, ,

Trieste e quella sporca…”quattordicina”: anche con Verona l’Alma festeggia in casa

Fate pure quattordici di fila in campionato: Trieste in casa propria è sempre un martello pneumatico e anche la Tezenis Verona è costretta a subire la dura legge dell’Alma Arena. Finisce 80-70, i giuliani si regalano una Pasqua decisamente serena e ancora una volta anestetizzano a Valmaura quanto non fatto di buono in trasferta (vedi la sconfitta dopo due overtime a Jesi di sette giorni fa). Non per forza un qualcosa di scontato, sebbene – e lo ripeteremo fino allo sfinimento – i biancorossi di Eugenio Dalmasson siano sempre con due marce in più davanti ai propri sostenitori. 

È Janelidze a fare compagnia in tribuna all’ancora infortunato Fernandez: Trieste parte subito sparando bene dalla lunga distanza con Bowers per ben due volte (8-2 al 3′), la Tezenis prova invece a innestare subito il proprio play Amato (un grande impatto sul match, il suo, nel primo quarto) per oliare al meglio i propri attacchi. L’Alma – come d’uopo in casa – corre tanto (ed è Prandin a farsi carico di un paio di belle sfuriate in penetrazione per altrettanti canestri), Verona fa altrettanto e resta agganciata sul 14-12 dopo la tripla di Greene. Dalmonte chiama zona al 7′, nella speranza che la “bulgara” faccia il suo corso: la realtà delle cose è diametralmente opposta per gli scaligeri, almeno in difesa: la “bomba” di un indemoniato “Bobo” (associata più tardi a quella di Baldasso dall’angolo) tiene a distanza di sicurezza gli ospiti sulla prima sirena, con un 5/7 complessivo da tre nei primi dieci minuti biancorossi che è grasso che cola alla prima sirena (29-18).

Mentre si sparano allegramente magliette dal parquet verso le tribune, c’è anche il debutto di Federico Mussini in maglia Alma a cavallo dei primi due periodi di gara. Con la buona lena nel tiro pesante che continua a rimanere immutata per i padroni di casa (ancora – guarda un po’ – con Prandin), Verona inizia ad alzare il volume della radio in difesa, permettendo poi a Greene di mettersi in proprio e di volare in doppia cifra di realizzazione al 14′ (32-25). Nel momento di maggior difficoltà del quarto (collimato con un time-out chiamato da Dalmasson), c’è il Green nostrano a sparecchiare la tavola volando a schiacciare in contropiede e a partecipare successivamente al “Festival della tripla” che annulla quella precedentemente imbucata su lato scaligero da Oboe. L’Alma resta col mirino da cecchino innestato, finendo anche il secondo quarto con un rassicurante vantaggio in doppia cifra (44-33).

La velocità supersonica con cui Trieste approccia il terzo quarto fa ben sperare il popolo di Valmaura: la schiacciata di Green a due passi dal ferro avversario apre alla grande la seconda metà di gara, dall’altra parte della barricata c’è sempre lo spauracchio Amato (praticamente imprendibile quando si lancia nell’uno contro uno) a cercare di lanciare un segnale per la Tezenis, sotto di 13 al 23′ ma in balìa degli eventi quando la palla è in mano a quelli in maglia biancorossa. L’Alma ha praticamente il doppio dell’intensità offensiva degli scaligeri e quando Mussini imbuca il primo canestro dal campo della sua nuova avventura triestina (53-37), c’è davvero la consapevolezza che l’inerzia sia abbondantemente in mani giuliane. Il +20 interno è dietro l’angolo, così come la possibilità di veder giocare tanto il talentino arrivato solo una manciata di ore fa sponda Reggio Emilia. In casa biancorossa ci si stiracchia un po’ negli ultimi due minuti di penultimo periodo, anche se il 66-48 a dieci dalla fine permette di dormire sonni tranquilli: ed è proprio “Musso” a ritagliarsi una bella fetta di attenzioni da parte dei suoi nuovi tifosi, grazie a una intraprendenza che fa ben sperare per il futuro prossimo dell’Alma.

Gli ultimi dieci di gara vedono Trieste andare in “modalità risparmio”, con pochi punti segnati e con un -7 esterno a due minuti dalla fine (78-65) che fa forse tremare i polsi a più di qualcuno: ci pensa Baldasso a rimettere le cose a posto, con una bomba che rompe l’uovo di Pasqua e con annessi due punti da ritirare alla cassa.

Ti è piaciuto questo articolo?
, ,

L’Olimpija Lubiana vince il settimo Memorial “Tramontin”: One Team Forlì ko in finale

È l’ Olimpija Lubiana la vincitrice del VII Memorial “Stefano Tramontin”: nella finale della manifestazione, organizzata da All In Sport in collaborazione con Alma Pallacanestro Trieste, gli sloveni si sono imposti per 73-66 sull’One Team Basket Forlì, all’interno di quaranta minuti molto equilibrati e al termine dei quali i romagnoli sono usciti a testa altissima dal parquet di Aquilinia.

Partita maschia, sin dalle prime battute, con le difese a farla da padrona: è 5-5 al 3’, momento in cui Lubiana inizia a pressare e a recuperare qualche buon pallone. Fabiani tiene in scia Forlì per il temporaneo -5 romagnolo (9-14): dopo il break di 7-0 per i forlivesi, con Squarcia a dare il primo vantaggio della partita in favore di One Team. Su fronte Olimpija si attiva Malovcic (MVP del torneo e sontuosa “doppia-doppia” per lui) per il momentaneo +2 sloveno al 10’ (20-22). È un vero e proprio tira e molla nel punteggio, quello che va in scena nel secondo periodo: micro vantaggi si alternano da una parte e dall’altra, con Malovcic ancora a ergersi grande protagonista dell’Olimpija e Forlì a rispondere con la tripla di Torelli per il 33-32 forlivese al 15’.

I ritmi salgono e con essi anche lo spettacolo sul parquet di Aquilinia: piccolo strappo di Lubiana con il 2+1 di Fajfar, quindi l’appoggio al tabellone di Klavzar regala il 37-43 del 20’. Ancora Squarcia (bomba) tiene agganciato il One Team al 23’ (42-46), con il punteggio in bilico anche a dieci dal termine sul 51-55: l’acuto decisivo del match non si fa attendere troppo, con Lubiana a volare prima sul +8 con la tripla di Klavzar (55-63) e scappare via definitivamente nel punteggio con un break di 4-0 che chiude i giochi, consegnando agli sloveni la vittoria del Memorial “Tramontin” 2018.

Sicuramente meno equilibrato rispetto alla finalissima è stato il match per il terzo e quarto posto tra baskeTrieste e Oxygen Bassano: sono gli ospiti a imporsi per 90-51, mantenendo il controllo del match dal primo all’ultimo istante di gara contro una formazione – quella allenata da Alessandro Nocera– che ha dovuto fare i conti con alcune pesanti defezioni nel roster.

La maggior fisicità di Bassano contro i tentativi di raddoppio difensivo di Trieste: inizia così la gara che regala il gradino più basso del podio al “Tramontin”. I biancorossi fanno inizialmente fatica in attacco, perdendo anche qualche pallone su rimessa d’attacco e soffrendo sotto canestro con un Agbamu che è una sorta di muro invalicabile in pitturato: Oxygen avanti di nove al 4’ (5-12), con gli ospiti che allungano nel finale di primo quarto dove baskeTrieste va sul provvisorio massimo svantaggio proprio sulla sirena del 10’, con i biancorossi puniti dalla tripla di tabella di Marangoni (8-25). Nonostante parecchi errori ai tiri liberi, i padroni di casa tentano di risalire la china con i punti del capitano Serra (17-30 al 14’), aumentando la pressione difensiva che porta l’Oxygen a perdere qualche pallone in attacco. Nonostante la poca fluidità offensiva nel secondo quarto, resta sempre abbondantemente in doppia cifra di vantaggio ospite sino alla sirena di metà gara, con i veneti sospinti nel finale di periodo da Pianegonda (25-41).

Il trend della partita non cambia nella terza frazione, con Bassano ad avere l’inerzia in pugno e con baskeTrieste a tentare il tutto per tutto per tentare di rosicchiare parte del gap: lo score non aiuta però la squadra di Nocera (35-60 alla penultima sirena), con Bassano che tiene poi i giuliani a debita distanza di sicurezza con le “bombe” di Rutigliano e con un parziale di 19-0 che blinda definitivamente la vittoria nei confronti dei giuliani.

Per quanto riguarda invece le “finaline di consolazione”, Uisp XVIII Roma si impone sul filo di lana contro il Vivi Basket Napoli e conquista il 5°posto del torneo: un 63-60 ad alta tensione emotiva, con il punteggio in bilico praticamente sino all’ultimo minuto. Per i capitolini il top-scorer di giornata è Nonkovic con 21 punti all’attivo, seguito da Nizza con 14 e Vlad con 10; su lato partenopeo non bastano i 22 inanellati da Capezza.

Più netta infine la vittoria di Nova Gorica nel derby d’oltreconfine contro la selezione croata di Istria Select: nonostante i soli sette giocatori a disposizione, la compagine allenata da Marcetic batte per 70-47 gli avversari per il 7° e 8° posto. Miglior marcatore sloveno è Skuka a quota 25, sul fronte opposto l’unico in doppia cifra è Jaksic con 18 punti all’attivo.

I TABELLINI DELLE FINALI

FINALE 1°/2°POSTO: ONE TEAM BASKET FORLI’-OLIMPIJA LUBIANA 66-73 (20-22, 37-43, 51-55)

ONE TEAM BASKET FORLI’: Mstral, Creta 6, Torelli 17, Adamo, Ciadini 7, Prandini 3, Landi, Flan 10, Syla, Squarcia 11, Fabiani 12, Gaspari. All. Barbara

OLIMPIJA LUBIANA: Malovcic 29, Kocjancic 6, Klavzar 20, Weber, Sytnikov 8, Kocevar, Gnamus, Fajfar 7, Jurkovic, Basic, Daneu 3. All.Podvrsnik

FINALE 3°/4° POSTO: BASKETRIESTE-OXYGEN BASSANO 51-90 (8-25, 25-41, 35-60)

BASKETRIESTE: Pergreffi 1, Dudine 9, Nisic 3, Michellini 2, Prato 2, Deponte, Serra 19, Blasi 10, Giustina 3, Comar 2. All. Nocera

OXYGEN BASSANO: Rutigliano 9, Torresin 3, Milovanovikj 5, Basso 2, Serraglio 6, Agbamu 8, Gianesini 9, Mujagic, Passuello, Marangoni 11, Pianegonda 33, Traore 4. All. Napolitano

FINALE 5°/6°POSTO: UISP XVIII ROMA-VIVI BASKET NAPOLI 63-60 (13-13, 29-28, 47-47)

UISP XVIII ROMA: Cicchinelli 3, Tiberti 8, Fruscoloni, Nonkovic 21, Zacutti 1, Nizza 14, Fortunato, Viviero, Milani 2, Gjinaj 4, Gianelli, Larocca, Vlad 10. All. Giannini

VIVI BASKET NAPOLI: Perretti, Sveldezza, Agostini 2, Mansi, Sargiotta, Naviglio, Marcelletti, Paterniti, Capezza 22, Tolino 14, Cortese 11, De Felice 11. All. Di Lorenzo

FINALE 7°/8° POSTO: ISTRIA SELECT-NOVA GORICA 47-70 (20-21, 29-40, 35-61)

ISTRIA SELECT: Maurel, Borina, Pavletic 3, Durin, Blazevic 8, Jaksic 18, Benkovic 2, Klaric 2, Androlivic 7, Kostic 3, Burazer 4. All. Valic

NOVA GORICA: Poje 6, Bunc 11, Paulin 10, Markic 11, Skuka 25, Godec 1, Skvarc 6. All. Marcetic

Ti è piaciuto questo articolo?
, ,

VII Memorial “Stefano Tramontin”: One Team Forlì e Olimpija Lubiana si giocano la vittoria finale

Dopo un’intensa seconda giornata di gare al Memorial “Stefano Tramontin”, contraddistinta da ben otto match giocati, sono stati definiti gli accoppiamenti delle finali che sabato 31 marzo concluderanno la “tre giorni” della kermesse rivierasca, giunta alla sua settima edizione.

Partiamo dalle teste di serie della manifestazione, ovverosia dalle due squadre che si giocheranno la vittoria del torneo promosso e organizzato da All In Sport Asd: saranno One Team Basket Forlì e Olimpija Lubiana a disputare la finalissima delle ore 11.30 presso il palasport di Aquilinia, in una sfida tra team che hanno dimostrato grande profondità di roster, a cui vanno aggiunte trame di gioco fluide che hanno finito col fare la differenza nelle prime due giornate del “Tramontin”.

C’è particolare interesse anche per il match delle ore 9.30 – sempre al palasport di Piazzale Menguzzato – che vedrà di fronte i padroni di casa del baskeTrieste contro l’Oxygen Bassano e che regalerà l’ultimo gradino del podio. Un confronto sulla carta equilibratissimo, quello tra i veneti (apparsi molto fisici e intensi) e la compagine allenata da Alessandro Nocera, che dopo la sconfitta di giovedì contro Forlì ha saputo impressionare nella seconda giornata di gare. Per i biancorossi giuliani è infatti arrivato il filotto, prima con un secco +67 contro Istria Select, poi la vittoria contro Napoli nel confronto del pomeriggio. E proprio i partenopei saranno impegnati alla “Pacco” (ore 10.30 per il 5/6 posto) contro il Uisp Roma nella prima delle finaline di consolazione, con i capitolini che hanno ben impressionato durante le prime due giornate, in particolare nella sconfitta più che dignitosa contro la corazzata Olimpija Lubiana. A chiudere il tabellone del “Tramontin” sarà infine la sfida tra i croati di Istria Select e gli sloveni di Nova Gorica.

Anche nell’ultimo giorno di gare, spazio alla beneficienza: oltre alla raccolta fondi dedicata alla Sezione Giovani del CRO di Aviano, presso il palasport di Aquilinia sarà possibile acquistare il volume “Basket Face” di Antonio Barzelogna, i cui proventi saranno destinati al progetto dell’associazione ONLUS “Un Canestro Per Te” dedicato al cestista Enrico Ambrosetti. 

I TABELLINI DELLE PARTITE DELLA 2°GIORNATA

OXYGEN BASSANO-UISP ROMA 74-61 (25-8, 43-40, 58-48)

OXYGEN BASSANO: Ferraglio 2, Rutigliano 5, Torresin, Milovanovikj 29, Basso 1, Agbamu 7, Giamesini, Mujagic 2, Passuello, Marangoni 2, Pianegonda 15, Traore 6, Petronella 5. All. Napolitano

UISP ROMA: Cicchinelli 7, Tiberti, Fruscoloni 13, Nonkovic 8, Lacutti 4, Nizza 29, Fortunato, Vivero, Milani, Gjinaj, Giannelli, La Rocca. All. Giannini

 

BASKETRIESTE-ISTRIA SELECT 122-55 (39-13, 64-26, 100-41) 

BASKETRIESTE: Pergreffi 18, Dudine 6, Poboni 28, Michellini 7, Prato 12, Deponte 21, Serra 9, Tomusic 7, Blasi 9, Giustina 7, Arnaldo 9, Pieri 6. All. Nocera

ISTRIA SELECT: Pavletic 6, Maurel, Kostic 14, Borina, Bilic 2, Benkovic, Andrilovic 9, Burazer 1, Blazevic 2, Klaric, Durin 2, Jaksic 19. All. Valic

 

ONE TEAM FORLI’-VIVI BASKET NAPOLI 82-66 (20-17, 46-29, 68-50)

ONE TEAM FORLI’: Zambianchi 7, Mstral 9, Creta, Torelli 19, Adamo 2, Ciadini 10, Prandini 6, Flan 13, Syla, Squarcia 4, Fabiani 11, Gaspari. All. Barbara

VIVI BASKET NAPOLI: Perretti, Sveldezza 2, Agostini 6, Mansi 7, Sargiotta, Naviglio, Marcelletti 2, Paterniti, Capezza 24, Tolino 12, Cortese 11, De Felice 2. All. Di Lorenzo

 

OLIMPIJA LUBIANA-NOVA GORICA 75-54 (16-7, 38-23, 56-35) 

OLIMPIJA LUBIANA: Malovcic 13, Kocjancic 9, Klavzar 9, Weber 3, Sytnikov 10, Kocevar 6, Gnamus, Fajfar 8, Jurkovic 4, Basic 6, Daneu 5, Rojc 2. All. Podvrsnik

NOVA GORICA: Poje 4, Bunc 15, Podobnik, Pavlin 2, Markic 4, Likar 3, Scuca 26. All. Pusnar

 

BASKETRIESTE-VIVI BASKET NAPOLI 82-67 (22-22, 37-40, 63-57)

BASKETRIESTE: Pergreffi 2, Dudine 10, Poroni 5, Michellini 12, Prato, Deponte, Serra, Tomusic 18, Blasi 6, Giustina, Arnaldo 19. All. Nocera

VIVI BASKET NAPOLI: Perretti, Sveldezza, Agostini 9, Mansi 14, Sargiotta, Naviglio, Marcelletti, Paterniti, Capezza 24, Tolino 4, Cortese 13, De Felice 3. All. Di Lorenzo

 

OXYGEN BASSANO-NOVA GORICA 81-30 (24-10, 38-19, 67-25)

OXYGEN BASSANO: Rutigliano 8, Torresin 5, Milovanoviky 16, Serraglio, Basso 8, Agbamu 9, Gianesini 10, Mujagic 10, Marangoni 7, Pianegonda 8, Taore, Passuello. All. Napolitano

NOVA GORICA: Poje, Bunc 5, Podobnik, Pavlin 6, Markic 5, Likar 9, Scuka 5. All. Pusnar

 

 

OLIMPIJA LUBIANA-UISP ROMA 66-57 (16-10, 33-26, 54-46)  

OLIMPIJA LUBIANA: Kocjancic 11, Daneu, Malovcic 19, Nojc, Kocevar, Weber, Fajfar 4, Klavzar 17, Jurkovic, Basic 3, Sytnikov 12. All. Podvrsnik

UISP ROMA: Vlad 21, Cicchinelli, Tiberti, Fruscoloni 6, Zacutti 5, Nonkovic 19, Nizza 23, Fortunato, Vivero, Milani, Gjinaj, Giannelli, Larocca. All. Giannini

 

ONE TEAM FORLI’-ISTRIA SELECT 59-44 (18-11, 32-16, 45-28)

ONE TEAM FORLI’: Mstral 7, Creta 2, Torelli 4, Adamo 3, Dangelo, Ciadini 10, Prandini 5, Landi 5, Syla, Squarcia 13, Fabiani 8, Gaspari 2. All. Barbara

ISTRIA SELECT: Pavletic, Durin, Maurel, Kostic 9, Borina, Bilic 3, Andrilovic, Benkovic 7, Burazer 6, Jansic 13, Blazevic 6, Mlaric. All. Valic 

 

IL PROGRAMMA DELLA 3° E ULTIMA GIORNATA – SABATO 31 MARZO 2018

Ore 8.30: Istria Select-Nova Gorica Mladi (Finale 7/8 posto, palestra Pacco)

Ore 9.30: baskeTrieste-Oxygen Basket Bassano (Finale 3/4 posto, palasport Aquilinia)

Ore 10.30: Vivi Basket Napoli-Roma Uisp (Finale 5/6 posto, palestra Pacco)

Ore 11.30: One Team Basket Forlì-Olimpija Lubiana (Finale 1/2 posto, palasport Aquilinia)

Premiazioni a seguire presso il Palasport di Aquilinia

Ti è piaciuto questo articolo?
,

1°giornata VII Memorial “Stefano Tramontin”, che bella sfida tra baskeTrieste e Forlì!

Vibrante prima giornata di Memorial “Stefano Tramontin” al palasport di Aquilinia e alla palestra “Pacco”: nelle gare che hanno sancito l’inizio della settima edizione della manifestazione organizzata da All In Sport ASD, arrivano le nette vittorie di Napoli e Uisp Roma rispettivamente contro Istria Select e Nova Gorica. Più combattute invece le partite che hanno visto Forlì e Olimpija Lubiana imporsi ai danni di baskeTrieste e Oxygen Bassano.

ISTRIA SELECT-VIVI BASKET NAPOLI 39-91 (9-19, 18-39, 26-67)

Istria Select: Pavletic 2, Maurel, Kostic 8, Borina 2, Bilic 2, Andrilovic, Benkovic, Burazer 6, Blazevic 5, Klaric, Durin 2, Jaksic 12. All. Valic

Vivi Basket Napoli: Perretti 7, Sveldezza 9, Agostini 7, Mansi 15, Sargiotta 5, Naviglio, Marcelletti 4, Paterniti 2, Capezza 13, Tolino 9, Cortese 13, De Felice 7. All. Di Lorenzo

Tutto facile per il Vivi Basket Napoli di coach Di Lorenzo su un’Istria Select che ha schierato ragazzi dell’annata 2003: punteggio mai in discussione nella partita inaugurale del “Tramontin” sul parquet della palestra “Pacco” di Muggia, per un netto 91-39 in favore della formazione partenopea. L’equilibrio tra le due squadre dura per un quarto (Istria Select sul -10, ma poi tanti errori in lunetta), poi Napoli scappa letteralmente via e non si volta più indietro, con il capitano Mansi alla fine miglior marcatore del match a quota 15 punti, ben coadiuvato da Cortese e Capezza (entrambi a 13). Su fronte opposto, il più proficuo della selezione allenata da coach Valic è Jaksic che firma 12 punti.

BASKETRIESTE-ONE TEAM BASKET FORLI’ 53-56 (13-14, 18-25, 33-37)

BASKETRIESTE: Pergreffi 5, Dudine 2, Poboni 6, Michellini 1, Prato, Deponte, Serra 6, Tomusic 5, Giustina, Arnaldo 16, Finatti 8, Pieri 4. All. Nocera

ONE TEAM BASKET FORLI’: Zambianchi, Mistral 4, Creta 6, Torelli 2, Adamo, Ciadini 2, Prandini 7, Landi, Flan 17, Squarcia 9, Fabiani 9, Gaspari. All. Barbara

Bella e appassionante la prima gara al palasport di Aquilinia tra baskeTrieste e One Team Forlì: sono i romagnoli alla fine ad imporsi, sebbene i biancorossi allenati da Alessandro Nocera abbiano venduta cara la pelle sino ai secondi conclusivi.

Grandi difese e attacchi sterili caratterizzano la prima fase di partita, con Forlì avanti al 10’ per 18-20: prove di fuga per il One Team nel terzo quarto, poi il ritmo si abbassa e Trieste ha la capacità di portarsi sino a -4 a dieci dal termine. Nuovo strappo romagnolo al 37’ sul +8, i biancorossi di casa hanno dalla loro una zona-press che li permette di arrivare a un solo possesso di ritardo a 9’’ dal termine, con la tripla allo scadere che però non va a segno. I giuliani si consolano con i 16 punti di Arnaldo, 8 invece quelli firmati da Finatti.

UISP ROMA-NOVA GORICA 75-55 (16-12, 39-18, 62-33)

UISP ROMA: Vlad 2, Fruscoloni 2, Zacutti 8, Nizza 15, Tiberti 20, Larocca, Cicchinelli, Nonkovic 22, Fortunato 2, Gjinaj 2, Milani, Vivero 2. All. Giannini

NOVA GORICA: Poje, Pajntar 6, Zizmond 19, Cagalj 9, Pavlin 5, Markic, Ciani 3, Scuka 10, Artukovic 3. All. Marcetic

Ottimo esordio al “Tramontin” dei capitolini della UISP XVIII contro gli sloveni di Nova Gorica: parte meglio la formazione romana, che fa dell’intensità la propria arma principale. Dopo il +4 al 10’, Nova Gorica riesce a reggere l’urto sebbene il break successivo di UISP è di quelli che parzialmente spaccano in due la partita già sulla sirena di metà gara. Su lato sloveno Scuka prova a tenere in piedi i suoi, con annessa difesa a zona che però non impedisce a Roma di volare sul +20 dopo il canestro di Nonkovic (35-15, saranno 22 i punti per lui al termine). Il divario fisico e tecnico rimane palpabile sino alle battute finali, con una tripla da distanza siderale di Cagalj ad accorciare solo parzialmente il gap per gli sloveni.

OXYGEN BASSANO-OLIMPIJA LJUBLJANA 63-68 (16-12, 29-33, 46-48)

OXYGEN BASSANO: Rutigliano, Toppesin, Milovanovikj 9, Basso 7, Serraglio 4, Agbamu 13, Gianesini 7, Mujagic 5, Passuello, Marangoni 2, Traore, Petronella 16. All. Napolitano

OLIMPIJA LJUBLJANA: Kocjancic 5, Klavzar 19, Daneu 1, Sytnikov 8, Kocevar 9, Gnamus, Fajfar 3, Jurkovic 1, Malovcic 18, Basic 4, Weber, Rojc.All. Podvrsnik

Probabilmente la più bella e imprevedibile gara di giornata al “Tramontin”: la spunta l’Olimpija dopo una vera e propria battaglia, caratterizzata da tantissimi tira e molla nel punteggio e con un esito incerto fino alle ultime battute di match.

