categoria pallanuototrieste

Sette giorni intensi. E poi play-off. La stagione regolare del campionato di serie A2 maschile volge al termine e sabato 1 giugno, nella 9° (terzultima) giornata del girone di ritorno la Pallanuoto Trieste ospita alla Bruno Bianchi – si giocherà come di consueto nella vasca coperta – il Rn Sori. Squadre in acqua nel solito orario delle 18.30. La sfida con i temibili liguri inaugura un trittico piuttosto delicato per la compagine di Marinelli, che mercoledì affronterà in trasferta un Plebiscito Padova a caccia disperata di punti salvezza e sabato 8 giugno nell’ultimo turno ospiterà un Brescia sempre molto pericoloso. La corsa al 2° posto in classifica e chissà, la piccola speranza di rimontare i 4 punti di ritardo dalla capolista Como, passano da queste 3 interessanti sfide.

Come sempre lo staff tecnico alabardato si concentra su un impegno alla volta e in settimana la squadra ha preparato con la solita meticolosità il confronto con il Rn Sori. “Dovremo giocare con grande attenzione – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste – anche perchè la squadra ligure è tranquilla ma non ha ancora conquistato la salvezza matematica. Non regaleranno niente, anzi. Il Sori verrà alla Bianchi con la ferma intenzione di portare via punti. Quindi servirà una prestazione di livello”. La compagine di Pietro Ivaldi infatti può contare su 5 lunghezze di margine rispetto alla zona play-out, vantaggio buono ma del tutto rassicurante. Ma, al di là delle motivazioni, il Sori è temibile per l’ottima organizzazione di squadra e la classe di alcuni elementi. Su tutti l’attaccante montenegrino Nikola Popovic, mancino di grande talento, capocannoniere del girone Nord con 45 gol realizzati, di cui 4 segnati proprio alla Pallanuoto Trieste nella gara di andata, quando i liguri si imposero per 9-7. Insomma, avversario assolutamente da non sottovalutare questo Sori, anche se reduce da 4 sconfitte consecutive.

La Pallanuoto Trieste – come detto – ha svolto con buona intensità il consueto lavoro settimanale. Nella gara interna con l’Andrea Doria, vinta agevolmente, il gruppo è apparso un po’ appesantito sotto il piano fisico, causa anche le intense sessioni di allenamento della scorsa settimana. Il mirino della compagine alabardata è ovviamente focalizzato sui play-off, ma per arrivare al meglio agli spareggi promozione, l’ideale sarebbe vincere le prossime 3 partite.

 

Le partite di sabato 1 giugno (9° giornata di ritorno): Lavagna 90 – Torino 81, Pallanuoto Trieste – Rn Sori, Sc Quinto – President Bologna, Andrea Doria – Chiavari, Como – Plebiscito Padova, Rn Imperia – Pallanuoto Brescia

La classifica: Como 46, Pallanuoto Trieste 42, Sc Quinto 42, Chiavari 38, Pallanuoto Brescia 30, Rn Imperia 28, Lavagna 90 21, Rn Sori 21, President Bologna 21, Torino 81 16, Plebiscito Padova 12, Andrea Doria 11

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Tutto secondo pronostico. Nell’8° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile la Pallanuoto Trieste ha superato alla Bruno Bianchi l’Andrea Doria per 10-8, conservando così il 2° posto in classifica, a -4 dalla capolista Como e con gli stessi punti del Quinto, ma con il vantaggio degli scontri diretti. Serviva solo il conforto della matematica e adesso, a 3 turni dal termine della stagione regolare, anche la qualificazione ai play-off è ormai certa per la squadra alabardata. Resta solo da decidere la griglia degli spareggi promozione.

La prestazione offerta dalla squadra di Marinelli al cospetto del fanalino di coda Andrea Doria non è stata certo una delle più brillanti della stagione. E’ anche vero che in settimana il gruppo ha lavorato tanto sotto il piano fisico, con l’obiettivo di prepararsi al meglio all’ultimo e decisivo scorcio di stagione. La vittoria, tuttavia, non è mai stata in discussione.

La Pallanuoto Trieste parte forte e dopo 120” di gioco è già avanti per 2-0 grazie alle reti di Petronio e Giacomini. Namar conquista espulsioni in sequenza dalla posizione di centroboa, gli alabardati non sono particolarmente precisi in superiorità numerica, ma prima Ferreccio in controfuga, poi ancora Giacomini con l’uomo in più, infine il ’95 Covi con una bella staffilata dalla distanza, spingono la compagine di casa sul 5-2 al termine del 1° periodo. Sembra il prologo ad un assolo della Pallanuoto Trieste, ma nel 2° periodo i meccanismi offensivi si inceppano e l’Andrea Doria accorcia con Palmieri: si va al cambio di campo sul 5-3.

Il 3° periodo si apre con la rete del 6-3 per la Pallanuoto Trieste, arrivata sull’asse Verh-Namar, con il mancino che in superiorità numerica serve un perfetto assist per il numero 9 in calottina bianca. Ma gli alabardati faticano a decollare e l’Andrea Doria resta agganciato al match. Segnano Oneto e poi l’ex Arenzano De Ferrari, sul 6-5 gli ospiti hanno l’occasione del pareggio ma Jurisic è bravissimo a sventare una rapida controfuga. Scampato il pericolo la Pallanuoto Trieste piazza l’allungo decisivo: nel giro di 60” vanno a segno Henriques Berlanga (con una sorta di tap-in cestistico) e 2 volte Petronio, si va così all’ultimo riposo con i padroni di casa avanti per 9-5 e la gara praticamente chiusa.

Nel 4° periodo comunque l’Andrea Doria non demorde, torna sotto (9-6) con Michieletto, prima di subire il gol del 10-6 realizzato da capitan Giorgi. Il finale è favorevole ai liguri, che addolciscono il passivo ancora con Michieletto e Rezzano. La sostanza non cambia. Gli alabardati riprendono la marcia dopo lo stop di Como e si preparano all’ultimo scorcio della stagione regolare che porterà 3 partite nell’arco di 7 giorni, ad iniziare dalla sfida interna con il Rn Sori di sabato prossimo.

 

PALLANUOTO TRIESTE – ANDREA DORIA 10-8 (5-2; 0-1; 4-2; 1-3)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 3, F. Ferreccio 1, A. Giorgi 1, Krstovic, Verh, Covi 1, Namar 1, Henriques Berlanga 1, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 2. All. Marinelli

ANDREA DORIA: Fantoni, Palmieri 1, Franza, Canessa, Marciano, Tosi, De Ferrari 2, Cucini, Oneto 2, Dispenza, Rezzano 1, Michieletto 2, Ottazzi. All. Della Zuana

Arbitri: Petronilli di Civitavecchia e Bonavita di Napoli

NOTE: usciti per 3 falli De Ferrari (A) e Ottazzi (A) nel 4° periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 4/10 + 1 rigore, Andrea Doria 2/7; spettatori 300 circa

 

Gli altri risultati (8° giornata di ritorno): Torino 81 – Sc Quinto 7-10, Rn Sori – Como 7-11, President Bologna – Chiavari 5-5, Plebiscito Padova – Rn Imperia 10-10, Pallanuoto Brescia – Lavagna 90 14-9

La classifica: Como 46, Pallanuoto Trieste 42, Sc Quinto 42, Chiavari 38, Pallanuoto Brescia 30, Rn Imperia 28, Lavagna 90 21, Rn Sori 21, President Bologna 21, Torino 81 16, Plebiscito Padova 12, Andrea Doria 11

Ti è piaciuto questo articolo?

Niente sorpasso. Nella 7° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile, infatti, la Pallanuoto Trieste cade sul campo della capolista Como (8-7 il risultato finale). Non cambia quindi la classifica, anche se adesso i lombardi scappano sul +4 rispetto alla compagine alabardata, un vantaggio che a 4 turni dal termine della regular season appare piuttosto consistente. Si fa sotto intanto il Quinto, che batte il Brescia e appaia a quota 39 la Pallanuoto Trieste. Attenzione anche al Chiavari, che supera come da pronostico il Torino 81 e sale a 37 punti in classifica. Insomma, i piazzamenti per i play-off saranno decisi dalle ultime 4 giornate dalla stagione regolare. Tutto può ancora accadere.

La cronaca. Avvio di gara equilibrato, entrambe le squadre accusano un po’ di tensione e fanno fatica ad esprimere apprezzabili manovre offensive. Il Como sblocca la situazione con Busilacchi, il pareggio degli alabardati arriva proprio allo scadere del 1° periodo grazie a capitan Giorgi, che insacca l’1-1 in situazione di superiorità numerica. Nel 2° periodo però i lombardi padroni di casa prendono decisamente il controllo del match e scappano sul 3-1 grazie alle reti di Gaffuri (con l’uomo in più) e dello slovacco Hrosik. Si va al cambio di campo con una Pallanuoto Trieste in affanno soprattutto in fase offensiva. In apertura di 3° periodo il Como vola sul 4-1 con Pagani, ma sotto di 3 reti arriva finalmente la reazione della squadra di Marinelli. Ci pensa il solito Giorgi a rimettere in scia gli ospiti (4-2 in situazione di superiorità), poi Giacomini finalizza un altro uomo in più per la rete che vale il 4-3. Gara praticamente riaperta, anche in virtù degli scoppiettanti ultimi secondi del 3° periodo, che vedono prima il Como riportarsi sul +2, poi Petronio allo scadere fissa il risultato sul 5-4. E’ finale in volata.

Il pari della Pallanuoto Trieste (5-5) arriva immediato in apertura di 4° periodo e lo sigla Krstovic, fino a quel momento un po’ in ombra. La gara sembra sul punto di cambiare padrone ma il Como torna in vantaggio con Cesini a 5′ dalla sirena finale. Gli alabardati gestiscono un importante possesso in superiorità numerica, ma non riescono nemmeno ad andare al tiro. Gli ultimi 120” sono vietati ai deboli di cuore. Hrosik infila il 7-5 su tiro di rigore, sul ribaltamento di fronte altro rigore, questa volta per gli alabardati, e capitan Giorgi scrive 7-6. Ma non è finita: gli arbitri sanzionano un fallo di Petronio con un altro tiro dai 5 metri, Hrosik insacca l’8-6 a 1’30” dalla fine e questa volta sembra davvero finita. La Pallanuoto Trieste non demorde, a 58” Giacomini sigla l’8-7 in superiorità numerica e ci sarebbe anche il tempo per cercare un clamoroso aggancio. Gli alabardati ci provano con coraggio, ma il (meritato) pareggio non arriva.

“Niente drammi – afferma al termine della partita il direttore sportivo della Pallanuoto Trieste Andrea Brazzatti – abbiamo perso sul campo della squadra in testa alla classifica, il risultato ci può anche stare. La squadra ha preparato benissimo la partita e ha anche giocato con la giusta intensità. Oggi, e sottolineo oggi, il Como è stato più bravo e più cinico rispetto a noi in alcune situazioni. Siamo partiti un po’ troppo nervosi, poi sotto di 3 gol con il solito carattere abbiamo anche recuperato. Sono comunque soddisfatto dalla prestazione, guardiamo avanti”. La stagione, infatti, non finisce certo in Lombardia.

 —

COMO – PALLANUOTO TRIESTE 8-7 (1-1; 2-0; 2-2; 3-4)

COMO: Caprani, Caramaschi, Pasetti, Susak, Busilacchi 1, Ferraris 1, Hrosik 3, Tedeschi, Gragnani, Pagani 1, Gaffuri 1, Cesini 1, Pellegatta. All. Piccardo

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 1, F. Ferreccio, A. Giorgi 3, Krstovic 1, Verh, Covi, Namar, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 2. All. Marinelli

Arbitri: Rovida e Sgarra

NOTE: usciti per 3 espulsioni Pasetti (C) e Cesini (C) nel 4° periodo; superiorità numeriche Como 2/8 + 2 rigori; Pallanuoto Trieste 5/9 + 1 rigore; spettatori 400 circa

 

Gli altri risultati (7° giornata di ritorno): Andrea Doria – President Bologna 12-9, Lavagna 90 – Plebiscito Padova 10-9, Sc Quinto – Pallanuoto Brescia 8-7, Chiavari – Torino 81 12-7, Rn Imperia – Rn Sori 12-9

La classifica: Como 43, Pallanuoto Trieste 39, Sc Quinto 39, Chiavari 37, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 27, Rn Sori 21, Lavagna 90 21, President Bologna 20, Torino 81 16, Plebiscito Padova 11, Andrea Doria 11

Ti è piaciuto questo articolo?

E’ il momento decisivo, o quasi, della regular season. Sabato 18 maggio, nella 7° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile, la Pallanuoto Trieste sarà impegnata sul campo della capolista Como. Si gioca alle 18.30. E non sarà una sfida come tutte le altre: il confronto della piscina Comunale metterà in palio il primato, forse definitivo, in classifica.

I lombardi mantengono ormai da molte giornate 1 punto di vantaggio sulla Pallanuoto Trieste, un gap che gli alabardati proveranno a cancellare. Sabato a Como sarà battaglia. “Si affrontano due squadre praticamente sullo stesso livello – spiega l’allenatore della compagine triestina Ugo Marinelli – e i numeri parlano chiaro. Un solo punto di distanza in classifica e quasi la stessa differenza reti, sintomo di due squadre praticamente allo stesso livello”. Il Como comunque si è installato in vetta alla graduatoria fin dalla prima giornata di campionato, la Pallanuoto Trieste invece è cresciuta settimana dopo settimana. Con uno spartiacque importante nella stagione, ovvero il successo per 10-7 della Bruno Bianchi proprio sui lariani. Ma la compagine lombarda resta una delle più complete, se non la più completa in assoluto, della categoria. “Non hanno punti deboli – afferma ancora Marinelli – con un centroboa forte, un portiere affidabile, ottimi tiratori e due mancini. Non sarà semplice limitarli”. Occhi puntati in particolare su Gaffuri e Hrosik, 38 e 35 reti in campionato. Senza dimenticare i vari Susak, Cesini e Busilacchi, elementi che contribuiscono corposamente al bottino di 179 gol segnati in 17 partite dal Como, ovvero il miglior attacco del campionato.

La Pallanuoto Trieste, dal canto suo, proverà a mettere a segno un’altra impresa, puntando decisamente sulle proprie migliori caratteristiche: la difesa, che con 103 reti subite in 17 partite è di gran lunga la meno battuta, puntellata dalle parate del solito Jurisic, l’inventiva dei vari Krstovic, Petronio, Giorgi e Ferreccio, la combattività di Henriques Berlanga, Namar e Giacomini, l’entusiasmo della truppa dei giovani.

La settimana di preparazione in vista del big-match è trascorsa senza alcun intoppo. L’amichevole infrasettimanale con i croati del Vk Opatija ha fornito buone impressioni allo staff tecnico, il gruppo alabardato appare in ottime condizioni fisiche e molto determinato. A Como sarà durissima, ma c’è tutta l’intenzione di provarci senza alcun timore.

 —

Le partite di sabato 18 maggio (7° giornata di ritorno): Chiavari – Torino 81, Rn Imperia – Rn Sori, Andrea Doria – President Bologna, Lavagna 90 – Plebiscito Padova, Como – Pallanuoto Trieste, Sc Quinto – Pallanuoto Brescia

La classifica: Como 40, Pallanuoto Trieste 39, Sc Quinto 36, Chiavari 34, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 20, Lavagna 90 18, Torino 81 16, Plebiscito Padova 11, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?

Sesta vittoria consecutiva, settima nelle 8 partite disputate alla Bruno Bianchi. E’ questo lo score casalingo della Pallanuoto Trieste, che nella 6° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile ha superato per 11-7 la Rn Imperia. Vittoria importante in chiave classifica per la truppa alabardata, che compie un balzo determinante nella corsa ai play-off. I punti di vantaggio sul 5° posto adesso sono 12, a 5 turni dal termine della stagione regolare un vantaggio quanto mai prezioso. Gli spareggi promozione sembrano quindi al sicuro, o quasi. Continua invece la sfida a distanza con il Como, che dopo il sofferto 11-8 sul fanalino di coda Andrea Doria conserva la vetta. In attesa dello scontro diretto di sabato prossimo in Lombardia, che potrebbe davvero risultare decisivo nella corsa al 1° posto in classifica.

Torniamo però alla bella prestazione offerta al cospetto della Rn Imperia dalla Pallanuoto Trieste, che ancora una volta ha meritato alla grande gli applausi del foltissimo pubblico della Bruno Bianchi. Avvio favorevole ai liguri, che colpiscono con precisione in superiorità numerica (reti di Amelio e Filippo Rocchi) e si portano sull’1-2 a 4′ dalla fine del 1° periodo. Trieste appare un po’ imballata e serve una rete di Krstovic a 7” dalla sirena per impattare la situazione (2-2).

Nel 2° periodo la squadra di Marinelli cambia ritmo e prova a scappare. Namar, a tratti inarrestabile nella posizione di centroboa, sigla il 3-2, Ferreccio trova lo spiraglio giusto dalla distanza per il 4-2, poi si scatena l’altro centroboa alabardato, Aaron Giorgi, che prima in controfuga e poi con una precisa stoccata in superiorità firma il 6-3 a 1’28” dal cambio di campo. Trieste però si distrae e concede a Parodi la rete del 6-4 a 3” dalla fine del tempo, gol che tiene ancora virtualmente in partita gli ospiti.

Jurisic cala letteralmente la saracinesca (13 parate determinanti) e nel 3° periodo la Pallanuoto Trieste produce l’allungo decisivo. Giacomini, ancora capitan Giorgi e poi Krstovic confezionano il parziale di 3-0 che spinge i padroni di casa sul 9-4 a metà tempo, l’Imperia non alza bandiera bianca ma il gol di Giordano (9-5) serve a poco. Nel 4° periodo gli alabardati controllano, arrivano le reti di Giorgi su rigore e Krstovic, l’Imperia risponde con Somà e Giordano, ma ormai i giochi sono fatti. I triestini festeggiano un successo che li mantiene a -1 dalla vetta e nel mirino iniziano a intravedere la sfida con il Como capolista. E adesso sotto con lo scontro diretto.

 —

PALLANUOTO TRIESTE – RN IMPERIA 11-7 (2-2; 4-2; 3-1; 2-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio, F. Ferreccio 1, A. Giorgi 4, Krstovic 3, Verh, Covi, Namar 2, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

IMPERIA: Foroni, Grossi, Strafforello, G. Rocchi, Emmolo, Giordano 2, Cassiano, Corio, Somà 2, Parodi 1, F. Rocchi 1, Amelio 1, Shapka. All. Gerbò

Arbitri: Corelli di Roma e Fusco di Torino

NOTE: nessuno uscito per 3 falli gravi; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 3/9 + 1 rigore, Imperia 5/8; spettatori 500 circa

 —

Gli altri risultati (6° giornata di ritorno): Rn Sori – Lavagna 90 10-11, Pallanuoto Brescia – Chiavari 7-12, Plebiscito Padova – Sc Quinto 10-10, Torino 81 – President Bologna 8-6, Como – Andrea Doria 11-8

La classifica: Como 40, Pallanuoto Trieste 39, Sc Quinto 36, Chiavari 34, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 20, Lavagna 90 18, Torino 81 16, Plebiscito Padova 11, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?

La rincorsa al primato continua. Nella 6° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile, in programma sabato 11 maggio, la Pallanuoto Trieste ospita alla Bruno Bianchi la Rn Imperia. Si gioca alle ore 18.30 con ingresso gratuito per il pubblico.

Gara delicata quella che attende la compagine alabardata, reduce dal successo esterno di Lavagna, importante per rinsaldare la posizione in zona play-off, ma utile anche nella sfida a distanza con la capolista Como. I lombardi adesso se la vedranno con il fanalino di coda Andrea Doria in una gara – almeno in sede di pronostico – senza storia, la Pallanuoto Trieste quindi ha il compito di battere l’Imperia per restare in scia alla battistrada, in vista del confronto diretto di sabato 19 maggio.

La sfida della Bruno Bianchi si preannuncia comunque densa di insidie per Aaron Giorgi e compagni. La squadra ligure può contare su una serie di elementi di talento, vedi Amelio (29 gol in campionato), Giacomo Rocchi, Strafforello e Giordano. Una compagine di spessore, probabilmente superiore rispetto alla posizione attualmente occupata in classifica. “L’Imperia è una compagine temibile – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Ugo Marinelli – con tanti giocatori abituati a questa categoria e in grado di mettere in difficoltà chiunque in questo campionato. Solitamente loro si esaltano quando giocano in casa, ma non per questo alla Bianchi avremo vita facile”. Sabato scorso infatti il gruppo di Enrico Gerbò ha messo alla frusta il Como, capace di espugnare la Cascione soltanto di misura (5-6) con un gol arrivato nel finale.

Gli alabardati, comunque, hanno tutta l’intenzione di allungare la loro serie positiva alla Bianchi, giunta a quota 5 vittorie consecutive davanti al pubblico di casa. La squadra in settimana si è preparata con la solita intensità e la condizione di forma del gruppo è ottima. “Ci siamo allenati bene – conferma il tecnico – stiamo vivendo un momento positivo e non vogliamo assolutamente fermarci”.

Infine, la designazione arbitrale: il confronto tra Pallanuoto Trieste e Rn Imperia sarà diretto da Ugo Corelli di Roma e Giuseppe Fusco di Torino.

Le partite di sabato 11 maggio (6° giornata di ritorno): Como – Andrea Doria, Rn Sori – Lavagna 90, Pallanuoto Trieste – Rn Imperia, Torino 81 – President Bologna, Pallanuoto Brescia – Chiavari, Plebiscito Padova – Sc Quinto

La classifica: Como 37, Pallanuoto Trieste 36, Sc Quinto 35, Chiavari 31, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 20, Lavagna 90 15, Torino 81 13, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Continuare a vincere. E’ questo l’obiettivo dichiarato della Pallanuoto Trieste, impegnata sabato 4 maggio (con inizio alle ore 18.00) sul campo del Lavagna 90 nella 5° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile. Gli alabardati, dopo la splendida impresa casalinga col Quinto della scorsa settimana e dopo aver riconquistato il 2° posto in classifica, adesso guardano anche più in alto. La capolista Como infatti è attesa dalla difficile trasferta sul campo della Rn Imperia, il sorpasso – in caso di successo in Liguria – potrebbe diventare cosa fatta.

La squadra di Ugo Marinelli, e tutto lo staff dirigenziale, non disdegnano comunque di guardasi alle spalle, per mettere prima di tutto al sicuro la qualificazione ai play-off promozione, destinata alle prime 4 in classifica, che andranno poi a incrociare le 4 più forti del girone Sud. La trasferta di Lavagna, a sole 7 gare dalla conclusione della stagione regolare, diventa un appuntamento importante per la Pallanuoto Trieste. “E’ una di quelle classiche partite assolutamente da non sottovalutare – spiega l’allenatore alabardato – al cospetto di una squadra in lotta nelle zone basse della classifica ma in possesso di qualche elemento molto valido per la categoria. Dovremo giocare con la giusta dose di concentrazione e imporre tutta la nostra maggiore qualità”. Il Lavagna – neopromosso in serie A2 – si ritrova invischiato nella lotta per non retrocedere, anche se con qualche lunghezza di vantaggio sulle pericolanti Torino 81, Plebiscito Padova e Andrea Doria. Squadra molto “casalinga” quella di Antonucci, considerato che sui 15 punti conquistati, 13 sono arrivati alla Comunale. Attenzione in particolare a Parisi e l’ex Quinto Bianchetti (25 e 22 gol stagionali rispettivamente), e ai vari Felugo, Martini e Cimarosti.

In casa Pallanuoto Trieste la preparazione in vista della trasferta di Lavagna si è svolta secondo i programmi. La squadra ha lavorato con la solita attenzione, il gruppo è apparso in ottime condizioni fisiche e non manca ovviamente un pizzico di ottimismo. Poco prima della partenza per la Liguria, una piccola delegazione della squadra è stata gradita ospite degli organizzatori della Bavisela, nella cornice di un simpatico evento dedicato alle società giunte ad un compleanno in “cifra tonda”. E la Pallanuoto Trieste nel 2013 compie 10 anni.

 —

Le partite di sabato 4 maggio (5° giornata di ritorno): Andrea Doria – Torino 81, Sc Quinto – Rn Sori, Chiavari – Plebiscito Padova, Rn Imperia – Como, Lavagna 90 – Pallanuoto Trieste, President Bologna – Pallanuoto Brescia

La classifica: Como 34, Pallanuoto Trieste 33, Sc Quinto 32, Chiavari 28, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 17, Lavagna 90 15, Torino 81 10, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?

Grande Pallanuoto Trieste. Nella 4° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile gli alabardati firmano un’altra impresa, battono davanti ai 500 spettatori della Bruno Bianchi il Quinto (10-9 il risultato finale), superano proprio il liguri in classifica e si riportano ad 1 sola lunghezza dal primo posto, riconquistato dal Como. Prestazione da incorniciare quella offerta da Aaron Giorgi e compagni, che hanno messo alle corde una delle squadre più attrezzate della categoria, dimostrando carattere, determinazione e tanta carica agonistica.

La Pallanuoto Trieste parte bene, sblocca la situazione grazie ad un gol di Namar in superiorità numerica (assist di Petronio), subisce il pari ad opera del pericoloso attaccante australiano Hollis, poi con 2 reti in rapida successione di Krstovic e capitan Giorgi – movimento dalla posizione di centroboa di rara potenza – si porta sul 3-1 a 2’59” dalla fine del 1° periodo. Il Quinto risponde con Galassi, poi ci pensa il ’97 Spadoni a infilzare il portiere ligure, con una pregevole stoccata sul palo lungo: 4-2 dopo 8′ di gioco.

Gli alabardati giocano bene, si difendono con ordine davanti all’attentissimo Jurisic e colpiscono con precisione in attacco. Nel 2° periodo il Quinto abbozza una reazione, torna sul 4-3 e poi sul 5-4 (nel mezzo bella rete di Giacomini con un tiro incrociato), poi nel finale di tempo i liguri devono chinare la testa davanti la precisa conclusione di uno scatenato Giorgi in superiorità numerica, servito ancora una volta da Petronio, e al gol di Krstovic, che manda le squadre al cambio di campo con la Pallanuoto Trieste avanti per 7-4.

La squadra di Paganuzzi, fresca di primato, non ha nessuna intenzione di abdicare così in fretta e nel 3° periodo si riporta presto in partita. L’uomo in più inizia a funzionare in casa ligure, Hollis e poi Fulcheris infilano Jurisic per il 7-6 a 3’40” dalla fine del tempo. Gli ultimi 60” del periodo sono incandescenti: Giorgi riporta la Pallanuoto Trieste sul +2, il solito Hollis accorcia in superiorità, poi il numero 5 in calottina bianca serve a Petronio un pallone perfetto che vale il 9-7.

Il 4° periodo si apre con gli alabardati avanti di 2 reti, un vantaggio che però il Quinto cancella nel giro di 3′. Turbati segna il 9-8 in superiorità numerica, poi arriva anche un rigore per i liguri, che Hollis trasforma per il 9-9. La Pallanuoto Trieste sembra in affanno, ma gli alabardati hanno il grande merito di non sbandare. Il gol decisivo arriva a 4’30” dalla sirena finale: la squadra di casa gestisce una superiorità numerica, la conclusione ribattuta finisce dalle parti di Giacomini che lestissimo insacca alle spalle di Scanu. E’ la rete del 10-9, risultato che nonostante gli ultimi intensissimi minuti, non cambia.

Migliore in campo Aaron Giorgi, 3 gol, 1 assist, 2 espulsioni guadagnate e una prestazione di grande qualità. Infine, una nota sull’arbitraggio: nel complesso buona la direzione di gara dei due fischietti palermitani.

 —

PALLANUOTO TRIESTE – SC QUINTO 10-9 (4-2; 3-2; 2-3; 1-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 1, F. Ferreccio, A. Giorgi 3, Krstovic 2, Verh, Covi, Namar 1, Henriques Berlanga, Spadoni 1, Lagonigro, Giacomini 2. All. Marinelli

SC QUINTO: Scanu, Brondi, Accardo, Luccianti 2, Galassi 1, Turbati 1, Fracas, Westermann, Hollis 4, Bittarello, Spigno, Pino, Fulcheris 1. All. Paganuzzi

Arbitri: Lo Dico e Centineo di Palermo

NOTE: uscito per 3 falli gravi Namar (T) nel 4° periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 6/9, Quinto 5/10 + 1 rigore; spettatori 500

 —

Gli altri risultati (4° giornata di ritorno): Pallanuoto Trieste – Torino 81 13-7, Rn Sori – Chiavari 6-5, Plebiscito Padova – President Bologna 5-7, Como – Lavagna 90 10-8, Rn Imperia – Andrea Doria 11-7

La classifica: Como 34, Pallanuoto Trieste 33, Sc Quinto 32, Chiavari 28, Pallanuoto Brescia 27, Rn Imperia 24, Rn Sori 21, President Bologna 17, Lavagna 90 15, Torino 81 10, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Niente da fare. Nella 3° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile la Pallanuoto Trieste si arrende sul campo del Chiavari per 11-10 e vede sfumare la possibilità di portarsi in testa alla classifica. Anzi, considerato il successo del Quinto sul Como (8-6) gli alabardati scivolano al 3° posto, mentre i liguri conquistano il primato: distacchi comunque ancora minimi (le prime 3 sono racchiuse in appena 2 punti) e ampiamente recuperabili, soprattutto in vista di quanto accadrà sabato prossimo alla Bruno Bianchi, quando la Pallanuoto Trieste ospiterà proprio il Quinto.

La squadra di Marinelli si è arresa al cospetto di un Chiavari ordinato, determinato e ricco di qualità tecniche. Anche se Aaron Giorgi e compagni devono recitare il mea culpa per una serie di evidenti errori, che hanno permesso ai padroni di casa di realizzare la bellezza di 4 gol in controfuga. Regali che certo non si possono concedere ad una compagine di spessore come quella guidata da Paolo Venturelli.

L’avvio di gara è devastante per la Pallanuoto Trieste, che si ritrova subito sotto, impatta con Giacomini (1-1) ma a cavallo di 1° e 2° periodo subisce dal Chiavari un terribile parziale di 6-0 che spinge i padroni di casa sul 7-2 al cambio di campo. Gara compromessa, o quasi. Gli alabardati trovano la forza di reagire e nel 3° periodo riescono in qualche modo a rimettere in piedi il match sull’8-6. Trieste inizia a credere ad una rimonta che avrebbe del clamoroso e in apertura di 4° periodo finalizza l’aggancio (8-8) grazie ai gol di Ferreccio in superiorità numerica e ancora Giacomini con una gran conclusione dalla distanza. Sembra il preludio al sorpasso, ma gli alabardati tornano subito sotto per 9-8 e poi commettono un altro imperdonabile errore, perdendo palla in situazione di superiorità numerica e permettendo al Chiavari di scappare in controfuga per il gol del 10-8. Dal possibile nuovo pareggio, ad un doppio svantaggio praticamente irrecuperabile a poco dalla sirena. I liguri si portano anche sull’11-8, la Pallanuoto Trieste non si arrende e torna sull’11-10 a 30” dalla fine. Ma l’ennesima, quasi impossibile rimonta, questa volta non riesce. Il Chiavari esulta, per gli alabardati arriva una sconfitta evitabile. E sabato prossimo alla Bianchi c’è il Quinto, la nuova capolista del torneo. Sarà battaglia. Come sempre.

 

CHIAVARI – PALLANUOTO TRIESTE 11-10 (3-1; 4-1; 1-4; 3-4)

CHIAVARI: P. Oliva, Ferrari, G. Ferreccio, D. Venturelli 3, Rolla, Barrile, Popivic 2, Monari 1, Besate, Botto 2, Franceschetti, Sanguineti, Casazza 3. All. P. Venturelli

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello 1, Petronio 1, F. Ferreccio 1, A. Giorgi 1, Krstovic 3, Verh, Covi, Namar, Henriques Berlanga 1, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 2. All. Marinelli

Arbitri: Scappini e Sgarra

NOTE: uscito per 3 falli gravi Namar (T) nel 4° periodo; superiorità numeriche Chiavari 4/6 + 1 rigore, Pallanuoto Trieste 4/10; spettatori 200

 

Gli altri risultati (3° giornata di ritorno): President Bologna – Rn Sori 6-8, Andrea Doria – Pallanuoto Brescia 11-12, Lavagna 90 – Rn Imperia 8-6, Sc Quinto – Como 8-6, Torino 81 – Plebiscito Padova 12-8

La classifica: Sc Quinto 32, Como 31, Pallanuoto Trieste 30, Chiavari 25, Pallanuoto Brescia 24, Rn Imperia 21, Rn Sori 18, Lavagna 90 15, President Bologna 14, Plebiscito Padova 10, Torino 81 10, Andrea Doria 8

Ti è piaciuto questo articolo?

E’ il frangente probabilmente più importante della stagione. Sabato 20 aprile, nella 3° giornata di ritorno del campionato di serie A2 maschile, la Pallanuoto Trieste sarà impegnata sul campo del Chiavari (si gioca alle ore 18.30), in una sfida che mette a confronto due squadre lanciatissime in zona play-off. I liguri sono reduci dalla grande impresa di sabato prossimo, quando hanno superato a domicilio (8-9) la capolista Como, la Pallanuoto Trieste dal canto suo si ritrova ad 1 solo punto dalla vetta, grazie ad un ruolino di marcia che recita 8 vittorie nelle ultime 9 partite disputate.

La squadra di Ugo Marinelli arriva alla sfida di Chiavari in ottime condizioni di forma. Qualche problema soltanto per il capitano Aaron Giorgi, uscito malconcio dalla partita con il President Bologna (vinta per 9-4 dagli alabardati) causa una botta alla mano sinistra. Niente di preoccupante comunque, anche se il centroboa triestino accusa ancora un po’ di fastidio. “Stiamo bene – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste – ma anche il Chiavari vive un ottimo momento. Si affrontano due squadre in salute, sarà senza dubbio una bella partita. Andiamo in Liguria per vincere, ma siamo consapevoli delle insidie che ci aspettano”. Nel giro di un paio di settimane, la Pallanuoto Trieste si gioca tanto. Prima la trasferta di Chiavari, poi il confronto interno con il Quinto: due partite insomma molto importanti nella corsa ai play-off e nell’inseguimento alla capolista Como. “Il campionato è ancora lungo – spiega ancora Marinelli – ma con le due liguri in palio ci sono punti molto pesanti. Soprattutto in caso dovessimo riuscire a conquistare il bottino pieno”.

Il Chiavari comunque rappresenta un avversario particolarmente ostico per la Pallanuoto Trieste. Dopo un inizio di stagione un po’ in affanno, la squadra di Paolo Venturelli ha cambiato marcia, riportandosi rapidamente nelle zone di vertice della classifica. Il colpo esterno di Como la dice lunga sulle qualità dei liguri, che trovano in Guido Ferreccio (lontano parente di Filippo, attaccante della Pallanuoto Trieste) e Boris Popovic, 22 e 27 gol rispettivamente in stagione, gli elementi cardine del gioco di attacco.

Nella gara di andata il Chiavari si impose alla Bruno Bianchi per 3-4, su una Pallanuoto Trieste priva di Miroslav Krstovic e probabilmente non ancora così determinata come quella vista all’opera in queste settimane. Ma per passare alla Comunale bisognerà giocare alla perfezione. O quasi.

 —

Le partite di sabato 20 aprile (3° giornata di ritorno): Lavagna 90 – Rn Imperia, President Bologna – Rn Sori, Torino 81 – Plebiscito Padova, Sc Quinto – Como, Chiavari – Pallanuoto Trieste, Andrea Doria – Pallanuoto Brescia

La classifica: Como 31, Pallanuoto Trieste 30, Sc Quinto 29, Chiavari 25, Pallanuoto Brescia 21, Rn Imperia 21, Rn Sori 15, President Bologna 14, Lavagna 90 12, Plebiscito Padova 10, Andrea Doria 8, Torino 81 7

Ti è piaciuto questo articolo?