Altro prezioso successo casalingo per la Pallanuoto Trieste, che infila la settima vittoria consecutiva alla Bruno Bianchi battendo il Rn Camogli per 9-7 nella 4° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile. Gara combattuta, a tratti anche nervosa (non ha certo aiutato la direzione piuttosto confusionaria dei due fischietti), ma nel complesso gestita con autorità dalla compagine alabardata, che continua la corsa in zona play-off. E’ mancato soltanto l’aggancio al secondo posto, che resta appannaggio del Quinto, capace di espugnare per 7-8 la Monumentale di Torino.

La Pallanuoto Trieste parte bene e scappa sul 2-0, grazie alle reti di Ferreccio in superiorità (nell’unico uomo in più trasformato dagli alabardati su 8 tentativi) e di Krizman. Il Camogli però si affida all’elemento di maggior classe, Beggiato, che nel giro di 1′ agguanta gli alabardati sul 2-2. Ferreccio riporta avanti Trieste concretizzando una sontuosa ripartenza, ma il primo periodo si chiude con il brivido per i tifosi della Bianchi: il portierone Jurisic prende una botta alla mano e chiede l’intervento del medico. Riprenderà regolarmente il suo posto e sarà protagonista di un’altra prestazione super tra i pali.

In apertura di 2° periodo una splendida conclusione di Namar (tra i migliori in campo) vale il 4-2. Gli alabardati però regalano letteralmente una controfuga al Camogli, Beggiato ringrazia e insacca il 4-3. Ci pensa Petronio a riportare la squadra di casa sul +2, trasformando il rigore che vale il 5-3 al cambio di campo.

Anche il Camogli è in vena di regali e in apertura di 3° periodo serve su un piatto d’argento un rigore alla Pallanuoto Trieste, per aver mandato in acqua 7 giocatori e non 6, causa un’espulsione subita proprio allo scadere del 2° periodo. Krizman insacca il 6-3, ma la gara resta comunque apertissima. Le squadre sbagliano tanto, fino al gol di Shimozono, che insacca il 6-4 in superiorità a 2’30” dalla fine del tempo. Gli ultimi 60” del periodo sono elettrizzanti: Giacomini beffa Gardella con un gran diagonale, Vitiello firma l’8-4 con una bella conclusione dalla distanza, poi a esattamente 3 decimi dalla sirena il Camogli si guadagna un (dubbio) rigore, realizzato da Beggiato per l’8-5.

Nel 4° periodo Trieste (già senza il ’99 Podgornik) inizia a perdere per limite di falli un giocatore dopo l’altro: prima Krizman, poi anche Vitiello e Giacomini. Il Camogli torna sotto con il solito Beggiato, poi capitan Giorgi dalla posizione di centroboa infila il gol del 9-6, che a 4′ dalla fine chiude – o quasi – i conti. Anche il numero 5 alabardato esce per 3 espulsioni, nel finale però la Pallanuoto Trieste controlla e la rete del 9-7 di Fondelli a 50” non preoccupa nessuno. La Bianchi può festeggiare una vittoria sofferta ma ampiamente meritata.

 —

PALLANUOTO TRIESTE – RN CAMOGLI 9-7 (3-2; 2-1; 3-2; 1-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello 1, Petronio 1, Ferreccio 2, Giorgi 1, Krizman 2, Mezzarobba, Covi, Namar 1, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

RN CAMOGLI: Gardella, Beggiato 5, Iaci, Antonucci, Fondelli 1, Elefante, Guenna, Shimozono 1, Cocchiere, Fracas, Rezzano, Cuneo, Costa. All. Magalotti

Arbitri: Alfi di Napoli e Cataldi di Fermo

NOTE: usciti per limite di falli Krizman (T), Vitiello (T), Giacomini (T) e Giorgi (T) nel 4° periodo di gioco; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 1/8 + 2 rigori, Rn Camogli 2/12 + 2 rigori; spettatori 400 circa

 

Gli altri risultati (4° giornata di ritorno): Andrea Doria – Pallanuoto Brescia 8-6, Lavagna 90 – Rn Imperia 10-3, Chiavari – Rapallo 13-3, Sport Management Verona – Rn Sori 10-4, Torino 81 – Sc Quinto 7-8

La classifica: Sport Management Verona 43, Sc Quinto 33, Pallanuoto Trieste 31, Lavagna 90 29, Tn Sori 28, Torino 81 25, Chiavari 21, Rn Camogli 20, Pallanuoto Brescia 12, Andrea Doria 12, Rn Imperia 10, Rapallo 0

 

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi