Un finale romanzesco permette alla Pallanuoto Trieste di imporsi per 6-5 sull’Andrea Doria nella 7° giornata di andata del campionato di serie A2 maschile, conquistando così un successo fondamentale per la classifica. Serve un gol di Ray Petronio a 9” dalla fine, e un successivo miracoloso intervento di Egon Jurisic proprio sulla sirena, a salvare gli alabardati da un pareggio che avrebbe avuto l’amaro sapore della sconfitta. Avanti per 5-1 ad inizio terzo periodo, la Pallanuoto Trieste ha concesso al caparbio Andrea Doria di riportarsi sotto fino al 5-5. Poi è arrivata la rete di Petronio, che ha fatto letteralmente esplodere la Bruno Bianchi, dopo che i liguri avevano sfiorato un paio di volte il clamoroso sorpasso. Tre punti importanti, che rilanciano la squadra triestina in zona play-off, ma che costeranno la squalifica del mancino croato Ivan Krizman, espulso proprio nel finale per fallo di brutalità.

Ma torniamo alla partita. La Pallanuoto Trieste parte bene, il 1° periodo di gioco scorre via su ritmi piuttosto sostenuti e pochissime interruzioni (senza dubbio buona la direzione di gara di Colombo e Boccia). Gli alabardati finalizzano con Krizman e Filippo Ferreccio, ben servito da Namar, e chiudono avanti per 2-0 la frazione iniziale. Trieste costruisce una buona dose di occasioni, ma sbaglia tantissimo al tiro. Nel 2° periodo arrivano comunque le reti di Giacomini in superiorità numerica su perfetto assist di capitan Giorgi, e di Krizman, che fulmina Oliva dai 5 metri con l’uomo in più. Sotto per 4-0 l’Andrea Doria abbozza una reazione, che culmina con il rigore trasformato da Guido Ferreccio che vale il 4-1 al cambio di campo.

Nel 3° periodo l’inerzia della partita sembra restare immutato, Giorgi questa volta si mette in proprio e realizza dalla distanza il 5-1 a 5’50” dalla fine del tempo, sembra il prologo ad una goleada alabardata. La Pallanuoto Trieste però smette quasi di giocare, gli errori di passaggio e le palle perse si susseguono, l’Andrea Doria non molla e negli ultimi 30” del periodo trova 2 gol con D’Alessandro e Guido Ferreccio: 5-3 e gara riaperta.

I padroni di casa accusano il colpo, dopo nemmeno 3′ di gioco nel 4° periodo arriva la rete di D’Alessandro, con il pallone che finisce sul palo, batte sulla spalla di Jurisic e termina in gol per il 5-4, prologo all’inevitabile pareggio, firmato da Canessa con un tiro dalla distanza: 5-5 a 2’53” dalla fine. La Pallanuoto Trieste sembra sul punto di capitolare definitivamente, due pali interni negano il gol a Petronio e Krizman, ma dall’altra parte Jurisic sventa almeno un paio di pericolose conclusioni dei liguri. Gli alabardati trovano la forza per organizzare l’ultimo assalto, una rapida transizione sull’asse Giorgi, Giacomini, Petronio permette al numero 3 in calottina bianca di battere verso Oliva sul palo lungo. Il pallone si insacca, il pubblico della Bianchi festeggia e la Pallanuoto Trieste ritorna alla vittoria, viatico si spera incoraggiante in vista dei match fondamentali in chiave play-off con Torino 81 e Lavagna 90.

 

PALLANUOTO TRIESTE – ANDREA DORIA 6-5 (2-0; 2-1; 1-2; 1-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Vitiello, Petronio 1, F. Ferreccio 1, Krizman 2, Podgornik, Covi, Namar, Henriques Berlanga, Spadoni, Lagonigro, Giacomini 1. All. Marinelli

ANDREA DORIA: Oliva, Dispenza, G. Ferreccio 2, Canessa 1, D’Alessandro 2, Marciano, De Ferrari, Tosto, Tosi, Urdì, Palmieri, Michieletto, Ottazzi. All. Della Zuana

Arbitri: Colombo di Como e Boccia di Roma

NOTE: nessuno uscito per 3 falli gravi; nel 4° periodo espulso Krizman (T) per fallo di brutalità; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 2/6, Andrea Doria 0/3 + 1 rigore; spettatori 400 circa

 

Gli altri risultati (7° giornata di ritorno): Rn Sori – Rn Camogli 8-9, Rapallo – Pallanuoto Brescia 7-15, Chiavari – Sc Quinto 9-11, Lavagna 90 – Torino 81 11-9, Sport Management Verona – Rn Imperia 10-6

La classifica: Sport Management Verona 21, Lavagna 90 18, Torino 81 15, Sc Quinto 15, Pallanuoto Trieste 12, Rn Camogli 12, Rn Sori 10, Chiavari 7, Pallanuoto Brescia 6, Andrea Doria 6, Rn Imperia 3, Rapallo 0 

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi