Nessuna “sorpresona” di fine regular season arriva da Crema: con i giochi in classifica belli che fatti, Muggia lascia strada alla Tec-Mar che scappa via nel punteggio nella seconda metà di gara.

Finisce 77-49 per le lombarde che cossì confermano il quarto posto con una prestazione a tutto tondo, sicuramente viziata da maggiori motivazioni da parte delle padrone di casa rispetto alle rivierasche. La squadra di Matija Jogan ha retto per una frazione e mezza, restando attaccata all’avversaria in maniera costante: le cose sono nettamente cambiate nella ripresa, quando Crema ha scatenato tutta la propria prorompenza offensiva, staccando nettamente l’Interclub nei secondi venti minuti di gara.

Eppure, per buona parte del primo tempo, Muggia aveva fatto un po’ di “paura” alla Tec-mar: tenendosi a stretto contatto con le padrone di casa, le rivierasche hanno tenuto duro sino al -4 del 15′. Un primo parziale interno per il 40-29 di fine secondo quarto, unito a un ulteriore break di una decina di lunghezze, ha rotto definitivamente l’equilibrio tra le due formazioni. Crema ha vissuto di rendita con la difesa a zona, spaccando in due i giochi rivieraschi e archiviando la pratica ben prima della sirena finale: con una Ljubenovic sicuramente non nella sua partita migliore di stagione, l’Interclub può comunque consolarsi con una buona prova collettiva sul profilo dell’impegno, con la consapevolezza che anche la miglior Muggia poco avrebbe potuto contro la coralità di gioco delle lombarde.

Per quanto riguarda l’avversaria che l’attende play-off, la compagine rivierasca trova quella S.Martino di Lupari battuta quindici giorni fa, che nell’ultimo turno di campionato si è sbarazzata di Milano con un perentorio +27 interno.


Tec-mar Crema-Interclub Muggia 77-49 (20-14, 40-29, 59-37)

Tec-mar Crema: Conti 4, Biasini 7, Capoferri 4, Sforza 1, Caccialanza 21, Losi 17, Cerri 8, Gibertini 2, Rizzi 4, Picotti 9. All. Giancarlo Giroldi

Interclub Muggia: Meola 2, Borroni 14, Primossi 2, Cumbat 9, Cergol 11, Castagna, Ljubenovic 4, Palliotto 7, Moratto, Rosin. All. Matija Jogan

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi