Articoli

Con qualche patema d’animo di troppo, la Pallanuoto Trieste passa per 5-7 sul campo della Rn Imperia nella 5° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile e incamera la quarta vittoria consecutiva, ottava nelle ultime dieci partite disputate.

Successo prezioso quello arrivato in Liguria, che permette a capitan Giorgi e compagni di allungare sulle dirette rivali nella corsa ai play-off. Tutte sconfitte infatti Lavagna 90, Rn Sori e Torino 81, vince facile invece il Quinto (che batte largo proprio il Lavagna) e conserva il secondo posto in classifica, con 2 lunghezze di vantaggio sugli alabardati. E sabato prossimo alla Bruno Bianchi andrà in scena il confronto diretto, a questo punto determinante nella corsa alla piazza d’onore, fondamentale per poter affrontare il primo turno dei play-off promozione con il vantaggio del fattore campo.

Pronti, via e la Pallanuoto Trieste parte subito forte. Namar e Petronio colpiscono in controfuga per l’immediato 0-2, gli alabardati chiudono tutti i varchi in difesa, l’Imperia accorcia con Somà (1-2), ma un’altra azione in velocità permette a Giacomini di insaccare da posizione uno il pallone dell’1-3. I padroni di casa però non ci stanno e con Amelio, in situazione di superiorità numerica, trovano il 2-3. La squadra di Marinelli aumenta i ritmi di gioco nel 2° periodo e sembra in grado di chiudere facilmente i conti. Namar colpisce in superiorità numerica per il 2-4, la difesa regge bene e Petronio sfrutta alla perfezione l’ennesima ripartenza per scrivere 2-5. Jurisic sventa un paio di pericolosi tentativi dell’Imperia, poi a 1′ dal cambio di campo Henriques Berlanga finalizza un assist di Krizman con l’uomo in più per il 2-6 di metà partita.

La Pallanuoto Trieste appare in controllo dalla situazione ma commette l’errore di disunirsi nel corso del 3° periodo, concedendo così all’Imperia la possibilità di tornare in partita. I liguri infatti vanno sul -3 con un gol di Amelio, Petronio riporta Trieste a distanza di sicurezza (3-7), i liguri però con Parodi e Strafforello, in situazione di uomo in più, trovano le reti del 5-7. Gara praticamente riaperta con 8′ ancora da giocare.

Nel 4° periodo la Pallanuoto Trieste crea tanto ma spreca ingenuamente un paio di controfughe e altrettante superiorità numeriche. Errori pesanti, che per fortuna l’Imperia non punisce. La difesa degli alabardati resiste bene e l’ultimo parziale termina con le reti inviolate. “Potevamo chiudere la partita con parecchio anticipo – spiega il direttore sportivo Andrea Brazzatti – ma ci siamo innervositi e la squadra ha perso mordente. Comunque l’importante, in questi casi, è tornare a casa con il bottino pieno”.

Trieste vince, a fatica, su un campo comunque difficile. E sabato prossimo arriva il lanciatissimo Quinto in uno scontro d’alta classifica che già promette spettacolo.

— 

RN IMPERIA – PALLANUOTO TRIESTE 5-7 (2-3; 0-3; 3-1; 0-0)

RN IMPERIA: Foroni, Ferrari, Strafforello 1, Poracchia, Grossi, Montenegro, Di Fabio, M. Parodi, Somà 1, N. Parodi 1, Milani, Amelio 2, Onida. All. Fratoni

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 3, Ferreccio, Giorgi, Krizman, Covi, Namar 2, Henriques Berlanga 1, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

Arbitri: Bensaia e Marongiu

NOTE: nessuno uscito per limite di falli; superiorità numeriche Rn Imperia 3/8, Pallanuoto Trieste 3/6; spettatori 100 circa

 

Gli altri risultati (5° giornata di ritorno): Pallanuoto Brescia – Rn Sori 11-10, Rn Camogli – Chiavari 8-9, Andrea Doria – Torino 81 7-5, Sc Quinto – Lavagna 90 12-5, Rapallo – Sport Management Verona 6-17

La classifica: Sport Management Verona 46, Sc Quinto 36, Pallanuoto Trieste 34, Lavagna 90 29, Rn Sori 28, Torino 81 25, Chiavari 24, Rn Camogli 20, Pallanuoto Brescia 15, Andrea Doria 15, Rn Imperia 10, Rapallo 0

Ti è piaciuto questo articolo?

Nitida vittoria della Pallanuoto Trieste nella 5° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile. La squadra alabardata si è imposta alla Bruno Bianchi sull’Imperia per 10-5, al termine di una sfida sempre agevolmente controllata. Avanti fino al 7-1 a metà del 3° periodo, la Pallanuoto Trieste ha un po’ rallentato il ritmo, permettendo al volenteroso Imperia di addolcire il passivo nel finale.

 
PALLANUOTO TRIESTE – RN IMPERIA 10-5 (2-1; 3-0; 3-2; 2-2)
 
PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 2, F. Ferreccio 2, A. Giorgi 1, Krizman 1, Podgornik, Covi 1, Namar 1, Henriques Berlanga 1, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli
 
RN IMPERIA: Foroni, Ferrari, Straforello, Poracchia, Grossi, Gazzano, Di Fabio 1, Toscano, Somà, Parodi 1, Mirabella, Amelio 3, Merano. All. Fratoni
 
Ti è piaciuto questo articolo?

Sesta vittoria consecutiva, settima nelle 8 partite disputate alla Bruno Bianchi. E’ questo lo score casalingo della Pallanuoto Trieste, che nella 6° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile ha superato per 11-7 la Rn Imperia. Vittoria importante in chiave classifica per la truppa alabardata, che compie un balzo determinante nella corsa ai play-off. I punti di vantaggio sul 5° posto adesso sono 12, a 5 turni dal termine della stagione regolare un vantaggio quanto mai prezioso. Gli spareggi promozione sembrano quindi al sicuro, o quasi. Continua invece la sfida a distanza con il Como, che dopo il sofferto 11-8 sul fanalino di coda Andrea Doria conserva la vetta. In attesa dello scontro diretto di sabato prossimo in Lombardia, che potrebbe davvero risultare decisivo nella corsa al 1° posto in classifica.

Torniamo però alla bella prestazione offerta al cospetto della Rn Imperia dalla Pallanuoto Trieste, che ancora una volta ha meritato alla grande gli applausi del foltissimo pubblico della Bruno Bianchi. Avvio favorevole ai liguri, che colpiscono con precisione in superiorità numerica (reti di Amelio e Filippo Rocchi) e si portano sull’1-2 a 4′ dalla fine del 1° periodo. Trieste appare un po’ imballata e serve una rete di Krstovic a 7” dalla sirena per impattare la situazione (2-2).

Nel 2° periodo la squadra di Marinelli cambia ritmo e prova a scappare. Namar, a tratti inarrestabile nella posizione di centroboa, sigla il 3-2, Ferreccio trova lo spiraglio giusto dalla distanza per il 4-2, poi si scatena l’altro centroboa alabardato, Aaron Giorgi, che prima in controfuga e poi con una precisa stoccata in superiorità firma il 6-3 a 1’28” dal cambio di campo. Trieste però si distrae e concede a Parodi la rete del 6-4 a 3” dalla fine del tempo, gol che tiene ancora virtualmente in partita gli ospiti.

Jurisic cala letteralmente la saracinesca (13 parate determinanti) e nel 3° periodo la Pallanuoto Trieste produce l’allungo decisivo. Giacomini, ancora capitan Giorgi e poi Krstovic confezionano il parziale di 3-0 che spinge i padroni di casa sul 9-4 a metà tempo, l’Imperia non alza bandiera bianca ma il gol di Giordano (9-5) serve a poco. Nel 4° periodo gli alabardati controllano, arrivano le reti di Giorgi su rigore e Krstovic, l’Imperia risponde con Somà e Giordano, ma ormai i giochi sono fatti. I triestini festeggiano un successo che li mantiene a -1 dalla vetta e nel mirino iniziano a intravedere la sfida con il Como capolista. E adesso sotto con lo scontro diretto.

 —

PALLANUOTO TRIESTE – RN IMPERIA 11-7 (2-2; 4-2; 3-1; 2-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio, F. Ferreccio 1, A. Giorgi 4, Krstovic 3, Verh, Covi, Namar 2, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

IMPERIA: Foroni, Grossi, Strafforello, G. Rocchi, Emmolo, Giordano 2, Cassiano, Corio, Somà 2, Parodi 1, F. Rocchi 1, Amelio 1, Shapka. All. Gerbò

Arbitri: Corelli di Roma e Fusco di Torino

NOTE: nessuno uscito per 3 falli gravi; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 3/9 + 1 rigore, Imperia 5/8; spettatori 500 circa

 —

Gli altri risultati (6° giornata di ritorno): Rn Sori – Lavagna 90 10-11, Pallanuoto Brescia – Chiavari 7-12, Plebiscito Padova – Sc Quinto 10-10, Torino 81 – President Bologna 8-6, Como – Andrea Doria 11-8

La classifica: Como 40, Pallanuoto Trieste 39, Sc Quinto 36, Chiavari 34, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 20, Lavagna 90 18, Torino 81 16, Plebiscito Padova 11, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?