Bassano parte con il piede giusto e con maggior precisione, dal canto suo Lubiana trova alcune giocate davvero spettacolari nonostante il minor peso specifico sotto il profilo fisico. I veneti trovano un acuto nel miglior momento dell’Olimpija durante il terzo quarto, provando a gestire un piccolo vantaggio di quattro lunghezze: Lubiana approfitta però del black-out avversario degli ultimi 180’’, difendendo con efficacia nel momento migliore della sfida. Per gli sloveni sono 19 i punti inanellati da Klavzar.

 

IL PROGRAMMA DELLA SECONDA GIORNATA – VENERDI’ 30 MARZO 2018

Ore 9.30 – Oxygen Bassano vs Roma UISP (Palestra Pacco)

Ore 9.30 – BaskeTrieste vs Istria Select (Palasport Aquilinia)

Ore 11.30 – Olimpija Ljubljana vs Nova Gorica Mladi (Palestra Pacco)

Ore 11.30 – OneTeam Basket Forlì vs Vivi Basket Napoli (Palasport Aquilinia)

Ore 15.30 – BaskeTrieste vs Vivi Basket Napoli (Palestra Pacco)

Ore 15.30 – Oxygen Bassano vs Nova Gorica Mladi (Palasport Aquilinia)

Ore 17.30 – OneTeam Basket Forlì vs Istria Select (Palestra Pacco)

Ore 17.30 – Olimpija Ljubljana vs Roma UISP (Palasport Aquilinia)

Ti è piaciuto questo articolo?
, ,

VII Memorial “Stefano Tramontin”, riflettori accesi e puntati sulla beneficienza

Il ricordo di un amico che si trasforma in una kermesse giovanile dove si respira basket a pieni polmoni. Il Memorial “Stefano Tramontin”, giunto alla sua settima edizione e in programma dal 29 al 31 marzo al palasport di Aquilinia e presso la Palestra “Pacco” di Muggia, è divenuto una consuetudine della settimana prima delle festività pasquali. Perché – a suo modo – la kermesse organizzata dall’associazione “All In Sport” (in collaborazione con Alma Pallacanestro Trieste) è di per sé una grande festa cestistica, dall’elevato valore sociale. 

Nato quasi per gioco, il Memorial porta sin dalla prima edizione un nobile scopo: trasformare quel semplice ricordo di uno sfortunato ragazzo, che sino all’ultimo ha fatto del basket la ragione per continuare a combattere la malattia, in un appuntamento annuale dove la beneficienza è di casa. Ne è convinto Andrea Gregori, presidente dell’associazione “All In Sport”: ‟Il nostro è un evento partito sulla richiesta della famiglia di Stefano, che si è poi consolidato nel corso degli anni passando dal semplice quadrangolare del sabato di Pasqua sino all’importante torneo che è divenuto in corso d’opera. La volontà è quella di trasformare questa kermesse in un appuntamento di riferimento a livello nazionale e non solo: di fatto ci siamo già attivati per portare nelle future edizioni alcune realtà di punta del panorama cestistico internazionale, un qualcosa che possa dare al “Tramontin” maggiore visibilità e un grande valore aggiunto”.

La raccolta fondi a favore della “Sezione Giovani” del CRO di Aviano, struttura che accolse Stefano nel periodo più difficile della sua vita, si unisce quest’anno con la vendita del libro fotografico di Antonio Barzelogna intitolato “Basket Face”, i cui proventi saranno destinati alla ONLUS “Un canestro per te” per un progetto dedicato al giovane cestista Enrico Ambrosetti, atleta di basket in carrozzina che ha già vestito la maglia della Nazionale. “Siamo felici di poter promuovere queste due realtà, dall’importante impatto sociale” spiega Gregori. “La nostra associazione vuole continuare a puntare in ambito benefico, con la speranza di poter creare in futuro nuovi eventi che possano avere un forte eco anche al di fuori dei confini nazionali”. 

(da “City Sport” di lunedì 26 marzo 2018)

Ti è piaciuto questo articolo?
, ,

7° Memorial “Stefano Tramontin”: il perfetto connubio tra basket e solidarietà

Sarà un’altra settimana pre-pasquale ricca di basket e solidarietà, quella che dal 29 al 31 marzo prossimi vedrà come importante evento la settima edizione del Memorial “Stefano Tramontin”.

L’evento, organizzato da All In Sport ASD in collaborazione con Alma Pallacanestro Trieste, vedrà come di consueto otto squadre giovanili partecipanti, con giocatori nati negli anni 2002 e 2003 che si daranno battaglia sui riconfermati parquet muggesani del Palasport di Aquilinia e della Palestra “Pacco”.

Dopo la vittoria dell’edizione 2017 ad opera della Benetton Treviso, anche nella settima edizione del “Tramontin” ci sarà tanto spazio sia per giovani talenti italiani che stranieri. Tra questi ultimi spicca la formazione dell’Olimpija Ljubljana, oltre a quella di Nova Gorica e con l’Istria Select (selezione d’oltreconfine) a completare le squadre slovene presenti alla kermesse rivierasca. Per quanto riguarda invece le compagini che rappresenteranno lo stivale italico, oltre ai padroni di casa del baskeTrieste saranno presenti OneTeam Basket Forlì, Oxygen Bassano, Roma UISP e Vivi Basket Napoli.

Il VII “Memorial Tramontin” sarà soprattutto nel segno della beneficienza: oltre alla raccolta fondi per il CRO di Aviano – Sezione Giovani (struttura che accolse e seguì il giovane Stefano Tramontin nella sua difficile battaglia contro la malattia) e alla presenza di un chiosco enogastronomico organizzato dalla Pallacanestro Interclub Muggia (con i proventi destinati alla medesima struttura medica), grazie all’importante collaborazione con Panda Images e Un Canestro Per Te Onlus verrà anche messo in vendita il libro fotografico di Antonio Barzelogna “Basket Face”, il cui ricavato sarà devoluto a favore di uno dei progetti di “Un Canestro Per Te Onlus”, destinato in questo caso al cestista Enrico Ambrosetti.

La conferenza stampa di presentazione del torneo si terrà SABATO 24 MARZO 2017 alle ore 11.00, presso la sala stampa dell’Alma Arena di Valmaura.

Ti è piaciuto questo articolo?
, , ,

Semplicemente: ciao Euge

E’ un momento triste per il basket triestino. E’ il momento del silenzio per la prematura scomparsa di Eugenio Rossetti, componente 17enne della formazione Under 20 del baskeTrieste.

Ci stringiamo al lutto della famiglia, tutti noi “sandrini”.

Ciao, Euge.

Ti è piaciuto questo articolo?

Holloway fa il marziano, Trieste fa la festa a Torino a mezzodì

I 4350 spettatori odierni (record assoluto stagionale) spingono la Pallacanestro Trieste 2004 verso un’importante e prestigiosa vittoria contro la Manital Torino, terza forza del campionato. Nell’anticipo del mezzogiorno, i biancorossi si impongono col punteggio di 73-66, comandando la sfida contro i piemontesi per larghi tratti di gara e riuscendo a dare l’accelerata più importante nell’ultimo quarto, nel momento in cui la formazione di coach Bechi non è poi più riuscita a riavvicinarsi ai padroni di casa.

Buona partenza degli ospiti nei primi minuti del match, con lo 0-4 firmato Miller e Fantoni: la risposta triestina non tarda ad arrivare, con Holloway e Carra che pareggiano la contesa al 4′ e il sorpasso qualche istante più tardi grazie a due tiri liberi di Tonut. Nonostante i due falli repentini commessi, è poi Grayson a innescare l’attacco giuliano con due triple di fila, a cui si accoda anche Holloway con una “bomba” dall’angolo: il 15-6 e il conseguente -9 spinge la Manital a tentare diversi cambi di difesa, con lo scopo di frenare la circolazione di palla triestina: è però un altro tiro pesante – stavolta di Marini – a far male a Torino, costretta a chiudere i primi dieci minuti sul 22-13. 

Con percentuali realizzative mediocri da ambo le parti, il secondo quarto non si apre decisamente sotto il profilo dello spettacolo: Trieste recupera diversi rimbalzi in attacco che però non si tramutano in canestro, per contro Torino spara con poca precisione dal perimetro. E’ Tonut l’uomo migliore in casa giuliana in questo frangente di partita: con due realizzazioni consecutive, i biancorossi si mantengono in doppia cifra di vantaggio (28-16). La Manital trova però un buon parziale tra metà frazione e seconda sirena: con un positivo Fantoni in pitturato e soprattutto con i 6 di fila firmati dal redivivo Lewis, gli ospiti chiudono con l’inerzia in mano il primo tempo, sul 32-29 di metà gara.

La Pallacanestro Trieste 2004, dopo la pausa lunga, torna sul parquet estremamente propositiva: con un Holloway grande protagonista e padrone dell’area, i giuliani tornano velocemente a +10 sul 42-32. La Manital sembra poter trovare giovamento nel tiro pesante, con Giachetti prima e Gergati poi a rintuzzare lo svantaggio, guadagnandosi successivamente molte gite in lunetta con Mancinelli, Rosselli e Fantoni. I piemontesi arrivano sino a -6 (53-47 del 28′) , ma è ancora una volta Holloway (25 punti realizzati dopo tre quarti di gara) a ergersi quale pericolo numero uno per Torino, ricacciata a -8 sulla terza sirena (57-49). C’è molto equilibrio a inizio di ultimo quarto, con i piemontesi che restano in scia sino al 62-57 del 35′ in una situazione dove nuovamente Trieste deve fare i conti a livello di falli (bonus superato ancora una volta in pochi minuti e tanti liberi concessi agli avversari): sul +5 biancorosso, sarà poi la tripla di Coronica a spezzare definitivamente l’empasse in campo, con ulteriori due “bombe” firmate da Tonut prima e Holloway poi ad allontanare la Manital sul 71-59 al 36′. Per gli ospiti non basterà un buon Giachetti nel finale per poter ritornare in gara: Trieste conduce la gara in porto senza ulteriori patemi d’animo.

Pallacanestro Trieste 2004-Manital Torino 73-66 (22-13, 32-29, 57-49)

Pallacanestro Trieste 2004: Coronica 4, Fossati, Norbedo, Tonut 16, Boniciolli, Mastrangelo, Grayson 6, Candussi 7, Carra 7, Marini 5, Holloway 28, Prandin. All. Dalmasson

Manital Torino: Giachetti 14, Mancinelli 7, Fantoni 12, Fiore ne, Lewis 9, Viglianisi 2, Bruttini 1, Rosselli 3, Gergati 10, Miller 8. All. Bechi

Ti è piaciuto questo articolo?

Il baskeTrieste U13 ruggisce a Fagagna: vittoria del titolo regionale!

Il baskeTrieste cala il tris e può festeggiare la conquista del titolo regionale della categoria under 13. A Fagagna i biancorossi hanno battuto anche l’Azzurra con il punteggio di 51-45 e con il terzo successo in altrettante giornate si sono laureati campioni.

In avvio di gara c’è equilibrio, con i nostri ragazzi che chiudono il primo quarto di gioco in vantaggio di quattro lunghezze (14-10). L’Azzurra non ci sta e nella seconda frazione infila un parziale di 8-18 che ribalta la situazione e manda i ragazzi di coach Ponga negli spogliatoi avanti di sei punti (22-28). Al rientro in campo il baskeTrieste risponde con un contro break di 14-7 che rimette le cose a posto, e all’ultimo intervallo della partita i biancorossi sono a + 1 (36-35). Nella volata finale della partita è la squadra di Devetak e Furigo a mettere la testa avanti, vincendo la partita e chiudendo da campioni regionali una stagione senza sconfitte.

Per il baskeTrieste il miglior realizzatore è Candotto che segna 18 punti, va in doppia cifra anche Boniciolli che ne mette a referto 11. Nell’Azzurra il top scorer è Schina, autore di 19 punti.

BASKETRIESTE: Balbi 4, Barzi 2, Drioli ne, Turina, Boniciolli 11, Gutty, Candotto 18, Goruppi ne, Pitacco 8, Somma 4, Carnimeo 4. All.Devetak-Furigo

AZZURRA: Bratos, Pelizon, Schina 19, Parentin 3, Sala 4, Stera 2, Norbedo 1, Tramonte, Scrigner 5, Moscolin, Cattaruzza 9, Prandi 2. All.Ponga

ARBITRI: Nardi di Aviano e Furlan di Montereale Valcellina.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

U19 Elite, Pallacanestro Trieste 2004 sconfitta in casa da Pordenone

La Pallacanestro Trieste 2004 esce a mani vuote dalla quinta giornata di ritorno dell’under 19 elite. Per i biancorossi sconfitta casalinga contro il Sistema Bk Pordenone, che si è imposto con il punteggio di 64-78.

Primo quarto equilibrato con gli ospiti che scattano 0-5 ma vengono raggiunti dai ragazzi di coach Stibiel, che bloccano tutti i tentativi di fuga della formazione pordenonese e chiudono il primo quarto a -3 (14-17). Il Sistema apre la seconda frazione con un break di 2-9 raggiungendo la doppia cifra di vantaggio (16-26) con i biancorossi che riescono a riavvicinarsi al massimo a – 5 (21-26) e vanno all’intervallo con sette lunghezze da recuperare (25-32). La squadra di coach Tison rientra in campo con il piede giusto, infilando un parziale di 2-8 che vale il + 15 per i ragazzi in arancio e blu (25-40). La squadra di casa accusa il colpo ma riesce a limitare i danni impedendo agli avversari di dilagare: alla penultima sirena della gara le due formazioni sono separate da diciassette punti (38-55). Il quarto finale va ad alti e bassi per la Pall.Trieste, che prima rientra a – 13 (48-61) per poi riaffondare a venti punti di svantaggio (52-72). La leadership del Sistema non è comunque mai in pericolo, e gli ospiti alla fine chiudono la sfida sul + 14.

Per i biancorossi Spolaore miglior realizzatore con 14 punti, va in doppia cifra anche Perotti che ne segna 12. Nella squadra pordenonese Begiqi il top scorer con 27 punti segnati, dopo di lui Rizzetto che chiude a quota 14.

 

PALL.TRIESTE 2004: Norbedo 6, Grisonich 2, Bazzarini 5, Perotti 11, Minelli 6, Fatigati 9, Spolaore 14, Merlach 2, Bellina, Lettieri 2, Lazzari 2, Buna 5. All.Stibiel

SISTEMA BK PORDENONE: Price 6, Zatti 2, Begiqi 27, Lucas 8, Verlino 5, Brunoro 5, Venaruzzo 4, Mashaal 4, Rizzetto 14, Mulato 3, Prenassi. All.Tison

ARBITRI: Occhiuzzi e Mazzotta di Trieste.

Nel prossimo turno la Pall.Trieste giocherà in trasferta contro la Pall.Vis Spilimbergo. La partita è in calendario per lunedì 10 febbraio alle 20.30.

Ti è piaciuto questo articolo?