Articoli

Adesso è ufficiale. La Pallanuoto Trieste del presidente Enrico Samer cambia e affida la panchina della prima squadra di serie A2 maschile a Stefano Piccardo, classe 1971, genovese di Voltri, reduce dalle esaltanti esperienze con Rn Imperia e Como. Si tratta di un avvicendamento importante, anche perchè arriva dopo 8 stagioni di gestione Ugo Marinelli. Sotto la guida del tecnico di Fiume la Pallanuoto Trieste è ritornata ai vertici della waterpolo nazionale, una cavalcata partita dalla serie C e che si è fermata alla semifinale play-off con il Vis Nova Roma. Otto anni non si dimenticano facilmente, e non bastano le classiche formule di rito per esprimere la gratitudine della società verso il lavoro di un allenatore che ha portato in alto la squadra alabardata. Due promozioni, una straordinaria salvezza (quella in A2 nel 2009), quattro volte di fila la qualificazione ai play-off promozione, il grande lavoro svolto con il settore giovanile, che ha traghettato in piana stabile in prima squadra (e nelle nazionali azzurre di categoria) alcuni talenti dal futuro assicurato.

Ma adesso si volta pagina e in casa Pallanuoto Trieste inizia l’era di Stefano Piccardo. Un allenatore che conosce benissimo la serie A2, visto che è riuscito a vincerla per due volte: nel 2009 con l’Imperia, guidata poi alla salvezza l’anno successivo in A1, e nel 2013 con il Como, preso in serie B e trascinato in massima serie nell’arco di 4 stagioni. Un vincente, insomma, che adesso è pronto a tuffarsi in questa nuova avventura, che prevede un contratto triennale. “Ho tantissimo entusiasmo – spiega l’allenatore ligure – non vedo l’ora di iniziare a lavorare con la nuova squadra. Abbiamo davanti un progetto a lungo termine con un obiettivo chiaro, quello di valorizzare i giocatori locali. Servirà ovviamente un po’ di tempo per conoscere questa nuova realtà, ma credo ci siano tutte le condizioni per fare bene”. Piccardo è molto chiaro anche sui motivi che l’hanno convinto ad accettare la proposta della Pallanuoto Trieste. “Ho parlato con Andrea Brazzatti, lo conosco da tempo e lo considero una persona che conosce benissimo questo sport. Mi ha illustrato il suo progetto, l’ho accettato con tanta voglia di fare bene e di dare il mio contributo”.

Estremamente soddisfatto anche il direttore sportivo della Pallanuoto Trieste. “Ci affidiamo ad un tecnico molto preparato – spiega il dirigente triestino – che punta in particolare sulla crescita dei giovani. A Imperia e Como ha fatto davvero grandi cose, speriamo possa ripetersi anche con noi. Ci attendono 3 anni di lavoro insieme, inizia davvero una nuova avventura per la nostra società”.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Continuare a vincere. E’ questo l’obiettivo dichiarato della Pallanuoto Trieste, impegnata sabato 4 maggio (con inizio alle ore 18.00) sul campo del Lavagna 90 nella 5° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile. Gli alabardati, dopo la splendida impresa casalinga col Quinto della scorsa settimana e dopo aver riconquistato il 2° posto in classifica, adesso guardano anche più in alto. La capolista Como infatti è attesa dalla difficile trasferta sul campo della Rn Imperia, il sorpasso – in caso di successo in Liguria – potrebbe diventare cosa fatta.

La squadra di Ugo Marinelli, e tutto lo staff dirigenziale, non disdegnano comunque di guardasi alle spalle, per mettere prima di tutto al sicuro la qualificazione ai play-off promozione, destinata alle prime 4 in classifica, che andranno poi a incrociare le 4 più forti del girone Sud. La trasferta di Lavagna, a sole 7 gare dalla conclusione della stagione regolare, diventa un appuntamento importante per la Pallanuoto Trieste. “E’ una di quelle classiche partite assolutamente da non sottovalutare – spiega l’allenatore alabardato – al cospetto di una squadra in lotta nelle zone basse della classifica ma in possesso di qualche elemento molto valido per la categoria. Dovremo giocare con la giusta dose di concentrazione e imporre tutta la nostra maggiore qualità”. Il Lavagna – neopromosso in serie A2 – si ritrova invischiato nella lotta per non retrocedere, anche se con qualche lunghezza di vantaggio sulle pericolanti Torino 81, Plebiscito Padova e Andrea Doria. Squadra molto “casalinga” quella di Antonucci, considerato che sui 15 punti conquistati, 13 sono arrivati alla Comunale. Attenzione in particolare a Parisi e l’ex Quinto Bianchetti (25 e 22 gol stagionali rispettivamente), e ai vari Felugo, Martini e Cimarosti.

In casa Pallanuoto Trieste la preparazione in vista della trasferta di Lavagna si è svolta secondo i programmi. La squadra ha lavorato con la solita attenzione, il gruppo è apparso in ottime condizioni fisiche e non manca ovviamente un pizzico di ottimismo. Poco prima della partenza per la Liguria, una piccola delegazione della squadra è stata gradita ospite degli organizzatori della Bavisela, nella cornice di un simpatico evento dedicato alle società giunte ad un compleanno in “cifra tonda”. E la Pallanuoto Trieste nel 2013 compie 10 anni.

 —

Le partite di sabato 4 maggio (5° giornata di ritorno): Andrea Doria – Torino 81, Sc Quinto – Rn Sori, Chiavari – Plebiscito Padova, Rn Imperia – Como, Lavagna 90 – Pallanuoto Trieste, President Bologna – Pallanuoto Brescia

La classifica: Como 34, Pallanuoto Trieste 33, Sc Quinto 32, Chiavari 28, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 17, Lavagna 90 15, Torino 81 10, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?

Tempo di derby alla Bruno Bianchi. Mercoledì 20 marzo, con inizio alle ore 20.30, la Pallanuoto Trieste affronterà il Plebiscito Padova nella 10° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile. Una sfida che si preannuncia particolarmente accesa, sentita da ambo le parti, che mette di fronte due realtà che da anni si affrontano in vasca all’insegna di una sana rivalità sportiva.

Sono tantissimi i motivi di interesse del derby del Triveneto di mercoledì sera. La Pallanuoto Trieste è reduce dall’inattesa sconfitta di sabato a Sori, il Plebiscito invece è riuscito nell’impresa di bloccare sul pareggio (11-11) la capolista Como. Sono comunque 8 i punti in classifica che dividono le due squadre, con gli alabardati proiettati in zona play-off e i patavini a caccia di una salvezza tranquilla. Alla Bianchi, questo è certo, sarà battaglia. Come sottolinea Ugo Marinelli, uno dei tanti ex di questo confronto. “Il Plebiscito è una squadra che conosciamo bene – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste – di grande temperamento e determinazione. Forse non possiedono qualità tecniche eccelse, ma possono mettere in difficoltà tutti in questo torneo. Poi quando giocano contro di noi trovano motivazioni particolari per dare il massimo”.

La sconfitta patita contro il Sori non sembra aver lasciato scorie particolari in casa Pallanuoto Trieste. La squadra ha prima smaltito le fatiche dell’ennesima trasferta in terra ligure e poi ha iniziato a preparare il derby. Il gruppo è apparso in buone condizioni fisiche, ma per conquistare il bottino pieno mercoledì bisognerà esprimersi ad alti livelli. “Non ci sono partite facili in questo campionato – conclude Marinelli – figuriamoci quella con il Plebiscito Padova. Dovremo giocare con determinazione e lucidità, ed esser bravi a sfruttare al meglio le nostre qualità”.

I precedenti nel derby del Triveneto sono sostanzialmente favorevoli al Plebiscito Padova. La Pallanuoto Trieste non vince questo confronto dal marzo del 2011 (decise un gol di Andrea Brazzatti a 6” dalla fine) e il ricordo della pazzesca rimonta subita lo scorso anno alla Bianchi tormenta ancora i ricordi dei tifosi alabardati. Avanti di 4 gol nell’ultimo periodo di gioco, gli alabardati vennero ripresi e superati dai patavini con una rete arrivata a 70 centesimi dalla sirena finale. Il Padova poi vinse anche il derby di ritorno. Insomma, alla Bianchi sarà battaglia.

 —

Le partite di mercoledì 20 marzo (10° giornata di andata): Lavagna 90 – President Bologna, Rn Imperia – Torino 81, Rn Sori – Andrea Doria, Como – Pallanuoto Brescia, Sc Quinto – Chiavari, Pallanuoto Trieste – Plebiscito Padova

La classifica: Como 22, Sc Quinto 19, Pallanuoto Trieste 18, Rn Imperia 18, Chiavari 17, Pallanuoto Brescia 15, President Bologna 11, Plebiscito Padova 10, Lavagna 90 8, Rn Sori 8, Torino 81 7, Andrea Doria 1

Ti è piaciuto questo articolo?

Ancora una squadra ligure sulla strada della Pallanuoto Trieste. Sabato 9 marzo, nell’8° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile, la squadra alabardata sarà di scena presso la piscina di Sori (Genova) per affrontare l’Andrea Doria, con inizio fissato alle ore 17.00. Impegno importante per la compagine di Marinelli, lanciatissima dopo la splendida impresa della scorsa settimana con la capolista Como, che dovrà affrontare un Andrea Doria in crisi di risultati e ancora fermo a quota 1 in classifica. A leggere la graduatoria, con la Pallanuoto Trieste al 2° posto e i liguri relegati in fondo, si potrebbe pensare ad un impegno agevole per la compagine alabardata. Ma a Sori bisognerà giocare al massimo della concentrazione.

“Non possiamo permetterci di sottovalutare l’Andrea Doria – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Ugo Marinelli – sarebbe un errore imperdonabile. La squadra ligure non sta certo attraversando un buon momento, sembrano in affanno soprattutto sotto il piano fisico. Ma servirà un’altra prestazione di alto livello per conquistare il bottino pieno”. La squadra guidata da Della Zuana, neopromossa in serie A2, è reduce da ben 5 sconfitte consecutive e l’unico punto stagionale l’ha conquistato lo scorso 26 gennaio nel derby con il Lavagna 90. I genovesi hanno comunque messo in difficoltà Pallanuoto Brescia, Rn Imperia e Torino 81, mentre sabato scorso sono stati nettamente superati dal President Bologna per 9-4. “Non guardiamo i risultati delle altre partite – spiega Marinelli – dobbiamo soltanto pensare a giocare come sappiamo fare”.

Qualche problema in settimana in casa Pallanuoto Trieste. Filippo Ferreccio e Ray Petronio sono stati colpiti da una leggera forma influenzale, hanno saltato un paio di allenamenti ma la loro presenza sabato a Sori non è in dubbio. La squadra ha comunque lavorato con grande intensità e il morale, dopo il successo con il Como, è alle stelle. La solita amichevole infrasettimanale con i croati del Vk Opatija ha offerto buone indicazioni al tecnico alabardato. “Stiamo bene, la squadra è in buone condizioni fisiche, Ferreccio e Petronio sono recuperabili senza problemi. Ci attende una trasferta importante, vogliamo continuare a vincere per restare in alto in classifica”.

 —

Le partite di sabato (8° giornata di andata): Sc Quinto – Torino 81, Como – Rn Sori, Chiavari – President Bologna, Rn Imperia – Plebiscito Padova, Lavagna 90 – Pallanuoto Brescia, Andrea Doria – Pallanuoto Trieste

La classifica: Como 18, Pallanuoto Trieste 15, Pallanuoto Brescia 14, Sc Quinto 13, Chiavari 13, Rn Imperia 12, President Bologna 10, Plebiscito Padova 9, Lavagna 90 7, Rn Sori 5, Torino 81 4, Andrea Doria 1

Ti è piaciuto questo articolo?

La trasferta più lunga della stagione. Sabato 23 febbraio, nella 6° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile, la Pallanuoto Trieste (con inizio fissato alle ore 19.00) sarà impegnata sul campo della Rn Imperia. Quarta sfida consecutiva contro una squadra ligure per gli alabardati (2 sconfitte di misura e una larga vittoria il bilancio di questo filotto), attesi da una gara densa di insidie al cospetto di una compagine che nella piscina di casa riesce a dare il massimo.

La Pallanuoto Trieste è reduce dal brillante successo con il Lavagna e la settimana è trascorsa senza alcun intoppo per Aaron Giorgi e compagni. I ritmi di allenamento sono stati piuttosto sostenuti, il gruppo è apparso in buone condizioni sotto il piano fisico e non manca la giusta dose di entusiasmo. Ma con l’Imperia sarà dura. Alla Cascione i liguri hanno già regolato Chiavari (13-10) e Lavagna (16-13), mentre sabato scorso si sono arresi alla capolista Como per 9-7 ma non prima di aver messo in difficoltà quella che tutti considerano come la squadra più forte del torneo.

“Ci attende una gara molto impegnativa – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Ugo Marinelli – come ogni trasferta in questo campionato così livellato. L’Imperia ha cambiato poco rispetto allo scorso anno e può contare su un sistema di gioco piuttosto collaudato. Puntano un po’ meno sul centroboa e cercano di fare tantissimo movimento con gli esterni. Dovremo essere bravi e attenti a non concedere loro troppo spazio”. Occhi puntati in particolare su Amelio e Strafforello, 18 reti in coppia in questo primo scorcio di stagione, sui 2 Rocchi, sui vari Fratoni, Somà, Giordano. Elementi senza dubbio molto pericolosi.

Allo staff tecnico alabardato non manca comunque la fiducia in vista di questa delicata sfida. Sabato scorso la squadra ha dimostrato una tenuta atletica invidiabile, che ha permesso di piazzare l’allungo decisivo a cavallo di 3° e 4° periodo. Alla Cascione bisognerà ripetersi a questi livelli, magari giocare con maggiore precisione in fase offensiva e tenera a distanza i tiratori liguri. La Pallanuoto Trieste resta la miglior difesa del torneo con appena 22 reti subite (una media di poco superiore ai 4 gol a partita) e in fase offensiva, con il pieno recupero di Miroslav Krstovic, gli automatismi non potranno che migliorare. “A Imperia possiamo fare risultato – conclude Marinelli – ma bisognerà giocare con la massima attenzione per tutta la durata dell’incontro. E cercare di contenere la loro solita esuberanza”.

A dirigere la partita di sabato sono stati designati Bianchi e Romolini.

Le partite di sabato 23 febbraio (6° giornata di andata): Andrea Doria – Como, Lavagna 90 – Rn Sori, Rn Imperia – Pallanuoto Trieste, President Bologna – Torino 81, Chiavari – Pallanuoto Brescia, Sc Quinto – Plebiscito Padova

La classifica: Como 15, Pallanuoto Brescia 13, Pallanuoto Trieste 9, Rn Imperia 9, Sc Quinto 9, Chiavari 7, Plebiscito Padova 6, Rn Sori 5, Torino 81 4, President Bologna 4, Lavagna 90 4, Andrea Doria 1

Se ne parla qui sul forum -> http://www.elsitodesandro.it/invboard/index.php?showtopic=13587

Ti è piaciuto questo articolo?