Articoli

L’intervista settimanale in casa Star Five Monfalcone: è il turno di Angelo Del Bono

Nome…
“Angelo”

Cognome…
“del Bono”

Luogo e data di nascita…
“Napoli, 27-09-1981”

Segno zodiacale…
“Bilancia”

Soprannome…
“O’Pazzo”

Numero maglia…
“8”

Ruolo…
“Ultimo…”

Professione…
“Responsabile di magazzino”

Qual è il sogno che hai già realizzato nella tua vita?
“Sposarmi ed avere dei figli splendidi.”

E invece il tuo sogno nel cassetto?
“Sembrerà strano, ma non ne ho… Sono felice così.”

Qual è il regalo più bello che tu abbia mai ricevuto?
“I regali più belli sono state le nascite dei miei due figli.”

Siete in un momento di pausa dal campionato… Come vi state allenando in questi giorni?
“Ci tengo a dire che mister Bevilacqua fa in modo che non si abbassi mai la concentrazione ed ha fatto di ciò una costante durante tutta la stagione e tutti gli allenamenti. Quindi stiamo continuando a lavorare con impegno.”

Potevate archiviare la pratica promozione già la scorsa settimana, ma dovrete aspettare ancora: come vivi l’attesa tu personalmente e come la sta vivendo lo spogliatoio?
“Io con assoluta ansia, ma in generale lo spogliatoi è sereno: vive la  stessa tranquillità che, onestamente, ci ha accompagnato fino ad oggi e fino a qui.”

Da quando fai parte di questo gruppo?
“Da due anni, ma con i vari de Crescenzo, Castiello e lo stesso presidente Petriccione siamo amici da una vita.”

Qual è stato il momento più difficile della stagione?
“Un momento difficile vero e proprio non c’è mai stato, fatta eccezione per i primi mesi in cui ci sono state piccole incomprensioni in spogliatoio, fortunatamente superate molto velocemente.”

Qual è stato invece il momento più bello?
“Quando abbiamo acquisito la consapevolezza nelle nostre capacità.”

Cosa ti auspichi per il tuo futuro calcistico?
“A 31 anni mi basta sperare di continuare a divertirmi sempre più.”

Il prossimo turno casalingo contro la Clark Udine è ancora lontano, ma suppongo che già ci stiate pensando…
“Si, siamo già col pensiero al prossimo turno e io ancor di più perché essendo squalificato non potrò scendere in campo.”

Bene, puoi chiudere facendo gli auguri a tutti i vostri sostenitori…
“Auguro a tutti i nostri sostenitori una buona Pasqua e poi in massa vi vogliamo tutti a sostenerci durante la prossima gara (6 aprile pv, ndr).”

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five Monfalcone, intervista al laterale/pivot Giuseppe Currò

Nome…
“Giuseppe”

Cognome…
“Currò”

Luogo e data di nascita…
“Udine, 14 aprile 1988”

Soprannome…
“Beppe”

Professione…
“Preparatore atletico e massaggiatore”

Numero maglia…
“7”

Ruolo…
“Laterale/Pivot”

Colore preferito…
“Azzurro”

Pietanza preferita…
“Tutto ciò che cucina la mamma è “preferito”!!”

Un nuovo pari e festa rimandata… Com’è lo spirito in spogliatoio?
“Lo spirito è sempre lo stesso: c’è grande voglia di arrivare al 6 aprile ben preparati anche se, allo stesso tempo, devo ammettere che un po’ di rammarico per la sfumata vittoria del campionato in anticipo c’è stata.”

Cosa vi è mancato contro Pordenone?

Giuseppe sorride: “…un goal in più! Tutto qui. A parte alle battute, loro sono stati molto bravi nel secondo tempo a sfruttare le occasioni avute e molto sciocchi noi ad esserci intestarditi nei tiri da lontano. Anche se c’è da dire che non è facile giocare contro squadre che si chiudono dietro, non lasciando spazi neppure per creare del gioco.”

Due settimane di pausa, in questo momento, sono più utili o dannose?
“Sinceramente credo che non ci sia una gran differenza tra l’avere o no due settimane di pausa. Dobbiamo vincere e vogliamo vincere quindi giocare la prossima partita di campionato anche tra due settimane ci dà solo motivo di prepararci ancor meglio alla partita. Non nego comunque che avrei passato una Pasqua più serena se avessimo già avuto la conferma matematica per il salto in B.”

Com’è la settimana tipo dei giocatori della Star Five?
“Tutti noi lavoriamo quotidianamente fino a sera, ma penso sia un pensiero comune quando dico che le due giornate di allenamento e la partita sono anche un modo di sfogarsi e divertirsi allo stesso tempo.”

Qual è la partita di questa stagione che vorresti rigiocare e perché?

“Quella di sabato scorso contro il Pordenone e ormai credo sia chiaro il motivo. Anche se a dire la verità più che una partita che rigiocherei ci sarebbe una partita che mi è dispiaciuto moltissimo non giocare ed è la finale di Coppa Italia. Ecco, quella vorrei si ripetesse senza la mia squalifica.”

Un difetto e un pregio di Giuseppe, “calcettisticamente” parlando…
“Sono uno di quelli che “parla tanto” lo ammetto, anche se, credimi, la voglia di non mollare mai è parte di me. Penso che tutti possiamo perdere un pallone in campo, ma allo stesso modo dobbiamo avere la forza e la voglia di andarcelo a riprendere con ancora più grinta.”

Cosa ti auspichi per il futuro?

“La risposta nell’immediato futuro è ovvia e cioè vincere il campionato e far entrare la società in un palcoscenico più grande di quello regionale. Per il resto si vedrà. C’è da dire che se ci sono le risorse e c’è un progetto serio si possono fare grandi cose. Io, personalmente parlando, sono dell’idea che avere un buon settore giovanile sia un punto di partenza per creare qualcosa di importante anche a lungo termine. Qua in Friuli abbiamo una società che è cresciuta tanto ed ormai milita anche a livelli più alti, vedi la New Team, quindi perché non prenderla come esempio e sognare in grande anche noi…”


Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five Monfalcone, intervista settimanale a Samuele Spatafora

Il Messaggero Veneto del 25 luglio 2012 pubblicava quanto segue: “La Star Five fa la voce grossa: la società di Monfalcone nel giro di poche settimane ufficializza colpi da far tremare l’intera serie C1, partendo dal mister più vincente degli ultimi anni in categoria, vale a dire il friulano Bevilacqua. Ma è a livello di giocatori che i cantierini fanno paura: dalla New Team arriva il giovane centrale Samuele Spatafora, …”.

Rileggendo ora queste battute che cosa provi?

 “Quest’anno sono fiero di far parte della Star Five e rileggendo queste righe non posso che sentirmi orgoglioso di essere entrato a far parte di questo gruppo.”

Oggi, arrivati quasi alla fine della stagione, confermeresti la tua scelta di allora?

“Fin dall’inizio ho creduto nel progetto e sono determinato a portarlo avanti: quindi la mia risposta è assolutamente si.”

In cosa pensi di essere cresciuto in questi mesi, sia “calcettisticamente” parlando, ma ancor prima umanamente?

“In questi mesi mi sento soddisfatto sia perché ho acquisito nuove esperienze, sia perché ho trovato una società seria e un gruppo fantastico che mi porta ad avere sempre nuovi stimoli.”

Sabato avete pareggiato contro Manzano. Due dei tre gol marchiati Star Five sono tuoi. Ti bastano per essere soddisfatto rispetto al weekend appena concluso?

“Fare goal è sempre una bellissima sensazione, ma portare i punti a casa mi fa sentire ancora più soddisfatto.”

Cosa ti aspetti da questo campionato?

“Ancora tanti punti e tanti goal.”

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

“Quello di diventare un ottimo calciatore.”

Chi ti senti di voler ringraziare per i risultati che stai ottenendo da giocatore?

“Vorrei ringraziare, innanzitutto, la New Team che in due anni mi ha fatto diventare quello che sono. La Star Five per avermi dato fiducia e per avermi dato la possibilità di esprimermi e la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto, anche nei momenti più difficili.”

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five, mister Bevilacqua: “Massima concentrazione fino al raggiungimento matematico del primo posto”

Questo il pensiero di mister Bevilacqua, allenatore dello Star Five Monfalcone, alla vigilia della prossima gara di campionato contro il Manzano: “Anche sabato, contro la Torriana, i miei ragazzi hanno dimostrato di avere una marcia in più: con la velocità ed l’intensità di gioco riusciamo spesso a mettere in difficoltà tutte le avversarie. Non potevamo permetterci passi falsi, la cosa importante era vincere e l’abbiamo fatto con autorità. Siamo arrivati al rush finale ed io predico sempre umiltà e massima concentrazione fino a quando la matematica non ci darà la certezza di aver raggiunto quel traguardo tanto voluto.

Questa settimana ho potuto  seguire la squadra “part-time” per l’influenza che mi ha bloccato, ma il mio vice mi ha assicurato che i ragazzi  hanno dato il meglio e non hanno abbassato la guardia. Sabato andiamo ad affrontare il Manzano: all’andata abbiamo lasciato i tre punti nei minuti finali, dopo essere andati in vantaggio per due a zero.  Il Manzano sta dimostrando di essere una buona squadra, con un ottimo collettivo ed un ex, Texeria, che ha preso per mano tutto il gruppo. Sia chiaro, noi giochiamo sempre per vincere, però questo match può rivestire molte insidie e quindi ci dobbiamo attrezzare molto bene per venirne a capo. Tutti presenti per sabato, tranne Besic bloccato con l’influenza.”

I convocati: Pitta, Valent, Cipolletta, Spatafora, Improta, Currò, Del Bono, Castiello, De Crescenzo cap, Linza.

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five, l’intervista all’universale Nicola Valent

L’appuntamento settimanale con l’intervista in casa Star Five è nel segno di Nicola Valent, universale classe ’81 della formazione di mister Roberto Bevilacqua:

Riassumi in poche battute la partita contro la Torriana…

“E’ stata una partita combattuta e giocata a viso aperto da entrambe le squadre, con la giusta dose di agonismo e fair play. Dopo i primi minuti di studio abbiamo incominciato a macinare gioco, ma l’ottima difesa e le ripartenze della squadra di casa ci hanno creato qualche difficoltà. Come sempre abbiamo dovuto dare il massimo per avere la meglio su uno dei campi più difficili del campionato. Siamo stati bravi a mantenere alta la concentrazione e a rimanere uniti e compatti anche quando eravamo in svantaggio.

Quanto è grande la gioia per questa nuova vittoria?

“E’ sicuramente grande, ma il tempo per godersela è poco dato che dobbiamo già pensare alla difficile partita contro il Manzano. E’ stata la vittoria del gruppo che, quando mette da parte gli egoismi personali, si dimostra una squadra con la “S” maiuscola.

Da quando giochi con la Star Five?

“Questo per me e’ il primo anno e devo dire, avendo militato in parecchie squadre, anche fuori regione, che alla Star Five si sta davvero bene: il presidente e tutto lo staff non ci fanno mancare mai nulla, anzi….!!!

Quali sono i lati più belli di questa esperienza?

“Sicuramente il “calore”, la simpatia e il modo di accogliere tutti che caratterizza tutte le persone che ruotano attorno alla Star Five. Beh, poi sicuramente, cosa da non dimenticare, il primo posto in classifica.”

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

“”Calcettisticamente” parlando quello di poter condurre una squadra, ormai come allenatore, quindi tra un po’ di anni, dalla serie C alla serie A….

Nella vita quotidiana invece devo ritenermi fortunato perché ho una moglie “Speciale” e un pargoletto “Unico” che mi sopportano e che assecondano la mia passione per questo sport.”

Cosa vi aspetta da ora alla fine del campionato?

“Ancora cinque battaglie per vincere questa “guerra sportiva”. Saranno cinque partite difficilissime e noi dovremo rimanere concentrati e uniti più che mai, per stappare finalmente lo Champagne e aggiungere la prima stella sullo stemma della Star Five!”

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five, è sempre vittoria in campionato: anche la Torriana paga pegno

Ancora una bella prestazione quella offerta sabato, al PalaMacoratti contro la Torriana, dai ragazzi di mister Bevilacqua. La Star Five porta a casa i tre punti su un campo molto difficile e a cinque giornate dalla fine si candida più che mai per la vittoria finale del campionato. Parte a razzo la formazione ospite ed al 1′ va in gol con Spatafora. Ci pensano, per la Torriana, al 3′ Ferman, a pareggiare i conti su contropiede e, successivamente, al 10′ Dimercurio, a portare in vantaggio i suoi (2-1). Finalmente, al 24′, Besic, con un gran gol scuote i compagni (2-2). Fin qui, i ragazzi del presidente Petriccione avevano tentato in tutti i modi di scardinare la porta gradiscana, ma Coos, in giornata di grazia, sembrava davvero impossibile da superare. Termina sul due pari il primo tempo: risultato che rispecchia quello che si è visto in campo.

La ripresa è decisamente a favore della Torriana che, con Donato, va in gol, anche grazie ad una “dormita” generale dei cantierini. Dopo vari tentativi di andare in rete sia di Castiello che di Besic, finalmente arriva il gol di Sandj (10′), con replica in contropiede dello stesso al 14′, ma neanche il tempo di gioire che Ferman al 15′ fa secco Pitta. La Star Five non ci sta, alza il baricentro e per i ragazzi di Sfiligoi cominciano i primi problemi. Al 20′ è il solito capitano De Crescenzo a portare avanti i suoi con una bellissima azione in contropiede. Al 22′ è Valent a colpire dalla lunga distanza e al 28′, su rigore, Castiello trasforma. Nei minuti finali arriva il gol di Ferman che chiude la gara sul 5-7.

Il commento di mister Bevilacqua: “Devo dire ancora una volta bravi ai miei “GUERRIERI”. Era una partita a cui tenevo particolarmente e sapevo anche che ci sarebbero state molte difficoltà, visto l’indubbio valore dei nostri avversari. I miei ragazzi hanno dato anche oggi prova di grande maturità e compattezza. Siamo un grande gruppo e questo ci far onore. Il nostro compito è ora quello di mantenere alta, altissima, la concentrazione fino alla fine.”

Torriana – A.S.D. STAR FIVE  5-7  (primo tempo 2-2)

Torriana: Coos, Baio, Ferrazzo, Dimercurio, Donato, Sfiligoi M., Ferman, Lauto, Basile, Bazato, Biriukov. All. Germano Sfiligoi.

A.S.D. Star Five: Pitta, Valent, Cipoletta, Spatafora, Improta, Currò, Castiello, Osmenaj, De Crescenzo, Linza, Besic. All. Roberto Bevilacqua.

Arbitri: Nicola Mario Carlomagno (MAN) – Vania Cordenons (PN)

Marcatori: PT: 1′ Spatafora (SF), 3′ Ferman (T), 10′ Dimercurio (T), 24′ Besic (SF) – ST. 2′ Donato (T), 10′ Besic (SF), 14′ Besic (SF), 15′ Ferman (T), 20′ De Crescenzo (SF), 22′ Valent (SF), 28’rig. Castiello (SF), 31′ Ferman(T)

Ammoniti: Coos e Ferazzo (Torriana) – Currò e Cipolletta (Star Five)

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five, infortunio a Osmenaj: necessario l’intervento chirurgico

Il Pivot, classe ’84, Amarildo Osmenaj, sabato scorso, durante un contrasto di gioco, si è rotto il tendine della mano destra. Era sembrato un fatto di poco conto, un trauma di lieve entità come accade spesso durante una partita o un allenamento, ma proprio ieri, in seguito a degli accertamenti in ospedale è stata emessa purtroppo la sentenza: domani mattina Amarildo sarà operato.

Presidente, dirigenti, staff tecnico e compagni di squadra augurano allo sfortunato atleta un grande “in bocca al lupo” e un pronto rientro in campo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five, altra vittoria da incorniciare: alla “Polifunzionale” l’Adriatica non ha scampo

Grande prestazione quella offerta ieri dalla Star Five alla Polifunzionale di Monfalcone. La squadra di mister Bevilacqua gira come un orologio svizzero e alla fine nulla può l’Adriatica, pur offrendo una prestazione volenterosa e pur dopo una partenza con la quinta ingranata. La gara è decisamente piacevole da seguire e già il primo tempo è ricco di azioni e di gol.

Dopo 6′ di studio, alla prima occasione Zupicic insacca, grazie ad una pregevole manovra azzurra. Da questo momento parte il monologo dei padroni di casa che vanno in gol per cinque volte: con Besic al 7′, 9′, 10′ e con Currò al 11′ e 19′. La formazione del presidente Petriccione dimostra così, ancora una volta, di possedere una grande qualità di gioco e di avere tutte le carte in regola per regalare ai tifosi un grande spettacolo. Al 26′ arriva il gol di Zupicic che riesce a rendere meno pesante il passivo per gli ospiti. Il primo tempo termina con, al 30′, un gol di Besic su tiro libero, anche oggi in grande spolvero.

L’Adriatica inizia il secondo tempo spostando il baricentro in avanti e per la Star Five iniziano i primi rischi: solo un grandissimo Linza riesce ad arginare sui tiri di Marega. Poi ci pensa Valent a salvare sul tiro di Sirok, che successivamente colpisce anche il palo. La reazione dei padroni di casa non tarda ad arrivare e al 9′ Castiello va in rete, con un contropiede veloce. La Star Five controlla le sortite avversarie e, recuperata palla, tenta numerose ripartenze in contropiede, ma l’estremo difensore avversario ci mette sempre una pezza. Solo al 20’ Currò riesce a fulminare Koijc. Al 26′ è di nuovo Besic, su tiro libero, ad andare in gol. Chiude le marcature Simic al 29′, per il 9-3 finale. Grande euforia negli spogliatoi dei padroni di casa, che a sei partite dalla fine, mantengono saldamente il primo posto in classifica.

Il commento di mister Bevilacqua: “Abbiamo vinto meritatamente. Era una partita cominciata male e, come è già capitato ultimamente, dopo aver subito un gol, i miei ragazzi si sono rimessi in carreggiata offrendo poi un’ottima prestazione. Sono orgoglioso di tutti. Per noi contava vincere contro l’Adriatica, ma sopratutto convincere. Siamo primi per la costanza del nostro gioco: i risultati non sono frutto del caso, ma bensì di una buona organizzazione di gioco. Ora abbiamo l’obbligo di regalare la serie B al nostro grande Presidente Petriccione, ma dobbiamo restare concentrati e  con umiltà giocare gara dopo gara fino alla fine. Un pensiero lo dobbiamo a Del Bono che non ha potuto essere presente alla partita perché bloccato sulla nave a Trieste, per motivi di lavoro. Veramente bravi tutti.”

A.S.D. STAR FIVE – Adriatica 9 – 3
(primo tempo 6 -2)

A.S.D. Star Five: Pitta, Valent, Cipoletta, Spatafora, Improta, Currò, Castiello, Osmenaj, De Crescenzo, Linza, Besic. All. Roberto Bevilacqua.

A.S.D. Adriatica: Kojic, Zekovic, Parrino, Petrovic, Simic, Civello, Zivkovic, Sirok, Marega, Zupicic, Stupar. All. Alessio Marega.

Arbitri: Maurizio Stefanutti (TOLM) – Fabrizio Marchetti (TOLM)

Marcatori: PT: 6′ Zupicic (A), 7′ Besic (SF), 9′ Besic (SF), 10′ Besic (SF), 11′ Currò (SF), 19′ Currò (SF), 26′ Zupicic (A), 30′ Besic (SF) tl.
ST. 9′ Castiello (SF), 20′ Currò (SF), 26′ Besic (SF) tl, 29′ Simic (A).

Ammoniti: Zupicic, Marega (Adriatica).

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five Monfalcone, mister Bevilacqua: “Contro l’Adriatica ci aspetta un’altra battaglia”

Il punto settimanale di Roberto Bevilacqua, mister dello Star Five Monfalcone:

“Quella di sabato contro la Mediterranea è stata una bella partita giocata in modo piacevole da ambo le parti. E’ stata la vittoria del gruppo: ci tenevamo particolarmente a vincere questo match e ci siamo riusciti. Credo di poter dire anche meritatamente. Ora dobbiamo archiviare in fretta questa vittoria e ritornare con i piedi ben saldi per terra. Sabato ci aspetta un’altra battaglia: arriva l’Adriatica, squadra partita con molte ambizioni e rimasta invischiata nei bassifondi della classifica. Dopo alcuni cambi di panchina la squadra è stata affidata a Marega, in veste di “allenatore-giocatore” e con lui la squadra ha ripreso smalto ed i risultati stanno arrivando.”

“Questa settimana i ragazzi hanno risposto molto positivamente e con grande entusiasmo alle sedute di allenamento”, continua il mister, “e questo mi fa ben sperare per il nuovo derby di sabato. Dobbiamo spegnere in fretta i facili entusiasmi perchè, da qua alla fine del campionato, ci vogliono ancora 16 punti se vogliamo centrare il nostro obbiettivo. Tutti a disposizione tranne Spatafora.”

I convocati: Pitta, Valent, Cipolletta, Improta, Currò, Del Bono, Castiello, Osmenaj, De Crescenzo cap., Linza, Besic.

Ti è piaciuto questo articolo?

Star Five Monfalcone, intervista al pivot Salvatore Castiello: “Abbiamo ancora margini di crescita”

Consueta intervista di metà settimana con un componente del team Star Five: è la volta di Salvatore Castiello, pivot classe ’82 della formazione monfalconese:

Sabato avete vinto contro la Mediterranea e il primo gol per la Star Five l’hai realizzato tu… 

“Si ho aperto le danze e non è la prima volta che succede” – Salvatore inizia così l’intervista: con una grande risata.

Ottime le prestazioni di tutti e due i portieri, che hanno tenuto in bilico per un bel po’ il risultato… Quando avete capito che potevate strappare la vittoria?

“Si, si sono proprio messi d’impegno tutti. A me sembravano voler parare tutto. Quando sul 3-2 siamo ripartiti in contropiede Besic ed io e abbiamo segnato il 4-2, ho capito che ce la potevamo decisamente fare.”

Dopo l’infortunio, stai tornando ai tuoi livelli: che sensazioni provi?

“E’ stato uno dei più brutti momenti della mia vita. Sono passati due anni e sto ritrovando la forma di una volta, ma devo ancora migliorare fisicamente.”

Fai parte del gruppo Star Five fin dall’inizio… Qual è la motivazione che ti spinge a credere in questo progetto?

“Per la precisione sono stato il primo tesserato in assoluto. A convincermi è stato il Presidente Petriccione, con la collaborazione di mia moglie, che è sua cognata. Diciamo che era impossibile non far parte di questa grande famiglia.”

Arrivati a questo punto del campionato, in cosa puoi sicuramente dire che la squadra è migliorata?

“All’inizio non ero convinto di quanto stavamo facendo perché mi sembrava che non fossimo un gruppo unito, ora tutti remiamo verso la stessa direzione, nessuno si tira mai indietro e siamo cresciuti molto, sia come spogliatoio che tecnicamente. Abbiamo ancora margini di crescita e dobbiamo lavorare sodo.”

Che sogni hai per la tua carriera sportiva?

“Per la verità su uno ci sto lavorando: arrivare con la Star Five in serie B sarebbe fantastico. Per realizzare altri desideri ci sarà poi ancora tempo…”

 IL PROSSIMO TURNO:

A.S.D.Star Five – Adriatica, sabato 23/02/13 – h 18

LA CLASSIFICA:

A.S.D.Star Five 40, Partenope 34, Maniago 27, BRN Lauzacco 25, Mediterranea 25, Torriana 24*, Calcetto Manzano 24*, Futsal Udinese 19, Pordenone 17, Adriatica 13, Cjarlins Muzane 7, Clark Udine 3 (*una partita in meno)

Ti è piaciuto questo articolo?