Articoli

Mettiamola così: se il Memorial “Piera Pajetta” – ultima parentesi pre-stagionale prima della Supercoppa LNP – doveva dare un briciolo di conferme all’Alma, un concetto su tutti balza fuori dopo la “due giorni” friulana: la necessità da parte di Trieste di aver dovuto nuovamente ricorrere a una sorta di metamorfosi kafkiana per evitare un esaurimento nervoso, causa l’ennesima tegola sul fronte degli acciacchi (in questo caso, i soli cinque minuti scarsi sul parquet di Janelidze, a riposo forzato per qualche noia alla schiena). Alla fine della fiera, i giuliani escono dal rinnovato “Pala Carnera” con un terzo posto nel torneo e paradossalmente con la consapevolezza di aver ancora una volta stretto i denti senza praticamente mai perdere la bussola: anche così si può crescere di squadra, in barba ai problemi.

“BLACK FRIDAY” A METÀ Non è un caso che il “Pajetta” tinto di biancorosso possa essere trasversalmente diviso in due parti distinte: quella della sconfitta contro la Bondi di venerdì è sicuramente il lato più sbiadito del week-end di gare a Udine, con un’Alma che per quaranta minuti ha corso prevalentemente sulle uova, quasi col timore di non farsi ulteriormente male sul piano fisico e mai realmente capace di cambiare registro in ambito dell’inerzia. Da un Fernandez tornato a essere “umano” e a prendere fiato, non riuscendo di fatto ad orchestrare con la consueta perizia la squadra sul parquet, a un complessivo 33% di realizzazione dal campo che ha denotato la difficoltà di Trieste ad andare a canestro. E – nota curiosa, ma che delinea perfettamente lo stato di emergenza sul piano delle rotazioni – passando anche per un quintetto che definire sperimentale è poco: Prandin, Baldasso, Loschi, Green e Coronica (col capitano biancorosso a fare da “5”) tutti assieme appassionatamente nell’ultimo quarto, è una “configurazione” difficilmente ammirabile e ripetibile in futuro. Con il solo Cittadini a cantare e portare la croce in pitturato (peraltro molto bene, sia con Ferrara che con Forlì), era naturale non aspettarsi un basket-champagne. Ma c’è un punto a favore per i giuliani: l’aver retto l’urto in difesa contro Hall e soci, vincendo la lotta a rimbalzo e chiudendo la contesa con un +30 nella valutazione totale. Una magia? Niente affatto: si è visto tanto spirito di sacrificio che, al netto del match in chiaroscuro, può far brillare gli occhi dello staff tecnico. E tutto questo vale molto di più di una sconfitta di misura, patita peraltro solo nei secondi finali.

I SORRISI POST-FORLÌ Dai “dolori” alle piccole “gioie”: cambiare registro nel giro di 24 ore non è facile per nessuno, figuriamoci per una Trieste come quella attuale che senza Bowers e Da Ros perde parecchi punti di riferimento su entrambi i lati del campo. Eppure l’Alma, nel match di sabato sera contro l’Unieuro dell’ex DiLiegro (a proposito, il centro di Lexington ha messo a posto anche il tiro dalla lunga distanza, oltre alla consueta efficienza in semi-gancio…), fa rispuntare bello come il sole quel fuoco sacro di una squadra che ha tanto orgoglio innato nel proprio DNA. Badate bene: anche in questo caso siamo lontani dalle prestazioni migliori, ma i pezzi del puzzle sparpagliati contro Ferrara si sono uniti in un colpo solo: con Cavaliero che torna ad essere uno dei leader della squadra, assieme al “solito” Green che realizza 21 dei 23 punti negli ultimi venti minuti dopo aver sonnecchiato nel primo tempo e a un Bobo Prandin che – tra serpentine in penetrazione e la buona mano dalla lunga distanza – diventa un rebus per la poco attenta difesa forlivese, ecco come l’intera squadra biancorossa ritrova una piccolissima quadratura del cerchio. Con una chicca annessa: la “2-3 bulgara” in difesa che, seppure solo per qualche azione, può rappresentare qualcosa di assolutamente nuovo nelle logiche di squadra. E che magari un bel giorno potrebbe essere riproposta…

ROAD TO…ALMA ARENA Come va interpretata la prima, vera parentesi di stagione in Supercoppa nel prossimo fine settimana? Una ricetta c’è: quella di onorare la competizione senza la pressione di dover arrivare per forza di cose sino in fondo. Che tradotto non significa necessariamente prendere sottogamba la competizione, ma di vederla invece come una tappa importante di avvicinamento al campionato. Si va in campo sempre per vincere, è palese: ma nell’Alma odierna c’è anche la volontà di costruire l’identità giusta. E l’evento dei prossimi giorni diventa perfetto per scoprire cosa Trieste vuol fare da grande.

(da City Sport, lunedì 18 settembre 2017)

Ti è piaciuto questo articolo?

La “Mission Impossible” resta tale per la Querciambiente Muggia: la capolista Ferrara non fa eccessiva fatica nell’imporsi ad Aquilinia, risolvendo la pratica già dopo metà partita. Finisce 51-70 per la PFF Group, che conquista così la sua 14° vittoria in 15 partite giocate dopo una gara praticamente a senso unico, dal primo all’ultimo minuto di match. 

Parte a razzo Ferrara nei primi istanti di contesa: il 12-0 di parziale dopo 180 secondi cancella in pratica ogni tipo di velleità rivierasca, con le ospiti a mettere oltretutto la museruola alle avversarie in attacco e costringendo le padrone di casa a parecchi tiri difficili, con la sola Capolicchio a trovare un minimo di continuità con un paio di penetrazioni positive. La Querciambiente chiude sul 7-18 il primo parziale, continuando però a soffrire in difesa nel secondo quarto: in pitturato la PFF Group è quasi perfetta, sporcando invece le proprie percentuali dalla lunga distanza. Il team di coach Iurlaro rimane comunque in netto controllo della partita, su un +23 che di fatto chiude a tripla mandata il match dopo 20 minuti. Senza storia il resto della sfida, con Muggia costretta a pagar dazio anche sul fronte dei falli commessi (Capolicchio fuori per raggiunto limite prima della penultima sirena), riuscendo a chiudere la contesa limitando il passivo sotto i venti punti di svantaggio, grazie a un piccolo sussulto nel finale di gara.

Querciambiente Muggia-PFF Group Ferrara 51-70 (7-18, 15-38, 36-57)

Querciambiente Muggia: Masic 15, Castelletto, Capolicchio 10, Pregarc, F.Policastro 6, Puzzer, Zizola 12, A.Policastro 2, Rosin 4, Mezgec. All. Trani

PFF Group Ferrara: Nori 4, Rosier 8, D’Aloja 2, Cecconi, Rulli 10, Aleotti 12, Rosset 18, Miccio 10, Missanelli, Barlati 4, Bertaccini, Mini 2. All.Iurlaro

Ti è piaciuto questo articolo?

Metamorfosi letale per l’SGT: dopo due quarti in cui tutto sembrava essersi incanalato nel verso giusto, la compagine di Nevio Giuliani si infrange su una Ferrara che a metà gara dimostrava tutto, meno che crederci nella vittoria finale.

Finisce 63-74 e per la Calligaris è una doccia gelatissima, perchè a un certo punto del match sembrava  davvero a un passo dal conquistare la finale per salire in A2: nonostante il risultato avverso, Trieste merita comunque gli applausi per essere arrivata a un punto così elevato, con tanta gioventù nel proprio roster. Alla fine è sicuramente mancato un pizzico di esperienza in più che il Punto Fotovoltaico ha avuto con Laffi (33 punti e praticamente immarcabile, quando la squadra ha iniziato a recapitare palloni nelle sue sapienti mani), ma più in generale quella sorta di “killer instinct” utile a chiudere definitivamente le porte a un recupero ospite, tra secondo e terzo quarto, ovverosia nel momento migliore dell’SGT.

Ferrara parte bene a inizio match, la Ginnastica è in ritardo 8-15 al 6′ e dimostra difficoltà nel contenere le due principali bocche da fuoco avversarie, Mini e la già citata Laffi. Trieste però rimane abbondantemente attaccata al punteggio, agganciando le ospiti a quota 17 con Romano e Policastro abili a insaccare punti preziosi. E’ poi Bossi a mettere il turbo alla Calligaris, che piazza un ulteriore break di 8-0 che rovescia completamente l’inerzia nel finale di quarto, con le padrone di casa avanti 25-17.

Il leit-motiv non cambia di una virgola a inizio seconda frazione, quando è ancora Bossi a fare il diavolo a quattro, bombardando da ogni lato del perimetro: l’SGT vola a +14 al 12′ (35-23) e dimostra estrema lucidità in campo, variabile non pervenuta in casa del Punto Fotovoltaico. E’ la sola Laffi a essere sufficientemente precisa a canestro, ma la ex-Vigarano non può portare da sola tutto il fardello: le emiliane continuano così a subire la veemenza delle giuliane che chiudono sul +10 alla pausa lunga (44-34)

Quando tutto sembra sorridere a Trieste, con un’altra tripla di Bossi messa a referto e i canestri di Trimboli e Zecchin dalla linea della carità, Ferrara costruisce la propria resurrezione dal -14. Con il tabellone che segna il 53-39 per la Calligaris al 23′, tutto torna incredibilmente in discussione: dapprima le ospiti guadagnano tante gite in lunetta (seppur con mediocre precisione ai liberi) ma è lo strapotere della numero 14 in maglia emiliana a fare tutta la differenza del mondo. Laffi infatti imbuca 9 punti in un batter di ciglia, risultando pressochè immarcabile, sul lato opposto, l’SGT fa una fatica ad andare a canestro e a ritrovare la fluidità di gioco delle prime due frazioni. Il risultato è un parziale devastante di 16-0 a favore delle ospiti, che tornano prepotentemente in partita mettendo addirittura il muso avanti alla penultima sirena (53-55).

Da lì in poi si capisce che Trieste ha davvero poca benzina nel proprio motore: coach Giuliani cerca di trovare il rimedio tramite tante rotazioni, è Maria Miccoli a rimpinguare il tabellino delle padrone di casa dopo tanti errori, ma Ferrara dimostra una marcia in più nei momenti che contano. L’SGT arriva sino a -2 con Cerigioni e Castelletto (60-62) ma è nuovamente Laffi a tappare definitivamente le ali della Calligaris: la tripla del +9 a 1’02” dal termine manda in orbita il Punto Fotovoltaico, che controlla il ritmo e vola in finale. Per Trieste, invece, tanta delusione al termine della gara e parecchia amarezza per aver solo sfiorato il sogno.

Ti è piaciuto questo articolo?