Il derby tra UFM e Triestina, sospeso dopo 10 minuti a causa del nubifragio che si è abbattuto a Monfalcone, ha lasciato parecchi malumori per la sistemazione dei tifosi alabardati al “Comunale” di via Boito. Questo il comunicato della “Curva Furlan”, all’indomani del rinvio della gara:

—–

PRETENDIAMO RISPETTO!

QUESTA TIFOSERIA CHE STA NOBILITANDO LA CATEGORIA, COLORANDO DI PASSIONE QUESTE PICCOLE LOCALITA’ , PRETENDE IL TRATTAMENTO DIGNITOSO CHE MERITA.

IERI, NELLA PARTITA GIOCATA, ANZI’ NO, A MONFALCONE, SI SONO PALESATI I PROBLEMI CHE SI TEMEVANO ALLA VIGILIA DI UNA TRASFERTA COSI’ NUMEROSA AL SEGUITO DELLA TRIESTINA. L’IMPREPARAZIONE DI CHI NON E’ ABITUATO A GESTIRE AFFLUSSI DEL GENERE NON PUO’ CERTO RICADERE SU CHI ESERCITA IL SACROSANTO DIRITTO DI SEGUIRE LA PROPRIA SQUADRA: NON E’ ACCETTABILE CHE UNA SOCIETA’ SPORTIVA, SEPPUR DILETTANTISTICA, METTA A DISPOSIZIONE QUASI 1000 BIGLIETTI ALLA TIFOSERIA OSPITE, SAPENDO IN PARTENZA DI NON POTER OFFRIRE ALTRO CHE UNA PICCOLA TRIBUNA CHE CONTIENE SI E NO 300 PERSONE.

NON E’ ACCETTABILE CHE LA MAGGIORANZA DEI TIFOSI GIUNTI A MONFALCONE SIA COSTRETTA A SEGUIRE LA PARTITA DA UNA RETE IN MEZZO AD UN PANTANO, DEGNO DI UNA PALUDE. RICORDIAMO CHE IL PREZZO DEL BIGLIETTO, 10 EURO, E’ GIA’ UNA CIFRA ASSOLUTAMENTE SPROPOSITATA PER LA CATEGORIA DELL’ECCELLENZA REGIONALE; SE POI CI AGGIUNGIAMO, L’IMPOSSIBILITA’ OGGETTIVA DI ASSISTERE NORMALMENTE ALL’INCONTRO, LA COSA DIVENTA INTOLLERABILE.

NOI, CURVA FURLAN, CI SIAMO ADOPERATI IN OGNI MODO PER FAR SI CHE QUESTA TRASFERTA POTESSE ESSERE UNO SPETTACOLO PER TUTTI, ULTRAS E NON, MA ALTRI NON HANNO FATTO IL LORO DOVERE PER PERMETTERE A CHE ASSISTE ALLA PARTITA, PAGANDO REGOLARMENTE IL BIGLIETTO, DI VEDERE LA PROPRIA SQUADRA GIOCARE. CI AUGURIAMO CHE NON SUCCEDANO PIU’ EPISODI DI QUESTO GENERE, CHE SI ASSICURI DI DISPUTARE LE PARTITE, NELLA CERTEZZA E NEI LUOGHI IDONEI A CONTENERE UN CERTO NUMERO DI SPETTATORI.

IN ALTRE OCCASIONI NON SI E’ GIOCATO DOVE NON SI POTEVA: SI E’ SCELTO GIUSTAMENTE UN IMPIANTO ADATTO ALL’EVENTO. NON CAPIAMO PERCHE’ A MONFALCONE QUESTO NON SI POSSA FARE. GIOCHIAMO AL ROCCO A QUESTO PUNTO VISTO CHE LA SOCIETA’ MONFALCONE NON SI E’ DIMOSTRATA IN GRADO DI TROVARE UNA SOLUZIONE CONVINCENTE. PRETENDIAMO LO STESSO RISPETTO CHE STIAMO DANDO AI LUOGHI CHE FREQUENTIAMO. SIAMO 1000, 2000 O 3000, MA NON E’ NOSTRA LA PREOCCUPAZIONE DI RIDURRE I NUMERI, MA DI CHI CI OSPITA, DI TROVARE UNA SISTEMAZIONE DEGNA!

CURVA FURLAN

Ti è piaciuto questo articolo?
2 commenti
  1. cicciodux
    cicciodux dice:

    onore alla curva furlan….orgogliosi di noi stessi !!!! superiori a tutto…..ci criminalizzate pero’ le colpe vanno trovate altrui….spero che le spese per l ordine pubblico le paghi il monfalcone e non noi contrbuenti….forza unione…forza curva furlan

     
    Rispondi
  2. Luca
    Luca dice:

    E i ragazzi della Furlan sono stati anche troppo dolci. In mezzo ad un pantano, in terza fila dalla rete di recinzione senza vedere che uno spicchio di campo… e controlli dei Carabinieri neanche fossimo arrivati per fare casino mentre la tifoseria bisiacca preferiva offendere i tifosi ospiti anzichè sostenere la propria squadra? Se possibile mi faccio restiture i soldi del biglietto e mi auguro che quelli che vi rimangano ve li spendiate in supposte!!!

     
    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi