Uno scatto più bello dell’altro: il ritorno alla vittoria dell’Alma Trieste è stato immortalato dalla fotografa ufficiale sandrina Linda Cravagna, che anche in questa occasione ha saputo superarsi.

Oltre che sulla pagina Facebook di Elsitodesandro.it (click qui) tutte le istantanee relative al 74-72 col quale i biancorossi hanno battuto l’OraSì Ravenna le trovate in alta risoluzione anche sul profilo ufficiale sandrino Flickr. 

L’album è visibile all’indirizzo http://bit.ly/2ffXYIS.

Ti è piaciuto questo articolo?

Qualche settimana fa ho avuto modo di scrivere un pezzo sulla Nazionale Americana di basket. Ecco qui un breve excursus sulla storia del Dream Team (e dei suoi “derivati”) tratto da “SocialNews”, mensile di promozione sociale disponibile sia in formato cartaceo che in digitale all’indirizzo http://www.socialnews.it, dove potrete trovare un sacco di approfondimenti sportivi. E molti di questi provengono dalla penna e dalla tastiera dei miei colleghi/redattori/amici di City Sport 😉

dreamteam_socialnews

Ti è piaciuto questo articolo?

Ne parlavo personalmente prima di inizio campionato assieme a Giorgio Oveglia e al “Prof” Lo Duca: da un po’ di tempo la Pallamano Trieste si porta dietro una sorta di maledizione. Non solo legata al numero di scudetti sin qui conquistati nella sua storia (il “17” è tipicamente roba da far star male gli incurabili superstiziosi), bensì all’obbligatorietà di vincere sempre. Con un palmares tale, sembra quasi che tutto sia automatico. O peggio, dovuto: il classico tipo di elogio alla follìa di chi segue distrattamente – e magari solo quando le cose vanno bene – le gesta del sodalizio biancorosso. Ma non è sempre così, anche perché dalle parti di Chiarbola lo sanno bene quanto sia difficile fare le nozze con i fichi secchi.

Vederla in testa alla classifica, seppure dopo “sole” quattro giornate di campionato e in co-abitazione, fa sempre piacere. Ma ammirarla vincere anche in mezzo alle difficoltà dell’ultima ora è ancora più stimolante. Perché, credeteci, partite come quelle di sabato scorso contro Cassano Magnago un po’ di tempo fa non si riuscivano a portare a casa. Cosa è cambiato dunque in casa Principe Trieste? Probabilmente tutto e niente: di certo si intravede lo zampino di Vlado Hrvatin, un “volpone” che appena messo piede nello spogliatoio deve aver capito all’istante tutti i pregi del gruppo. Ma soprattutto tutto ciò che andava smussato e rinvigorito nello spirito di ogni singolo componente del roster. E i risultati già si vedono ad occhio nudo, non solamente per l’attuale (alta) posizione di classifica.

Attenzione però: non vanno fatti troppi voli con la fantasia e con eventuali sogni…tricolori. Questo è un campionato difficile, quest’anno ancora di più come lo si sottolineava qualche mese fa: i veri scontri diretti devono ancora arrivare (anzi, nel prossimo week-end a Pressano ce n’è uno bello tosto da affrontare) ma indubbiamente c’è un po’ di materiale per potersi rallegrare. Sì, perché l’assenza di Cosic sabato scorso – indubbiamente uno dei tasselli di punta dei biancorossi – avrebbe potuto stendere anche un bue muschiato. Ecco che proprio da qui esce la forza di Trieste: non sempre tecnicamente impeccabile sul parquet, è vero. Ma efficace al punto giusto, capace di vincere anche nelle emergenze. Ed è con questo spirito che si può nuovamente puntare in alto: con carattere, col cuore e con la consistenza del gruppo.

Riguardate per un momento la photogallery di Linda, quella di sabato scorso (la trovate su Facebook e su Flickr). E concentratevi su due immagini in particolare: i primi piani del duo Pernic-“Carpa”, un istante dopo i loro gol. Con quella loro carica, capirete perfettamente il vero significato di passione e di attaccamento alla maglia che indossano. Non dall’ultima partita vinta, ma da quando quella maglia l’hanno indossata per la prima volta in assoluto in ambito giovanile. Se la Pallamano Trieste viene spesso definita dai media locali come “la Juventus dell’handball nazionale”, portare quella casacca ha un significato ben preciso. Non per moda, ma per vero amore. E l’amore va coltivato, come si fa con una persona amata: non la si snobba, bensì si merita tutte le attenzioni del caso.

Ecco il motivo per cui, senza alcun “forse”, è giunto il momento di ri-appassionarsi di Principe Trieste. Troppi sono i sentimenti assopiti su questa “nostra” realtà: se qualcuno si dovesse basare unicamente sul concetto che da 14 lunghi anni non si vince più niente in ambito di prima squadra, chiedo gentilmente a tali individui di non mettere piede dalle parti di via Visinada. Perché di mode – nel mondo dello sport – ce ne sono fin troppe. La principale formazione di pallamano giuliana non lo è affatto. E non lo sarà mai.

Ti è piaciuto questo articolo?

Si beh, direte voi: i profili ufficiali sandrini su Flickr e Instagram c’erano già da un po’ di tempo. Ma, con la nostra fotografa ufficiale Linda Cravagna che ha da poco ripreso a pieno ritmo la collaborazione con il nostro sito, anche questo lato di social network tornerà a essere costantemente aggiornato 😉

Tutte le immagini più belle dei principali eventi sportivi triestini, oltre alle galleries presenti sulla Pagina Facebook di Elsitodesandro, saranno dunque caricate anche sugli altri profili ufficiali:

instagram-logo-vector-download-400x400Instagram -> https://www.instagram.com/elsitodesandro/

social-flickr-box-icon

Flickr -> https://www.flickr.com/photos/elsitodesandro/

Ti è piaciuto questo articolo?

Come comunicato da Pallacanestro Trieste 2004, la società biancorossa ha invitato tutte le squadre di basket giovanile e minibasket della città a essere presenti domenica al PalaTrieste alla partita casalinga dell’Alma, a pochi giorni dalla prematura scomparsa di Eugenio Rossetti.

La scelta – come si evince dal comunicato stesso – “deriva dalla volontà di onorare la memoria di Eugenio, coinvolgendo tutti i giovani appassionati di basket di Trieste”.

A partire dalle 17 di domenica, tutti i giovani tesserati delle società di basket triestine, assieme a due accompagnatori per società, avranno accesso gratuito agli spalti del PalaTrieste, con Alma Pallacanestro Trieste che ha chiesto ai dirigenti di far partecipare i propri atleti con le divise sociali.

Come previsto dalla Federazione Italiana Pallacanestro, sul campo di Trieste e in tutti i campi si terrà un minuto di silenzio in memoria di Eugenio: la Pallacanestro Trieste, subito dopo l’inno d’Italia, schiererà sul campo accanto alla propria squadra che milita nel campionato di serie A2 anche i compagni di squadra di Eugenio dell’Under 20 di BaskeTrieste.

Ti è piaciuto questo articolo?

E’ un momento triste per il basket triestino. E’ il momento del silenzio per la prematura scomparsa di Eugenio Rossetti, componente 17enne della formazione Under 20 del baskeTrieste.

Ci stringiamo al lutto della famiglia, tutti noi “sandrini”.

Ciao, Euge.

Ti è piaciuto questo articolo?

Ho cercato per qualche giorno di rimanere con la testa “ovattata” e di non commentare quanto successo nel dopo-partita di Trieste-Treviso di domenica scorsa. Perché reputo sbagliato fare del mero qualunquismo solo per il gusto di farlo. O di ricorrere a quella sorta di “moda” di sparare sull’ambulanza (o magari sulla Croce Rossa, come qualcuno mi ha fatto notare di preferire NdS) per propiziare la più classica caccia alle streghe su chi sia il più colpevole o il più ignorante.

Personalmente, in queste situazioni reputo fin troppo semplice puntare il dito su qualcuno anziché su qualcun altro, così come mettere nero su bianco – forse in maniera precipitosa – che un’intera tifoseria sia razzista e votata più a offendere gli avversari che a tifare i propri colori. Diciamoci la verità, senza nasconderla dietro a un dito: gli sfottò sono sempre stati all’ordine del giorno, in partite di questo tipo. In quelle più sentite e “sanguigne”, riguardare la Trieste-Treviso di domenica scorsa è come sfogliare un lungo libro di amarcord, dove difficilmente troveremo pagine piene zeppe di pacche sulle spalle tra tifoserie rivali. Non solo nell’astronave di Valmaura, ma in qualsiasi posto del mondo dove va in scena un derby o più in generale una partita “sentita” dalle rispettive tifoserie.

Si potrebbe aprire un dibattito lungo svariati chilometri se questi tipi di comportamenti da parte di qualcuno – da una parte e dall’altra della barricata – siano sbagliati o meno. Se sia giusto mantenere un palazzo dello sport freddo e silenzioso (un aspetto su cui si discute da anni, dalle nostre parti), piuttosto che acceso di tifo e di inevitabili prese per il culo tra fazioni diverse. Non credo in tal senso sia questo il VERO punto di riflessione da intraprendere, bensì quello di prevenire in maniera il più intelligente possibile di tracimare oltre quel rimbombo di “vaffa” che – facciamocene una ragione, gente – fa parte del contesto. Perché (questo sì) qualcosina in più si può fare per limitare eventuali contatti fisici poco romantici tra chicchessìa (le famose “birre rovesciate sulla testa di qualcuno” sono solo la punta dell’iceberg).  E forse una sistemazione logistica migliore sul “dove-mettere-chi” va pensata e ragionata per un immediato futuro. Senza il bisogno di mettere in gabbia nessuno.

Non mi permetto di avere la verità assoluta in mano su questa tematica. Ma dispiace concludere un week-end sportivo nel leggere chilometri di post sui social network dove due parti della stessa tifoseria finiscono con l’osteggiarsi a vicenda. Una coda velenosa inaspettata: forse è proprio questa la vera sconfitta di una domenica con 5.000 anime al “PalaTrieste”.

No nervi, amici, sul serio. E riprendete in mano quello che è stato scritto da Andrea Coronica, non uno qualunque. Semplicemente il capitano dell’Alma, con alcuni preziosi “consigli per gli acquisti”:

Abbiamo bisogno della vostra voce!

Abbiamo bisogno che un palazzetto come il nostro ci traini quando le cose in campo non girano..

Non solo degli applausi quando le cose vanno bene ma dell’incitamento di TUTTO il pubblico quando le cose non vanno.

Solo così possiamo diventare una Squadra con la “S” maiuscola!

#voiconnoi #noiconvoi

Ti è piaciuto questo articolo?

Come accaduto per il torneo di Grado dello scorso week-end, anche il quadrangolare di Pordenone del 9 e 10 settembre che vedrà impegnate Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste, Gsa Udine, De’Longhi Treviso e Dinamica Mantova potrà essere seguito interamente “live” tramite una capillare diretta scritta, programmata sui profili ufficiali Facebook (https://www.facebook.com/elsitodesandro) e Twitter (https://twitter.com/Elsitodesandro) di Elsitodesandro.

Questo il programma del torneo che si disputerà al “Palacrisafulli” di Pordenone:

VENERDI’ 9 SETTEMBRE

Ore 19.00: De’Longhi Treviso – Dinamica  Mantova

Ore 21.00: Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste – Gsa Udine

SABATO 10 SETTEMBRE

Ore 18.00: finale 3°/4° posto

Ore 20.00: finale 1°/2° posto

(credits foto: Piubello sas)

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Siete appassionati di sport triestino sino al midollo e volete farvi comodamente strada in mezzo ai tanti eventi ufficiali che caratterizzeranno i prossimi campionati delle diverse discipline più importanti della nostra città? Il nuovo calendario sandrino sportivo 2016/17, disponibile sul Forum di Elsitodesandro per tutti gli utenti registrati (e se per qualche strano motivo non lo avete ancora fatto, per iscriversi gratuitamente cliccate QUI) potrebbe decisamente fare al caso vostro 😉

Il funzionamento è estremamente semplice: dalla home page della nostra comunità virtuale, in alto a destra, troverete il menù “Funzioni” con il link “Calendario”:

calendarioschermata1

 

Dopo aver cliccato sulla relativa voce, si aprirà una schermata di planner che al momento attuale contiene i calendari ufficiali di tutte le partite di campionato di U.S.Triestina Calcio 1918, Pallacanestro Trieste 2004 e Pallamano Trieste (ma a breve arriveranno anche i calendari di altre squadre cittadine, come per esempio la Pallanuoto Trieste).

Il calendario può essere visualizzato per mese

calendario_schermata2

 

…o per settimana….

calendario_schermata3

 

…o anche per singolo giorno (qui sotto trovate ad esempio la visualizzazione di ciò che accadrà domenica 2 ottobre 2016):

schermata_calendario4

Ma la funzionalità del calendario sandrino non si esauriscono qui: è possibile infatti anche scaricare una copia dello stesso e sincronizzarlo sui vostri smartphones, in formato iCalendar e visualizzabile ad esempio con Google Calendar, oppure sottoscrivere il “feed” al calendario stesso che si aggiornerà automaticamente con eventuali modifiche che potrebbero venire apportate in seguito.

Tale funzionalità è presente nella schermata principale del calendario, cliccando sull’iconcina a forma di ingranaggio:

schermata_calendario5

Infine, sempre a disposizione degli utenti registrati, c’è la possibilità di vedere direttamente nella home page del forum i prossimi 5 futuri impegni delle nostre squadre locali. E questo lo trovate sulla barra destra:

Schermata_calendario6

 

Non vi resta che provare e testare a fondo questa nuova funzionalità 😀

Vi prego naturalmente di segnalarmi eventuali bug!

Ti è piaciuto questo articolo?

Da giovedì 14 luglio partirà – all’interno di una sezione specifica del nostro Forum di Discussione – un nuovo progetto di rassegna stampa “sandrina”.

In via sperimentale, sino alla fine del mese di luglio e alle prime…luci del mattino, sarà infatti possibile trovare una selezione di articoli e approfondimenti sportiviprovenienti dalla stampa locale e da siti specializzati.

Per accedere a questa nuova funzionalità, basterà semplicemente essere registrati al forum (se non l’avete ancora fatto, CLICCATE QUA) e collegarsi al seguente link: http://bit.ly/29Xj6oJ .

Nota bene: la registrazione al forum è assolutamente gratuita 😉

 

Ti è piaciuto questo articolo?