 – Andrea Doria, Rn Sori – Sc Quinto, Plebiscito Padova – Chiavari, Como – Rn Imperia, Pallanuoto Trieste – Lavagna 90, Pallanuoto Brescia – President Bologna

La classifica: Como 12, Pallanuoto Brescia 10, Rn Imperia 9, Pallanuoto Trieste 6, Plebiscito Padova 6, Sc Quinto 6, Rn Sori 5, Lavagna 90 4, President Bologna 4, Chiavari 4, Torino 81 1, Andrea Doria 1

 

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallanuoto Trieste non riesce nell’impresa di conquistare un risultato positivo a Bogliasco. Nella 4° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile gli alabardati sono stati superati dal Quinto per 6-5, grazie ad un gol siglato da Luccianti in situazione di superiorità numerica a 40” dalla sirena finale. E dopo il capitombolo interno con il Chiavari, arrivato proprio nelle battute conclusive del match, matura un’altra beffa per gli alabardati, bravi nel tenere a bada i forti padroni di casa per tutta la durata dell’incontro, ma puniti da un paio di episodi sfavorevoli che hanno fatto la differenza.

Gara equilibrata, con le squadre che si affrontano su ritmi molto alti di gioco. Miroslav Ksrtovic, dopo l’infortunio di Bologna, torna a disposizione di Ugo Marinelli ma il tecnico della Pallanuoto Trieste preferisce non rischiare l’attaccante serbo, che resta in panchina per tutti i 32′ di gioco. Il Quinto si porta in vantaggio con un gol di Galassi, risponde Gabriel Namar e dopo 8′ il punteggio è fissato sull’1-1. La compagine triestina si affida in attacco alle iniziative di Ray Petronio e Filippo Ferreccio, che trascinano gli ospiti sul 2-3 al cambio di campo. Nel 3° periodo arriva il pari dei liguri, poi Trieste si riporta avanti. Si entra negli ultimi 8′ di partita con il punteggio fissato sul 3-4, la sfida si deciderà in volata. In apertura di 4° periodo il Quinto sfrutta alla perfezione una superiorità numerica per raggiungere il pareggio (4-4), poi i liguri operano anche il sorpasso grazie ad una rapida controfuga: 5-4 a 3′ dalla fine. La reazione della Pallanuoto Trieste è immediata e Ferreccio realizza un gran gol che vale il 5-5. Si arriva all’epilogo, con la rete di Luccianti che firma il definitivo 6-5 a 40” dalla sirena finale. Gli alabardati però costruiscono l’occasione del pareggio, con Petronio che si libera sui 2 metri e scaglia a botta sicura verso la porta di Scanu, che con un autentico miracolo evita un pari che la Pallanuoto Trieste avrebbe anche meritato. I liguri festeggiano, alla Pallanuoto Trieste restano i rimpianti per una prestazione positiva, ma purtroppo inficiata da un paio di ingenuità pagate a caro prezzo. Con il Lavagna sabato prossimo alla Bianchi bisognerà invertire immediatamente la rotta.

SC QUINTO – PALLANUOTO TRIESTE 6-5 (1-1; 1-2; 1-1; 3-1)

SC QUINTO: Scanu, Brondi, Fajette, Luccianti 3, Galassi 2, Turbati, Fracas, Westermann, Hollis, Bittarello 1, Spigno, Pino, Fulcheris. All. Paganuzzi

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 2, F. Ferreccio 2, A. Giorgi, Krstovic, Verh, Covi, Namar 1, Henriques Berlanga, Spadoni, Giacomini, Lagonigro. All. Marinelli

Arbitri: Fusco e Taccini

NOTE: nessuno uscito per 3 falli gravi; superiorità numeriche Quinto 2/6 + 1 rigore, Pallanuoto Trieste 2/6; spettatori 300 circa

Gli altri risultati (4° giornata di andata): President Bologna – Plebiscito Padova 9-8, Andrea Doria – Rn Imperia 3-5, Lavagna 90 – Como 6-11, Chiavari – Rn Sori 5-5, Torino 81 – Pallanuoto Brescia 10-10

La classifica: Como 12, Pallanuoto Brescia 10, Rn Imperia 9, Sc Quinto 6, Pallanuoto Trieste 6, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 5, Lavagna 90 4, President Bologna 4, Chiavari 4, Torino 81 1, Andrea Doria 1

Ti è piaciuto questo articolo?

A caccia del riscatto su uno dei campi più difficili di tutta la categoria. Sabato 9 febbraio, nella 4° giornata del campionato di serie A2 maschile, la Pallanuoto Trieste sarà impegnata a Bogliasco (si gioca alle ore 18.00) per affrontare il temibile Sc Quinto. Nella prima – insidiosa – trasferta ligure della stagione, la squadra alabardata è chiamata a riscattare la battuta d’arresto casalinga patita contro il Chiavari. Ma non sarà facile, anche perchè il Quinto di Marco Paganuzzi è senza dubbio una squadra di notevole qualità, difficilmente superabile sul campo amico.

In casa Pallanuoto Trieste non è ancora rientrato l’allarme riguardo le condizioni di Miroslav Krstovic. L’attaccante serbo ha ripreso ad allenarsi con continuità, sembra non accusare particolari problemi sotto il piano del nuoto, ma fatica ancora nella gestione del pallone. L’infortunio al pettorale destro appare ormai in via di guarigione, Krstovic sarà impiegato nella trasferta di Bogliasco, ma il suo stato di forma non si può certo definire brillante.

“E’ stata una settimana difficile – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Ugo Marinelli – ci siamo allenati con buona continuità ma nell’amichevole con il Vk Opatija non abbiamo fatto bene. Loro sono in crescita di condizione, noi invece eravamo un po’ scarichi. Nessun problema comunque, andiamo a Bogliasco con tutta l’intenzione di giocare la nostra partita e dare il massimo. E’ un campo difficile, sappiamo che ci attende una sfida molto insidiosa. Ma noi ci proveremo comunque”. Krstovic a parte, la Pallanuoto Trieste si presenta alla sfida con il Quinto al completo. Petronio e Namar, dopo i problemi accusati la scorsa settimana, hanno pienamente recuperato. Buone notizie, anche in vista dei prossimi durissimi impegni con Lavagna 90, Imperia e Como, un trittico estremamente delicato per gli alabardati.

I liguri padroni di casa possono contare su una squadra ricca di esperienza e talento, con l’obiettivo dichiarato di conquistare i play-off promozione. Attenzione all’australiano Hollis, autore di 8 reti in campionato, al pericoloso Fulcheris, all’esperto Luccianti, all’attento portiere Scanu, ai vari Brondi, Galassi e Turbati, autentici veterani di questa squadra. Il Quinto è comunque reduce da un avvio di campionato non semplice: sconfitta esterna con il neopromosso Lavagna all’esordio, ampio successo casalingo sull’Imperia (10-5) e poi capitombolo esterno a Como (14-12), maturato soltanto negli ultimi 60” di gioco. Nello scorso campionato gli alabardati strapparono un clamoroso successo a Bogliasco, interrompendo la lunga imbattibilità casalinga del Quinto. Servirà un’altra impresa per tornare dalla Liguria con il bottino pieno.

Le partite di sabato 9 febbraio (4° giornata di andata): Andrea Doria – Rn Imperia, Lavagna 90 – Como, Torino 81 – Pallanuoto Brescia, President Bologna – Plebiscito Padova, Chiavari – Rn Sori, Sc Quinto – Pallanuoto Trieste

La classifica: Como 9, Pallanuoto Brescia 9, Pallanuoto Trieste 6, Rn Imperia 6, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 4, Lavagna 90 4, Sc Quinto 3, Chiavari 3, Andrea Doria 1, President Bologna 1, Torino 81 0

Ti è piaciuto questo articolo?

Sconfitta casalinga per la Pallanuoto Trieste, superata dal Chiavari per 3-4 nella 3° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile. Battuta d’arresto dal sapore di beffa quella accusata dagli alabardati, raggiunti e superati dai liguri negli ultimi 3′ di gioco. Peccato davvero: Trieste spreca una ghiotta opportunità di incamerare la terza vittoria consecutiva in campionato dopo un match combattuto, giocato con grande intensità in fase difensiva ma inficiato da troppi errori al tiro. Eloquente lo 0/7 in situazione di superiorità numerica (più un rigore sbagliato), che l’assenza di un elemento fondamentale come Miroslav Krstovic non basta a giustificare.

La Pallanuoto Trieste parte forte e dopo 2’55” si porta in vantaggio grazie ad una rete di Petronio, servito con un perfetto assist da Filippo Ferreccio. La squadra di Marinelli avrebbe anche la possibilità di dilagare, ma sempre Petronio prima fallisce una facile occasione solo davanti al portiere, poi sbaglia un tiro di rigore. Errori che il Chiavari non perdona e con Guido Ferreccio realizza l’1-1 in situazione di superiorità numerica. Un risultato che va strettissimo alla Pallanuoto Trieste.

Si segna poco, e ancora una volta la squadra di Marinelli si affida ad una invidiabile tenuta difensiva, garantita dalle parate del solito straordinario Jurisic. In apertura di 2° periodo gli alabardati tornano avanti grazie ad una bella conclusione di Giacomini (2-1), controllano senza patemi il Chiavari ma faticano tantissimo in fase di conclusione. Non si segna per lunghissimi minuti e il 3° periodo scivola via sul parziale di 0-0.

L’ultima frazione si apre con il pari dei liguri, firmato dal croato Popovic che sfrutta bene un rapido contropiede (2-2). La sterilità offensiva della Pallanuoto Trieste prosegue e serve l’invenzione del più giovane in vasca, il ’97 Elia Spadoni, per sbloccare la situazione. Il numero 11 in calottina bianca riceve un pallone da Petronio, sbilancia il portiere con una finta e appoggia il pallone che vale il 3-2 con 4’26” ancora da giocare. Trieste spreca un paio di occasioni per allungare e a 2’55” dalla fine deve capitolare alla conclusione di Monari, che insacca il 3-3 in situazione di superiorità numerica. Il Chiavari crede nella possibilità di incamerare i primi punti della stagione e a 53” dalla fine trova anche il gol del 3-4, siglato da Popovic ancora in situazione di uomo in più. Trieste ha l’occasione per pareggiare, a 35” dal termine gestisce un possesso in superiorità numerica, ma ancora una volta gli attaccanti sprecano. Il Chiavari festeggia, alla Pallanuoto Trieste restano i rimpianti per un successo sperperato per i troppi errori.

PALLANUOTO TRIESTE – CHIAVARI 3-4 (1-1; 1-0; 0-0; 1-3)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 1, F. Ferreccio, Giorgi, Podgornik, Verh, Covi, Namar, Henriques Berlanga, Spadoni 1, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

CHIAVARI: P. Oliva, Rolla, G. Ferreccio 1, D. Venturelli, N. Oliva, Barrile, Popovic 2, Monari 1, Besate, Botto, Franceschetti, Sanguineti, Casazza. All. P. Venturelli

Arbitri: Bianco di Genova e Ruscica di Milano

NOTE: superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 0/7 + 1 rigore, Chiavari 3/6; nel 1° periodo P. Oliva (C) ha parato un rigore a Petronio (T); nessuno uscito per limite di falli; spettatori 400 circa

Gli altri risultati (3° giornata di andata): Pallanuoto Brescia – Andrea Doria 9-8, Rn Sori – President Bologna 10-10, Plebiscito Padova – Torino 81 12-11, Como – Sc Quinto 14-12, Rn Imperia – Lavagna 90 16-13

La classifica: Como 9, Pallanuoto Brescia 9, Pallanuoto Trieste 6, Rn Imperia 6, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 4, Lavagna 90 4, Sc Quinto 3, Chiavari 3, Andrea Doria 1, President Bologna 1, Torino 81 0

Ti è piaciuto questo articolo?

Servirà un’autentica impresa. O Quasi. Nella 3° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile, sabato 2 febbraio alla Bruno Bianchi, nel consueto orario delle 18.30, la Pallanuoto Trieste ospita il Chiavari. A leggere la classifica, e i risultati di questi primi due turni stagionali, con gli alabardati reduci dalle brillanti vittorie ottenute con Torino 81 (10-4) e President Bologna (3-9 alla Sterlino), e i liguri ancora fermi a quota zero punti, si potrebbe anche pensare ad una sfida dal pronostico favorevole alla Pallanuoto Trieste. Niente di tutto questo. Continua a leggere

Ti è piaciuto questo articolo?

Si chiude con un pareggio – sostanzialmente giusto – la sfida tra Pallanuoto Trieste e Plebiscito Padova, ultimo test amichevole per gli alabardati prima dell’inizio del campionato di serie A2 maschile, in programma sabato 19 gennaio. Alla Bruno Bianchi è stata partita vera, combattuta, giocata nel complesso bene soprattutto dai veneti, raggiunti dalla Pallanuoto Trieste sull’8-8 grazie ad una veemente reazione nei minuti finali di gara. La prestazione degli alabardati non è stata particolarmente brillante, la squadra di Marinelli ha sbagliato molto in fase offensiva, fallendo diverse occasioni piuttosto facili e ha concesso ad un Padova molto pimpante di scappare anche sul +4 nell’ultimo periodo di gioco. Ma proprio quando il Plebiscito sembrava in pieno controllo della situazione, la Pallanuoto Trieste ha infilato un secco parziale di 4-0. Bene per gli alabardati la truppa dei giovani, in particolare il ’95 Covi e il ’97 Spadoni, che hanno lottato con grande grinta e determinazione. Un segnale certamente positivo in vista dell’avvio del campionato di serie A2 maschile, che si preannuncia come sempre piuttosto difficile.
In avvio di partita la Pallanuoto Trieste sblocca subito il risultato grazie ad una rete di Namar in superiorità numerica, fallisce alcune ghiotte occasioni per il raddoppio e poi si fa riprendere dal Padova sull’1-1. Gli ospiti giocano con maggiore aggressività e nel secondo periodo scappano sull’1-3, prima della rete di Giorgi con l’uomo in più che riporta Trieste in scia. Come ogni derby che si rispetti, la partita diventa tesa e molto combattuta. Nel 3° periodo il Padova sfrutta alla perfezione tutte le indecisioni degli alabardati e con un pizzico di fortuna (vedi un paio di involontarie deviazioni che mettono fuori causa Jurisic) si porta sul 3-6. Henriques Berlanga fallisce un comodo “uno-contro-zero” e sul ribaltamento di fronte arriva anche il gol del 3-7. Sembra fatta per i patavini. Nel 4° periodo gli ospiti, guidati in panchina dal triestino Cattaruzzi, badano soprattutto a controllare la situazione. Sul 4-8 a 4′ dalla fine la Pallanuoto Trieste cambia finalmente marcia. Una stoccata di Petronio, poi due reti in rapida successione di Henriques Berlanga e Ferreccio riaprono i conti: 7-8. A 2′ dalla fine arriva anche il pareggio (8-8) firmato da Namar in azione di controfuga. E adesso sotto con il Torino 81: con i piemontesi infatti la Pallanuoto Trieste esordirà nel campionato di serie A2 maschile. Sarà assolutamente vietato distrarsi.

PALLANUOTO TRIESTE – PLEBISCITO PADOVA 8-8 (1-1; 1-2; 2-4; 4-1)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 1, Henriques Berlanga 1, Giorgi 1, Krstovic 2, Verh, Covi, Namar 2, Ferreccio 1, Spadoni, Lagonigro, Giacomini. All. Marinelli

Alessandro Scollo

Ti è piaciuto questo articolo?