Muggia perde la tramontana nell’ultimo quarto, consegnando la vittoria a una più convincente Calligaris: è questo l’esito del PalaTrieste e del derby stracittadino che premia la Ginnastica Triestina, vittoriosa sulla Querciambiente per 59-52. Una partita di quasi assoluto equilibrio nel corso dei primi trenta minuti di gara, con tanti errori in attacco da ambo le parti, viene risolta nella frazione finale dal maggior “fuoco sacro” messo in campo dalle ragazze di Nevio Giuliani, più propositive nel catturare palloni importanti nei momenti decisivi rispetto a quanto fatto vedere dalle rivierasche.

Parte meglio la compagine di casa, ispirata da Stefania Trimboli (tra le migliori in campo) e Rosellini: il vantaggio di cinque lunghezze viene però rintuzzato immediatamente dalle ospiti, che mostrano i muscoli con Capolicchio (4 punti di fila) e Borroni. Alla prima sirena l’SGT conduce di una lunghezza (17-16), con i micro-vantaggi da ambo le parti che continuano a farla da padrona anche nei secondi dieci minuti: la Querciambiente prova ad attivarsi sull’asse Palliotto-Romagnoli, trovando un gap di cinque lunghezze (23-28), è poi Vida a togliere le castagne dal fuoco per le bianche di casa, con il -1 a metà contesa.

Si procede quasi di pari passo anche nel corso del terzo quarto, quando la Calligaris trova diverse gite in lunetta (con fortune alterne) ma soprattutto due giochi da tre punti nel finale di quarto con Romano e Rosellini: è poi Borroni sul lato opposto a ridare la parità proprio alla penultima sirena (39-39), momento in cui Muggia stacca la spina e permette alla Ginnastica l’allungo decisivo. L’SGT è più viva a rimbalzo d’attacco, con la difesa asfissiante imposta dalle giocatrici di coach Giuliani che manda letteralmente in tilt l’Interclub, sotto di sette punti a quattro minuti dal termine (49-42). Il fallo tecnico, subito dopo fischiato alla panchina rivierasca, rompe ancora di più l’equilibrio tra le due squadre: la tripla di Vida mette la doppia cifra di vantaggio alle giuliane e il conseguente mal di testa alla Querciambiente, che non riesce poi a tornare in gara nonostante la salita sugli scudi della capitana Borroni.

Calligaris SGT – Querciambiente Muggia 59-52 (17-16, 27-28, 39-39)

Calligaris SGT: V. Trimboli, Rosellini 13, Zecchin 2, S. Trimboli 8, Vida 14, M. Miccoli 7, Policastro 6, Bianco, Cerigioni, Romano 9. All. Giuliani

Querciambiente Muggia: Meola 2, Borroni 17, Castelletto, Cumbat 4, Romagnoli 13, Fragiacomo, Capolicchio 6, Richter n.e., Palliotto 10, Rosin n.e. All. Trani

Ti è piaciuto questo articolo?
1 commento
  1. Delio
    Delio dice:

    Grande difesa della SGT, 6 volte Muggia portata oltre il limite dei 24 secondi, confesso che non avrei commesso sulla vittoria dell triestine, Muggia mi pare più attrezzata e completa, ma il derby sfugge spesso alla razionalità

     
    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi