Articoli

Un mix di emozioni e di tanti, tantissimi capovolgimenti di fronte. E’ una splendida gara al “Biella Forum” quella che Angelico e Pallacanestro Trieste 2004 hanno saputo mettere in scena nella 19° giornata di A2 Gold. Alla fine a gioire è la formazione di coach Corbani, che si impone per 86-83 sui biancorossi giuliani dopo un’autentica battaglia sul parquet, in particolare negli ultimi sei minuti di contesa contrassegnati da innumerevoli sorpassi e contro-sorpassi a livello di punteggio. Per il team di Eugenio Dalmasson, nonostante la delusione per una sconfitta arrivata sul filo di lana, rimane il vantaggio nella differenza canestri contro Biella, ora a +4 in classifica dai triestini che continuano comunque a rimanere da soli in settima posizione a quota 18 punti. 

Dopo una partenza alla pari tra le due squadre, l’Angelico accelera bruscamente dal terzo minuto in avanti, arrivando sino a +8 sul 14-6 con un buon impatto sulla gara da parte di Chillo. Trieste ha un sussulto nei minuti successivi, col break di 7-0 firmato Holloway, Candussi e Tonut che regala il -1 ai giuliani al 6′ (14-13). Biella risponde in egual misura nel finale di quarto, con un gioco da tre punti di Laquintana a cui si associano i canestri di Raymond: i padroni di casa arrivano così al 21-15 della prima sirena, subendo il ritorno di Trieste in apertura di seconda frazione. Un mini-break firmato da Grayson e Prandin riporta infatti i biancorossi sino a -4 (23-19), tuttavia l’Angelico, grazie anche all’ottima propensione sul fronte dei rimbalzi (quasi il doppio catturati dai piemontesi nei confronti dei biancorossi) è abile nel costruire un vantaggio di 12 lunghezze al 17′ (42-30). Nonostante le molte difficoltà in difesa, gli ospiti chiudono alla grande i minuti che restano da giocare prima della pausa lunga: Tonut infila una tripla importante, ma sono soprattutto i 9 punti consecutivi di Holloway (abile anche a realizzare un tiro dalla lunghissima distanza, allo scadere di frazione) a rimettere ampiamente in carreggiata la Pallacanestro Trieste 2004, alla seconda sirena in ritardo minimo sul 43-42.

I giuliani mettono la freccia dopo due minuti di terzo quarto: Fossati impatta sul 46-46, mentre Tonut nell’azione successiva ruba palla e vola in contropiede a imbucare il +2 esterno. Il risveglio su lato offensivo di Voskuil, con due triple repentine in apertura di frazione, consegna il 54-48 all’Angelico, tuttavia Trieste dimostra una discreta precisione nel tiro dal perimetro, con una “bomba” di Prandin e ben due di Carra a regalare anche sei punti di vantaggio agli ospiti (54-60), gap che i giuliani riusciranno a mantenere anche al 30′ sul 59-65. I triestini, con un Tonut vera spina nel fianco della difesa di casa, vola anche sul +9 a otto minuti dal termine: sul fronte opposto, con un break di 9-0 interamente firmato dalla lunga distanza con Raymond e Voskuil, Biella pareggia i conti a quota 72 al 34′. Gli ultimi sei giri di lancetta diventano agonisticamente bellissimi al “Biella Forum”, con un botta e risposta che si prolungherà sino a pochi secondi dalla sirena conclusiva: nel corso dell’emozionante finale di match, il gap tra le due formazioni non supererà mai i tre punti di scarto, vedendo Trieste con la testa avanti sino a 60” dal termine sull’82-83 grazie ai liberi di Tonut (miglior marcatore ospite a quota 25). Saranno infine Raymond (MVP di serata con ben 37 punti all’attivo) e Voskuil (23 a referto) – su lato biellese – a realizzare nell’ultimo minuto il parziale di 4-0 sufficiente a consegnare la vittoria all’Angelico.

Angelico Biella-Pallacanestro Trieste 2004 86-83 (21-15, 43-42, 59-65) 

Angelico Biella: Chillo 5, Laquintana 8, Infante 3, Lombardi 3, Berti 3, Raymond 37, Voskuil 23, De Vico 4, Danna ne, Marzaioli. All.Corbani

Pallacanestro Trieste 2004: Coronica, Fossati 2, Norbedo n.e., Tonut 25, Mastrangelo 3, Grayson 2, Candussi 5, Carra 16, Marini 4, Holloway 19, Prandin 7. All.Dalmasson

Ti è piaciuto questo articolo?

Questo il commento di coach Eugenio Dalmasson, dopo la battuta d’arresto di ieri sera al Biella Forum: ”La partita di ieri sera è stata, per molti versi, la fotocopia di quanto fatto vedere quindici giorni fa a Verona: dopo i primi due quarti di buona qualità che ci avevano premiati con il vantaggio nel 1° tempo, abbiamo messo sul parquet un atteggiamento tecnico e mentale completamente diverso nei venti minuti successivi. Team come l’Angelico sono estremamente capaci a capire queste cose, punendoci poi con tanti tiri facili in pitturato e ottime percentuali da due punti. Oltretutto, nella seconda metà del match siamo stati troppo molli, un atteggiamento che personalmente non tollero da parte della mia squadra.”

Archiviato il turno infrasettimanale, per Trieste arriva ora un ulteriore difficile banco di prova in trasferta, con la sfida contro la Centrale del Latte. ”Domenica a Brescia troveremo una situazione simile a quella di Biella”, spiega il coach biancorosso: ”In questo momento, la Leonessa è quasi con le spalle al muro, dopo gli ultimi risultati non esaltanti. L’esonero di Martelossi è il segnale che la società lombarda voglia dare una scossa a tutto l’ambiente, non lasciando nulla al caso. Loro sono una squadra di valore e di esperienza, nonché un gruppo costruito per puntare in alto: per quanto ci riguarda, ci concentreremo solo su di noi e sulla nostra crescita mentale, elemento imprescindibile per tentare di giocarcela sino alla fine al PalaSanFilippo”.

Francesco Candussi, lungo biancorosso, è anch’esso già proiettato al prossimo impegno lontano dalle mura amiche del PalaTrieste: ”A Brescia sarà match importante ed estremamente difficile per noi: loro arriveranno dalla sconfitta nel supplementare contro Jesi, l’esonero di Martelossi nelle ultime ore sarà un motivo in più di motivazione per la Centrale del Latte. Dal canto nostro sarà necessario giocare una partita diversa rispetto a quanto fatto vedere a Biella, dimostrando di aver imparato dai nostri errori dopo una gara persa malamente giovedì sera”.

Squadra al completo per la sfida di domenica al “PalaSanFilippo”, con l’unica eccezione di Daniele Mastrangelo, rimasto a Trieste per continuare la riabilitazione post-infortunio. Ancora una volta, per la gara contro la Centrale del Latte Brescia, si deciderà in ultima battuta a chi assegnare i due spot liberi nei dieci tra Hoover, Wood e Harris.

L’incontro verrà arbitrato da Alessandro Nicolini di Bagheria (PA), Alessandro Buttinelli di Roma e Corrado Triffiletti di Messina. E’ prevista la radiocronaca streaming su Radioquattro Network  (http://www.r4n.it) e la consueta diretta scritta sulla pagina ufficiale Facebook della squadra biancorossa (https://www.facebook.com/pallacanestrotrieste2004).

(foto: Alberto Tesoro per Basketinside.com)

Ti è piaciuto questo articolo?

Nel turno infrasettimanale di Adecco Gold, la Pallacanestro Trieste 2004 cede sul parquet del “Biella Forum”: 89-75 il risultato finale a favore dell’Angelico, partita al piccolo trotto ed esplosa successivamente nella seconda metà di gara, nel momento in cui gli uomini di coach Dalmasson hanno prodotto poco in attacco, ripetendo di fatto quanto accaduto nella trasferta di due settimane fa a Verona.

Senza Ryan Hoover, preferito a Brandon Wood nei dieci di serata, è più che buona la partenza di Trieste in apertura di contesa: la tripla di Coronica e l’appoggio al tabellone di Diliegro bagna una prima frazione positiva per i giuliani, avanti di 9 punti al 4′ (2-11). Voskuil tenta di dare la scossa ai suoi con un paio di triple nel corso della prima frazione, ma è Candussi dai 6 metri e 75 a rispondere al danese, con i punti del lungo biancorosso che mantengono avanti gli ospiti sino al termine del quarto. E’ +5 esterno al 10′, con canestro allo scadere di Harris (15-20).

Secondo quarto con tanti capovolgimenti di fronte sul parquet biellese: due azioni repentine di Hollis e Lombardi portano dapprima l’Angelico a -1, sono poi bravi gli ospiti a piazzare un buon break grazie ai punti di Harris, Ruzzier e Tonut (+10 per Trieste al 14′, 19-29). Nuovo ritorno di fiamma qualche minuto dopo per i piemontesi, con un Hollis praticamente immarcabile per la difesa triestina (19 punti nel primo tempo per l’ex Albacomp) e con parecchi tiri liberi messi a segno dai padroni di casa. Biella arriva a stretto contatto giuliano sulla seconda sirena, chiusa dai biancorossi sul +1 (41-42).

Alla ripresa del match, l’Angelico trova immediatamente l’ accelerazione decisiva per prendere progressivamente in mano le redini della gara. Il primo vantaggio biellese della gara arriva con Raspino, Trieste rimette poi la testa avanti con Wood ma Biella dimostra molta più energia dei biancorossi, scappando via nel punteggio al 28′ con Voskuil (67-55). Coronica prova a scuotere i suoi con 4 punti di fila, tuttavia l’inerzia è saldamente in mano piemontese, sul 70-57 a dieci minuti dal termine.

I padroni di casa restano in controllo della partita sino alla sirena finale, trascinati da Lombardi e ancora da Voskuil dalla lunga distanza. L’Angelico arriva sino a +18, Trieste riesce solo a limitare parzialmente il passivo con Tonut (miglior marcatore giuliano con 14 punti) e, nel finale, con un paio di realizzazioni di Michele Ruzzier.  
 

Angelico Biella-Pallacanestro Trieste 2004 89-75 (15-20, 41-42, 70-57)

Angelico Biella: Murta, Chillo 5 (0/1, 0/1), Raspino 6 (2/3, 0/1), Lagana’ 12 (3/3, 0/1), Infante, Lombardi 17 (7/10, 0/1), Berti 4 (1/1), Voskuil 15 (1/2, 4/6), De Vico, Hollis 30 (8/10, 2/5). Allenatore: Corbani

Tiri Liberi: 27/35 – Rimbalzi: 37 30+7 (Hollis 11) – Assist: 12 (Lombardi 3)

Pall. Trieste 2004: Fossati 2 (1/1), Tonut 14 (4/9, 2/4), Harris 13 (5/11, 1/3), Ruzzier 10 (1/1, 2/4), Coronica 7 (2/2, 1/1), Diliegro 5 (2/5), Candussi 7 (2/3, 1/1), Carra 9 (4/7, 0/3), Urbani, Wood 8 (3/11, 0/1). Allenatore: Dalmasson

Tiri Liberi: 6/8 – Rimbalzi: 18 13+5 (Candussi 5) – Assist: 15 (Tonut, Ruzzier, Carra 3) – Cinque Falli: Coronica, Diliegro

Ti è piaciuto questo articolo?

La Pallacanestro Trieste 2004 partirà questo pomeriggio alla volta del Piemonte, in vista dell’impegno che domani sera la vedrà impegnata al Biella Forum contro l’Angelico.

Eugenio Dalmasson, coach biancorosso, presenta così la prima delle due partite che la sua squadra affronterà lontano dalle mura amiche del ”PalaTrieste”: Sicuramente il turno infrasettimanale rende la nostra settimana abbastanza particolare, specialmente perché avremo due trasferte ravvicinate. Sarà dunque importante non solo tenere alta l’intensità, ma saper anche centellinare le energie fisiche: oltretutto, affronteremo la sfida di Biella praticamente con una sola unica giornata intera di allenamenti con tutti gli effettivi a disposizione. L’Angelico ci mise molto in difficoltà all’andata e, pur arrivando alla sfida di domani in un momento non facile, conosciamo bene il loro valore e la loro fisicità: sarà un match importante per noi, assolutamente da non sottovalutare”.

Queste invece le parole dell’ala/guardia Massimiliano Fossati: “Biella è una squadra che conosciamo bene, giovane come noi, che gioca all’interno di un palazzetto caldo che può fare la differenza. Arriviamo carichi dopo una vittoria contro Jesi che ci ha dato tanta fiducia, oltre ai due importanti punti in classifica: sarà un match duro, molto fisico, dove conterà tanto arrivare concentrati sin dalla palla a due”.

A eccezione dell’infortunato Mastrangelo, squadra al completo per l’impegno contro l’Angelico: Ruzzier ha recuperato dal problema alla caviglia patito durante la gara di domenica scorsa, mentre si deciderà all’ultimo a chi destinare i due restanti posti nei dieci tra Hoover, Wood ed Harris.

La gara del “Biella Forum”, in programma giovedì 6 febbraio alle ore 20.30, verrà arbitrata da Eduardo Ciano di Vicopisano (PI), Alessandro Costa di Livorno e Nicola Mancini di Caserta. Prevista la radiocronaca streaming su Radioquattro Network (http://www.r4n.it) e la diretta scritta sulla pagina ufficiale Facebook della Pallacanestro Trieste 2004 (https://www.facebook.com/pallacanestrotrieste2004).

(nella foto di Dario Cechet per Basketinside.com, il vice allenatore Matteo Praticò e l’head coach Eugenio Dalmasson)

 

Ti è piaciuto questo articolo?