American Horror Story Asylum, un altro “centro perfetto” colto dal duo Murphy-Falchuk

slideshow_americanhorrorstoryasylum

Briarcliff: un luogo tetro e pieno di cupi misteri del passato. Lo scopriranno sulla propria pelle Leo (interpretato da Adam Levine, vocalist dei Maroon 5) e Teresa, coppia di sposini in cerca di emozioni forti. Visitare l’ex ospedale psichiatrico sarà un’avventura…irripetibile per i due, poichè in passato quelle mura hanno visto e sentito cose tutt’altro che piacevoli.

E’ questo il prologo di “American Horror Story Asylum”, serie TV ideata dal duo “malefico” composto da Ryan Murphy e Brad Falchuk: l’incubo di Leo e Teresa è solo la punta dell’iceberg di un enorme flash-back, all’interno del quale lo spettatore viene catapultato nel 1964, con il manicomio diretto dalla ferrea suor Jude (della quale ne veste i panni la sempreverde Jessica Lange, che più invecchia e più diventa come il vino buono) stracolmo di persone…bizzarre.

CAST AL LIMITE DELLA PERFEZIONE – Sono tanti i protagonisti delle storie contenute nello screenplay di stagione: il giovane Kit Walker (Evan Peters) risucchiato nel vortice di Briarcliff dopo l’accusa di essere “Bloody Face”, un serial-killer che strappa la pelle di dosso dalle proprie vittime; la giornalista Lana Winters (Sarah Paulson) che per avere un’intervista esclusiva al presunto pluri-omicida finirà anch’essa tra gli ospiti dell’ospedale psichiatrico; il dottor Oliver Thredson (Zachary Quinto), psichiatra che sembra essere l’unico ad avere a cuore i problemi dei pazienti; suor Mary Eunice (Lily Rabe), costantemente all’ombra di suor Jude; il monsignor Timothy Howard (Joseph Fiennes), a capo della struttura e con parecchia (apparente) carità cristiana; infine, il dottor Arthur Arden (James Cromwell), medico con un lugubre passato alle spalle e con un’ altrettanto lugubre fama all’interno dell’istituto.

PAZZIA…AD HOC – Un mix di sadismo e horror pervade le 13 puntate di “Asylum”, sapientemente interpretate da un cast di assoluto spessore (in gran parte riconfermato dopo la 1° serie) che ha nel proprio DNA la capacità di non dare alcun punto di riferimento, relativamente alla propria innocenza (o colpevolezza) all’interno della storia.

L’abilità degli autori di trasformare le vittime in carnefici (e viceversa) dà la consapevolezza di come ottimamente sia strutturato l’intero plot della 2° stagione di “American Horror Story” che, dopo le vicissitudini del primo capitolo nell’interno della casa maledetta di Los Angeles, sposta il proprio baricentro nel Massachusetts. L’istituto di Briarcliff è il centro delle perversioni e delle visioni demoniache che, dal passato, si ripresentano poi nell’attuale presente: tutti i personaggi sono legati da un filo comune, invisibile in prima battuta ma via via sempre più chiaro e indissolubile. Non si può che rimanere basiti nel veder scorrere una storia gustosissima, dal primo all’ultimo episodio, che fa dell’imprevedibilità degli eventi una delle chiavi del proprio successo.

LA MIGLIOR SERIE DELL’ANNO? – Non ci sono dubbi di sorta nel decretare “American Horror Story Asylum” uno dei migliori prodotti apparsi negli ultimi mesi sul piccolo schermo. Il duo Murphy-Falchuk colpisce nuovamente nel segno con una trama entusiasmante, con personaggi splendidamente ambigui e dotati di una carica emotiva esplosiva: le situazioni di Briarcliff trascinano lo spettatore nella famelica ricerca di saperne qualcosa di più, di puntata in puntata.  Il tutto immerso in un ambiente perverso ma mai “esagerato” nel raccontare la storia di suor Jude e compagni, e con la song-theme “Dominique” di contorno (canzone che il personaggio interpretato dalla Lange impone di ascoltare agli schizzati ospiti dell’istituto) diventata ben presto un tormentone da fischiettare.

Consigliare la visione di questa serie TV è assolutamente un must: potrebbe far storcere il naso agli spettatori più…tranquilli, ma se si è alla ricerca di qualcosa di forte e di politicamente scorretto, il manicomio criminale è uno degli scenari di perdizione più azzeccati degli ultimi anni.

VOTO SANDRINO: 9,5

httpvh://www.youtube.com/watch?v=-i2lv_VzDfo

———————-

Stagione: 2
Episodi: 13
Anno: 2012-13
Canale trasmesso: FOX (Satellite)
Interpreti: Jessica Lange, Evan Peters, Sarah Paulson, Zachary Quinto,
Lily Rabe, Joseph Fiennes, James Cromwell, Adam Levine

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi