Il confronto tra le migliori giocatrici triestine della passata stagione non delude le attese: davanti a un buon pubblico, al centro sportivo “Klabjan” di Dolina è la squadra “Blu” di coach Nevio Giuliani a imporsi nel finale di match ai danni delle “Bianche” di Matija Jogan. La contesa si conclude sul 73-72 (9-22, 30-42, 54-58 i parziali degli altri quarti), dopo quaranta minuti intensi da ambo le parti dove le “zingarate” hanno decisamente prevalso nei confronti delle azioni offensive ragionate.

La prima parte del match è a vantaggio della squadra bianca, dotata sulla carta di un po’ meno talento rispetto alle avversarie ma in grado di mettere l’altro team in seria difficoltà per gran parte della sfida: grazie al prezioso contributo di Federica Pozzecco (top-scorer dell’All-Star Game, con 14 punti segnati in tutto), le ragazze di Jogan riescono a spingersi anche sul +13 (20-7), vantaggio che rimane tale sino alla fine del primo quarto. La musica sembra non cambiare nella seconda frazione, quando Abrami e Palliotto mantengono su di giri il motore della propria compagine: il +12 a metà gara viene condito da una stoppata a fil di sirena di Pozzecco, che così facendo riesce a mostrare i muscoli anche in ambito difensivo.

Tutto, o quasi, muta dal 3°quarto in poi: dai larghi vantaggi dei primi venti minuti regolamentari si passa a un equilibrio più marcato in termine di punteggio. La formazione di Giuliani riesce a ricucire lo strappo in prima battuta grazie alla panchina, con Filippas e Lella a menare le danze in campo: più precise si rivelano poi le punte di diamante della squadra “Blu”, con Borroni (nella foto), Cergol, Richter e Favento che cominciano a essere fattori importanti sotto il profilo dei canestri segnati.

Il 58-54 al 30′ rimanda tutti i discorsi di vittoria finale a un’ultima frazione palpitante, dove i botta e risposta si “sprecano” specialmente nelle battute conclusive del match. Sorpassi e controsorpassi tengono infatti incollati alle panche gli spettatori accorsi a Dolina: sul fronte delle “Blu”, Costanza Miccoli piazza il gioco da tre punti che, a un minuto e mezzo dalla sirena finale, riporta avanti il team di Giuliani; sul lato delle “Bianche”, prova a ergersi protagonista Irene Cigliani con il canestro del +1, ma dall’altra parte è Alice Richter a rispondere “presente” e a mette la freccia per la propria squadra. Le ragazze di Jogan provano a piazzare il colpo gobbo con la realizzazione dall’angolo di Barbara Bossi, ma è la solita, scaltra faina denominata Annalisa Borroni a chiudere il match con il fallo subito e il 2/2 ai liberi: sono i punti della capitana dell’Interclub Muggia a risultare quelli della staffa, per il 73-72 finale.

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi