Articoli

E’ amara la seconda partita consecutiva casalinga per la Pallacanestro Trieste 2004: la Novipiù Casale Monferrato si impone di misura a Valmaura per 69-71, dopo quaranta minuti che hanno visto molto equilibrio in campo, specialmente nella seconda metà del match. E’ la penetrazione vincente di Brett Blizzard, realizzata a meno di dieci secondi dalla fine, a regalare la vittoria alla formazione allenata da coach Ramondino, che aveva iniziato male la sfida per poi recuperare lo svantaggio nei secondi dieci minuti, finendo quindi col trovare le soluzioni giuste in attacco nel concitato finale di partita.

Una buona difesa in avvio di contesa permette a Trieste di riversarsi poi con discreta efficacia anche in proiezione offensiva: sul 10-6 del 5′, nonostante i quattro punti consecutivi messi a referto da Marshall, la Novipiù è costretta a pagar dazio sino alla prima sirena, venendo infilata inizialmente dalla tripla di Tonut e finendo poi sino a -10 a causa delle due palle perse di fila che portano ad altrettante realizzazioni di Prandin in contropiede (20-10 al 10′). Trieste sembra poter mantenere salde le redini del match in avvio di seconda frazione, trovando l’appoggio al vetro di Marini e una nuova “bomba” di Tonut: il +13 dei padroni di casa viene però man mano limato da una Casale che torna prepotentemente in partita già in prossimità dell’intervallo lungo. E’ Samuels a risultare in tale ambito l’uomo in più per i piemontesi, non solo segnando dal perimetro ma conquistando anche un fallo antisportivo al quale si aggiungerà qualche secondo più tardi un tecnico fischiato per proteste a Carra. Nonostante la tripla frontale di Grayson tenti di rimettere in marcia i giuliani, la buona precisione di Marshall ai liberi e il sottomano di Martinoni allo scadere permettono ai piemontesi di ricucire gran parte del gap precedentemente accumulato (34-32 a metà gara).

Con il duo Samuels-Marshall a realizzare il sorpasso ospite dopo due minuti dall’inizio del terzo quarto, sul lato biancorosso è Carra a ergersi protagonista con cinque punti fulminei (42-37). Ma il suo repentino 4° fallo, con annesso contro-break piemontese grazie alla tripla di Marshall, rimette nuovamente in discussione il match a dieci minuti dalla fine. Grayson imbuca la conclusione da lontano, tuttavia le tre “bombe” piazzate in rapida successione da Amato mettono cinque punti di distacco tra le due squadre al 33′; Trieste non demorde, tornando rapidamente in scia degli avversari grazie a Candussi e soprattutto a Tonut (finirà con 29 punti in tutto), dalle cui mani passano buona parte degli attacchi giuliani. I micro-vantaggi si susseguono praticamente sino agli istanti finali di contesa, con lo stesso numero 7 biancorosso a regalare il +2 a 34” dal termine prima del 4-0 targato Novipiù che chiude la partita. Il 2/2 di Samuels in lunetta e la già citata penetrazione vincente di Blizzard a otto secondi dal termine portano infatti in vantaggio Casale Monferrato nelle battute finali del match, con Trieste che non riesce ad andare al tiro nell’azione decisiva ed è costretta a lasciare i due punti agli ospiti.

Pallacanestro Trieste 2004-Novipiù Casale Monferrato 69-71 (20-10, 34-32, 51-50)

Pall. Trieste 2004: Coronica, Fossati, Tonut 29 (6/9, 3/7), Mastrangelo 2 (1/2), Grayson 7 (0/1, 2/5), Candussi 12 (6/10, 0/2), Carra 10 (4/6, 0/2), Marini 2 (1/1), Holloway 2 (1/4), Prandin 5 (2/6) N.E.: Norbedo, Ferraro. All. Dalmasson

Tiri Liberi: 12/21 – Rimbalzi: 25 18+7 (Candussi 10) – Assist: 8 (Tonut 3) – Cinque Falli: Carra.

Novipiu’ Casale M.to: Amato 9 (3/7 da tre), Tomassini 0 (0/2, 0/2), Natali 4 (1/3), Alan Blizzard 7 (3/4, 0/1), Martinoni 12 (5/9), Fall 7 (3/4), Lascells Samuels 19 (0/4, 5/5), Marshall 13 (3/4, 1/6) N.E.: Giovara, Ruiu, Valentini. All. Ramondino

Tiri Liberi: 14/15 – Rimbalzi: 32 24+8 (Lascells Samuels 10) – Assist: 16 (Lascells Samuels 5) – Cinque Falli: Tomassini

Arbitri: Materdomini, Pepponi, Grigioni

Spettatori: 3.050

Ti è piaciuto questo articolo?

Inizia con una sconfitta il campionato di serie A2 Gold 2014/15 della Pallacanestro Trieste 2004: sul parquet del “PalaFerraris” di Casale Monferrato, i giuliani perdono per 79-59 contro la Novipiù. Partita difficile per gli uomini di coach Dalmasson, che hanno sofferto per lunghi tratti di gara il gioco degli avversari, abili nel secondo quarto ad allontanarsi nel punteggio grazie a ottime percentuali dal campo. La Junior, con il gap accumulato nella prima metà di partita, ha poi controllato i ritmi, subendo il ritorno triestino solamente nella parte finale della contesa.

Buon inizio di match per i biancorossi, grazie ai cinque punti di Tonut e alla tripla di Marini che regalano quattro punti di vantaggio al 3′. Martinoni e Marshall rimettono le cose a posto due minuti più tardi, con un break di 9-0 che lancia la Novipiù sul +5 a metà frazione: i padroni di casa si mantengono avanti lungo il corso del quarto, arrivando sino a nove lunghezze di gap nei dieci minuti iniziali (25-18). Trieste ha un buon Holloway in pitturato, ma Casale dimostra buona fluidità offensiva, piazzando due triple con Blizzard e Amato (31-20 al 12′) e allungando repentinamente sino al +21, prendendo di fatto in mano il match già in questa fase. Gli ospiti fanno fatica a segnare e a difendere sotto il proprio canestro, subendo le giocate degli avversari che – con il 60% di realizzazione complessivo al tiro – vanno a riposo con 52 punti messi a referto, a fronte dei 27 segnati dagli ospiti.

Trieste rientra in campo provando a stringere maggiormente le maglie difensive, innestando poi Tonut in contropiede ed Holloway in area, ma l’inerzia non cambia al “PalaFerraris”: la Novipiù mantiene il comando, avendo in Butkevicius, Marshall e Blizzard gli effettivi di punta per allargare la forbice di vantaggio (62-32). Casale Monferrato mantiene un +27 alla terza sirena, calando poi il ritmo nei minuti finali e aprendo l’opportunità a Trieste di recuperare una piccola parte del margine, attraverso i punti di Holloway, Carra e Tonut (73-49 a metà dell’ultimo quarto, sino al definitivo 79-59 in favore dei padroni di casa).

Novipiù Casale Monferrato – Pallacanestro Trieste 2004 79-59 (25-18, 52-27, 68-41)

Novipiù Casale Monferrato: Giovara, Amato 7, Tomassini 5, Natali 4, Butkevicius 9, Blizzard 5, Martinoni 19, Rattalino n.e., Ruiu, Fall 8, Valentini n.e., Marshall 22. All. Ramondino

Pallacanestro Trieste 2004: Coronica, Prandin 2, Tonut 17, Mastrangelo 3, Grayson 7, Candussi 6, Carra 4, Marini 6, Holloway 12, Fossati 2. All.Dalmasson

 (credits foto: Junior Casale)

Ti è piaciuto questo articolo?

Termina con una sconfitta il girone d’andata della Pallacanestro Trieste 2004: finisce 62-66 per la Novipiù Casale Monferrato, capace di comandare la sfida odierna per buona parte dei quaranta minuti regolamentari, facendosi di fatto raggiungere a distanza minima dai giuliani solo nell’ultima parte del match.
I biancorossi chiudono la prima parte di stagione al terz’ultimo posto a quota 10 punti, due in più di Forlì e con otto lunghezze di vantaggio su Imola.

Dopo una partenza alla pari, collimata da Harris che regala il primo vantaggio interno al 2′ (3-2), sull’altro fronte è Dillard a segnare quattro di fila, permettendo a Casale di mettere cinque lunghezze di vantaggio al quinto minuto. I piemontesi mettono in difficoltà Trieste, costretta a chiamare time-out al 6′: il minuto di sospensione non risolve però i problemi dei biancorossi, con il gap della Novipiù che si spinge sino a undici punti (7-18). E’ di Carra il canestro imbucato che permette ai giuliani di chiudere sul -9 i primi dieci minuti di gara.

Partenza bruciante di secondo quarto per Casale Monferrato, con due bombe segnate da Cutolo (11-24): i piemontesi mantengono l’inerzia nelle proprie mani, riuscendo a essere pericolosi sia dal perimetro con Amato, che in pitturato con la schiacciata dell’ex biancorosso Fall. Trieste prova a dare una scossa alla propria gara con Candussi che, con otto punti in pochi minuti, ridà il -8 alla propria squadra (27-35 al 17′): tuttavia la Novipiù trova sempre il modo di andare a canestro con continuità, chiudendo a metà gara sul 31-39.

Nella terza frazione, i piemontesi si mantengono avanti con un buon vantaggio (35-45 al 23′), poi un antisportivo di Amato su Carra sembra poter dare il via a un sussulto positivo da parte dei giuliani. La successiva schiacciata in contropiede di Tonut manda infatti Trieste sul -6 (39-45) ma Casale, sebbene abbia Dillard fuori per infortunio, si affida all’altro americano Jackson per ristabilire le distanze (39-52 al 26′). I padroni di casa improvvisamente tornano a faticare offensivamente, sbagliando oltretutto anche quattro liberi di fila, mentre la tripla di Casini a sessanta secondi dalla fine del terzo quarto lancia la Novipiù a +15, che è anche il vantaggio con cui gli ospiti chiudono alla penultima sirena (40-55).

Lampo biancorosso in avvio di ultimo quarto: nonostante la difesa a zona, Casale non chiude adeguatamente su Tonut e Candussi (quest’ultimo autore di due triple, nonché migliore marcatore giuliano con 16 punti totali), permettendo un break di 10-3 per i giuliani (50-58). La Novipiù, non brillantissima in questa fase, guadagna una manciata di punti ai liberi con Martinoni e Jackson, Trieste riesce a rimanere in corsa prima col 2/2 di Carra dalla lunetta (56-62 a 1’40”), quindi con la bomba insaccata da Tonut (59-62). La Novipiù vede rintuzzarsi sempre più il proprio vantaggio, sino al 62-64 con la conclusione dalla distanza ancora di Carra. Sarà però Casini, abile a conquistare un fallo antisportivo a pochi secondi dal termine, a chiudere la contesa col 2/2 dalla linea della carità.

 

Pallacanestro Trieste 2004-Novipiù Casale Monferrato 62-66 (9-18, 31-39, 40-55)

Pall. Trieste 2004: Hoover 5 (1/3, 1/2), Tonut 12 (2/4, 2/3), Harris 12 (4/9, 1/2), Ruzzier, Coronica, Diliegro 2 (1/5), Candussi 16 (4/7, 2/3), Carra 15 (1/2, 2/5) N.E.: Fossati, Urbani

Allenatore:Dalmasson

Tiri Liberi: 12/20 – Rimbalzi: 35 26+9 (Coronica 10) – Assist: 12 (Hoover 7) – Cinque Falli: Ruzzier

Novipiù Casale M.to: Casini 11 (3/5 da tre), Giovara, Bruttini 1 (0/2), Amato 6 (0/2, 2/4), Dillard 9 (2/3, 1/1), Martinoni 11 (3/9, 1/3), Cutolo 12 (0/2, 4/7), Fall 2 (1/1), Jackson 14 (5/13) N.E.: Di Prampero
Allenatore: Griccioli

Tiri Liberi: 11/23 – Rimbalzi: 26 19+7 (Cutolo 7) – Assist: 12 (Jackson 5) – Cinque Falli: Cutolo

 

Ti è piaciuto questo articolo?

E’ quasi un destino parallelo, quello che nel recente passato ha legato la Pallacanestro Trieste 2004 alla Novipiù Casale Monferrato: come i giuliani, anche i piemontesi hanno sopportato un’ estate di dura passione, in attesa di capire se ci fosse la possibilità o meno di iscriversi al campionato 2013/14 di Adecco Gold. Grazie allo sforzo dei tifosi e di una parte delle istituzioni locali, la Junior ha potuto nuovamente ripresentarsi ai nastri di partenza della seconda serie nazionale, disputando un girone d’andata assolutamente decoroso e in linea con gli obiettivi stagionali, che portano la società del Presidente Giancarlo Cerutti alla conquista di una salvezza il più possibile tranquilla.

Sono attualmente 12 i punti conquistati dai piemontesi, con due lunghezze di vantaggio sui biancorossi: la formazione allenata da coach Giulio Griccioli arriva al “PalaTrieste” forte di 4 vittorie nelle ultime cinque partite di campionato, tra le quali spiccano i brillanti risultati ottenuti sia sul difficile parquet della Centrale del Latte Brescia che, al Palasport “Paolo Ferraris” di Casale, contro la capolista Aquila Basket Trento nell’appuntamento pre-natalizio di quindici giorni fa.

Alle sole tre conferme nel roster della passata stagione, con i giovani Federico Di Prampero (play/guardia del ’95) ed Edoardo Giovara (ala di 200 cm del 1993) che hanno mantenuto il proprio posto in squadra assieme al neo-capitano Niccolò Martinoni (9.3 PPG e quasi 4 rimbalzi a gara per l’ala nativa di Varese), ha sposato la causa rossoblù il duo americano composto dal play/guardia Kevin Dillard (classe 1989, ex Dayton University in NCAA, attuale miglior marcatore della squadra con una media di 16.3 punti ad allacciata di scarpe) e dal numero “2” David Jackson (12.4 PPG), quest’ultimo in Polonia nella scorsa stagione con la maglia del PGE Turow.

Nel team di Casale c’è anche l’ex fortitudino Donato Cutolo (ala di 198 cm del ’97, con una media d 7 punti e 5.2 rimbalzi catturati) a essere uno degli elementi più “utili” del team piemontese, che ha a disposizione anche la buona mano dal perimetro dell’esperto Juan Marcos Casini (classe 1980, visto l’ultimo anno a Ferentino) e la fisicità in pitturato dell’ala/centro Davide Bruttini (’87, 6.8 PPG + 6.1 rimbalzi a match). Completano il roster il giovane Andrea Amato, play di 19 anni cresciuto nel vivaio dell’EA7 Milano, e l’ex di turno Abdel Fall: il centro di scuola Stella Azzurra, classe 1991, conta di proseguire in terra piemontese il proprio cammino di crescita, iniziato lo scorso anno in Legadue proprio con la casacca biancorossa di Trieste.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallacanestro Trieste 2004 lancia una promozione, relativa all’importante sfida casalinga di domenica 5 gennaio contro la Novipiù Casale Monferrato, rivolta a tutti gli abbonati del settore “BRONZO”.

 
I possessori di tali titoli stagionali potranno infatti portare un amico al “PalaTrieste”, con la possibilità di usufruire di uno sconto del 50% sul biglietto d’ingresso per i posti non numerati, che passeranno da 10,00 € a 5,00 €.
 
Sarà possibile effettuare l’acquisto dei tagliandi presso il Ticket Point di corso Italia 6/C, aperto sino a sabato compreso con orario 8.30-12.30 e 15.30-19, nonché ai botteghini del PalaTrieste prima della gara.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Abbonati dell’AcegasAps, niente paura se la tessera del vostro abbonamento è troppo “corta”!

La Pallacanestro Trieste 2004, a seguito delle numerose richieste pervenute dai propri tifosi, comunica che le tessere acquistate a inizio stagione saranno valide a tutti gli effetti per TUTTI gli impegni casalinghi rimanenti (contro Capo d’Orlando, Bologna, Verona e Casale), nonostante sull’abbonamento le partite segnate si fermino a quella di domenica scorsa contro Pistoia.

L’assenza delle rimanenti quattro partite, ha spiegato TicketPoint che emette i tagliandi, è dovuta a semplici motivi di spazio.

Ti è piaciuto questo articolo?

In casa AcegasAps, la speranza è che l’Epifania…si porti via tutti i pensieri di fine anno. Digerita la netta sconfitta di Verona, dove Trieste si è sciolta come neve al sole nel secondo tempo, e mettendo momentaneamente da parte la difficoltà estrema di trovare forze fresche per blindare definitivamente il budget di stagione (cosa che già si sapeva, ma che è tornata in auge proprio a cavallo del Capodanno), i biancorossi allenati da Eugenio Dalmasson incontrano per la terza volta in questa stagione Casale Monferrato, facendole visita nella 14° giornata in programma in LegaDue.

Sono due squadre che ormai si conoscono bene e su cui chiaramente fa testo il turno di Coppa Italia di poche settimane fa, che ha regalato alla Novipiù l’accesso alle Final Four di categoria: una sorta di piccola “onta” che Trieste vorrebbe cancellare, specie per come erano andate le cose proprio al “Paolo Ferraris” dopo il +11 (poi dilapidato) conquistato in casa. Casale viaggia attualmente col vento in poppa, con tre vittorie nelle altrettante ultime gare disputate in campionato: nonostante la tegola dell’infortunio patito proprio a Valmaura da Rodney Green, il team di coach Griccioli vive della brillantezza di Casper Ware, abbondantemente oltre i 20 punti di media in questo periodo e di gran lunga il migliore dei suoi.

La Novipiù è oltretutto squadra che sa soffrire, e specialmente nel turno precedente in quel di Imola i piemontesi hanno fatto vedere grande compattezza nel momento topico della partita: è lapanchina lunga a fare la differenza in tali occasioni, concetto visto proprio sul parquet dell’Aget domenica scorsa. Da Ferrero e Monaldi sono arrivati gli apporti più importanti in finale di match, segnale che conferma la qualità del roster di Casale, attualmente al comando assieme al terzetto formato da Scafati, Pistoia e Barcellona. L’AcegasAps è subito sotto a loro, a quattro punti di distacco: per Trieste l’imperativo è riprendere a giocare in un modo più costruttivo e meno prevedibile possibile, senza tutta la sfilza di tiri pesanti (sbagliati) che ha contrassegnato la seconda parte di gara contro la Tezenis. Per riprendere a correre, specie contro una compagine rognosissima come la Novipiù, sarà necessario ripartire dagli errori commessi: azzerarli vorrebbe dire giocarsela sino alla fine in Piemonte, aspetto che è nelle corde giuliane.

Si gioca domenica 6 gennaio alle ore 18.15.

Ti è piaciuto questo articolo?