La Pallanuoto Trieste non si ferma. Nella 2° giornata del girone di ritorno del campionato di serie A2 maschile gli alabardati superano il President Bologna per 9-4 davanti al pubblico della Bruno Bianchi. Successo meritato e prezioso per il gruppo di Ugo Marinelli, che anche senza brillare particolarmente ha conquistato 3 punti importanti in chiave classifica. La capolista Como infatti è stata battuta (in casa) dal Chiavari e adesso la Pallanuoto Trieste si ritrova ad 1 solo punto dalla vetta. Nel derby ligure poi l’Imperia si è arresa al Quinto, con l’effetto di portare a 9 le lunghezze di vantaggio della compagine alabardata sulla 5° posizione. Un distacco davvero cospicuo in chiave corsa ai play-off.

Nonostante il punteggio piuttosto largo, non è stato facile per la Pallanuoto Trieste liberarsi di un ostico President Bologna. I padroni di casa partono forte, si portano in vantaggio grazie ad un bel movimento di Namar dalla posizione di centroboa e trovano il 2-0 con Giacomini. Mattesini accorcia le distanze ma è ancora lo scatenato numero 9 in calottina bianca (migliore in campo per la Pallanuoto Trieste) a fulminare la difesa bolognese, sfruttando un perfetto assist di Ferreccio: 3-1 dopo 8′ di gioco. Un vantaggio ben presto cancellato dalla reazione del President. Nel 2° periodo gli ospiti piazzano un parziale di 0-3 firmato da Mattesini e Pesenti (doppietta), la Pallanuoto Trieste pasticcia parecchio in attacco e si va al cambio di campo con il Bologna avanti per 3-4.

Gli alabardati solo a tratti riescono a trovare le giuste soluzioni in fase offensiva, anche a causa di una serie di errori evitabili. Ma hanno il merito di giocare con grande ardore agonistico. In apertura di 3° periodo una fiammata della Pallanuoto Trieste ribalta la situazione, arrivano gli unici 2 gol in superiorità numerica (su 11 tentativi) della partita, firmati da Giacomini su assist di capitan Giorgi e Krstovic. Sul 5-4 Trieste può sfruttare diverse opportunità per allungare, ma passaggi fuori misura e soluzioni affrettate mantengono il Bologna virtualmente in partita fino ad inizio del 4° periodo. La difesa, sorretta ancora una volta dalle parate del solito Jurisic, non concede più nulla (gli ospiti restano a secco per quasi 19′ di gioco) e ci pensa un devastate Namar a siglare il 6-4 con un perfetto “alto e tiro” da 5 metri dopo 1’30” dall’inizio dell’ultimo tempo. Non passano nemmeno 60” e Lagonigro si guadagna alla grande un rigore, dopo una furibonda fuga solitaria. Petronio insacca dai 5 metri il gol del 7-4, emulato poco dopo da Krstovic con una perfetta colomba: 8-4 a 4′ dalla fine, gara praticamente chiusa. C’è ancora il tempo per un’altra rete di Petronio in controfuga, ma la sostanza non cambia.

La Pallanuoto Trieste incamera l’8° vittoria nelle ultime 9 partite e accorcia sensibilmente le distanze dalla vetta. E sabato prossimo le prime 4 della classifica si affronteranno in 2 incontri che si preannunciano caldissimi: gli alabardati saranno di scena a Chiavari, mentre il Quinto ospiterà il Como. La regular season entra davvero nella fase decisiva.

 

PALLANUOTO TRIESTE – PRESIDENT BOLOGNA 9-4

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 2, F. Ferreccio, A. Giorgi, Krstovic, Verh 2, Covi, Namar 3, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 2. All. Marinelli

PRESIDENT BOLOGNA: De Santis, Cinotti, Barboni, Baldinelli, Moscardino, Dello Margio, Pesenti 2, Collarini, Mattesini 2, Poggioli, Cocchi, Belfiori, Ardizzoni. All. Salonia

Arbitri: Calabrò di Caserta e Tempesta di Caserta

NOTE: uscito per 3 falli gravi Dello Margio (B) nel 4° periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 2/11 + 1 rigore, President Bologna 1/9; spettatori 400 circa

 

Gli altri risultati (2° giornata di ritorno): Plebiscito Padova – Pallanuoto Brescia 8-11, Rn Imperia – Sc Quinto 3-5, Como – Chiavari 8-9, Rn Sori – Torino 81 12-9, Lavagna 90 – Andrea Doria 12-13

La classifica: Como 31, Pallanuoto Trieste 30, Sc Quinto 29, Chiavari 25, Pallanuoto Brescia 21, Rn Imperia 21, Rn Sori 15, President Bologna 14, Lavagna 90 12, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8, Torino 81 7

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi