[RECENSIONE] “Gomorra – La serie”: un pugno allo stomaco sapientemente inferto allo spettatore

gomorra_sds

Riversare sul piccolo schermo un best-seller assoluto come quello di Roberto Saviano, un romanzo da più di due milioni di copie vendute solo in Italia, era la più naturale conseguenza dovuta al successo mondiale di “Gomorra”. Ma trasposizioni di questo tipo rischiano, a volte, di collimare su se stesse. Proprio sulle stesse fortune che hanno portato un’idea editoriale coraggiosa – come quella di Saviano, che di fatto ne ha profondamente cambiato l’esistenza – a essere un fenomeno planetario: “Gomorra – la serie” non corre affatto questo rischio.

In una Napoli dei giorni nostri, descritta e raffigurata a tinte fortissime, la guerra tra il clan di Salvatore Conte (Marco Palvetti) e di quello dei Savastano, comandato dal boss Pietro (interpretato da Fortunato Cerlino) subisce un sussulto quando quest’ultimo finisce in carcere e forzatamente è costretto a passare lo scettro agli altri componenti della propria famiglia. La moglie Imma (Maria Pia Calzone) e il figlio Genny (Salvatore Esposito) saranno a loro volta gli artefici di un cambiamento che porterà a pericolosi dissidi interni, tra tutti quello di Ciro Di Marzio (Marco D’Amore), fidato braccio destro di Pietro Savastano che diventerà la miccia per una nuova, tremenda guerra tra bande rivali.

“Gomorra – la serie” (trasmessa da Sky Atlantic, prossimamente in chiaro su LA7 e venduta già a una cinquantina abbondante di paesi stranieri) non ha bisogno di paraventi per nascondere la violenza e la crudezza con cui le tematiche vengono trattate. Stefano Sollima, Francesca Comencini e Claudio Cupellini – i tre registi che si sono alternati dietro la macchina da presa – hanno dipinto i singoli protagonisti e personaggi per quello che sono, senza stereotipi: di fatto, non c’è spazio nemmeno per una briciola di buonismo o di umanità. Non esistono amicizie o affetti di alcun tipo: esiste solo la ferma e incontrovertibile lealtà per il proprio clan, nulla altro.

Il “pugno allo stomaco” che arriva allo spettatore è di quelli forti: l’identikit del capoluogo partenopeo e dei suoi angoli più oscuri è quello che gli autori stessi hanno volutamente conservare nei confronti della fredda realtà. Sia nel libro di Saviano che nella serie TV, non c’è spazio per romanticismi o prese di posizione su eventuali elementi “benevoli”: semmai, proprio l’esatto contrario. Il che non vuol dire che il tutto sia solo per confermare l’idea dell’immaginario collettivo di un mondo che conosce Napoli solo per la Camorra (e che, a detta di molti detrattori, è l’unico vero senso della serie). Ma di farlo senza censura, per quello che realmente è: non per idolatrare puramente la criminalità organizzata, ma per descriverne i comportamenti e le azioni che percuotono le fondamenta di un intero sistema.

Doveva essere un capolavoro preannunciato e lo è diventato, puntata dopo puntata: “Gomorra – la serie”, acclamato ben prima della messa in onda, convince su tutti i fronti. Il sospiro di sollievo, da parte di chi ha seguito i primi 12 episodi, arriva al termine della prima stagione: ce ne sarà una seconda, già in lavorazione. Un motivo in più perché il piccolo “mito” di questa produzione made-in-Italy possa essere ancora ammirato. Sperabilmente molto a lungo.

 Voto Sandrino:  9.5

Stagione: 1
Episodi: 12
Anno: 2014
Canale Trasmesso: Sky Atlantic (Satellite)
Interpreti: Marco D’Amore, Fortunato Cerlino, Maria Pia Calzone, Salvatore Esposito, Marco Palvetti

httpvh://www.youtube.com/watch?v=FsMnW43n3AI

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi