Dopo aver cullato – per 30 minuti abbondanti – il sogno di cancellare lo “0” dalla casella delle vittorie in campionato e dei punti in classifica, la Querciambiente si sveglia nuovamente di soprassalto. Un’altra delusione si materializza per la squadra allenata da Mauro Trani, che contro l’Astro Cagliari disputa un match sensibilmente migliore rispetto a quelli precedentemente giocati, issando però bandiera bianca nei minuti finali: ad Aquilinia finisce 65-75 per le sarde, abili a trovare il break decisivo a cavallo tra terza e ultima frazione, nel momento in cui Muggia si è ritrovata in debito d’ossigeno (specialmente a livello difensivo), gustando per la sesta volta consecutiva l’amaro sapore della sconfitta.

Con un inizio prettamente di marca ospite (+8 esterno sull’ 7-15, limato dai punti di Alice Policastro per il 17-21 in un ambito dove si registra la buona propensione dal perimetro da parte di entrambe le formazioni), è poi Masic a ergersi quale protagonista assoluta nel secondo quarto, con la Querciambiente che chiude col sorriso alla pausa lunga avanti per 38-35. Ljubenovic – ex di turno – si mette in proprio nella terza frazione, portando a scuola la difesa di casa in pitturato: ma è nel tiro pesante che l’Astro dà una prima spallata al match, dapprima sul +5 a dieci dalla fine (51-56) e poi – con una Marcello in serata di grazia – piazzando l’allungo decisivo al 35′, col 59-68 che tappa le ali al recupero muggesano malgrado la grande generosità mostrata dal duo formato da Nicole Mezgec e Francesca Policastro. Muggia è dunque costretta a leccarsi le ferite, in attesa della prima “W” stagionale che ancora stenta ad arrivare.

— 

Querciambiente Muggia-Astro Cagliari 65-75 (17-21, 38-35, 51-56)

Querciambiente Muggia: Masic 15, Castelletto 6, Pregarc, Zizola 4, Capolicchio 11, Policastro F. 6, Puzzer, Policastro A. 18, Rosin 1, Mezgec 4. All. Trani

Astro Cagliari: Ljubenovic 15, Gambino, Gravina, Martellini 14, Marcello 25, Laccorte 6, Cavalieri, Canalis, Fidossi 14, Ganga 1. All.Zedda

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi