Un connubio non solo puramente economico, ma anche ecologico: Pallacanestro Interclub Muggia e Querciambiente, main sponsor rivierasco, nello scorso week-end hanno rafforzato la propria unione di intenti grazie a una particolarissima sfilata di abiti, realizzati con materiale di riciclo, che tra le altre ha visto protagoniste anche le atlete muggesane Marta Meola, Roberta Castelletto, Lucia Richter, Valentina Rosin e Silvia Castelletto.

L’appuntamento, svoltosi sabato 17 maggio in occasione del “Trieste Mini Maker Faire” di Miramare, fa il bis con un medesimo evento andato già in scena al “PalAquilinia” durante la festa rivierasca di Natale dello scorso dicembre. Imballaggi, carta di giornale, sacchi neri lavorati all’uncinetto, parti di vecchie tastiere e floppy disk: sono solo alcuni dei materiali utilizzati dal laboratorio “EcoSpace”, centro per il riuso creativo ideato da Querciambiente, che fonda la propria “mission” in un approccio inedito alla cultura ecologica.

“Anche in questo particolare modo possiamo sensibilizzare l’intera popolazione su quello che è il problema della gestione di rifiuti”, spiega Nicoletta Neami di Querciambiente: “Attraverso la nostra esperienza abbiamo voluto creare e utilizzare questi speciali laboratori, allo scopo di promuovere le nostre iniziative sia per i più giovani, futuri cittadini di domani, che per gli adulti. Pur senza alcun tipo di esperienza nel campo della moda, questa sfilata vuole fissare il concetto che i rifiuti possono essere visti anche come una particolare ricchezza: da qui la nostra volontà di attirare l’attenzione sul riciclo dei materiali, facendo tesoro di tutto ciò che può essere ancora utilizzabile”.

La sfilata al “Trieste Mini Maker Faire” verrà ulteriormente riproposta anche in futuro, assieme ad altre iniziative sempre organizzate da Querciambiente.

Ti è piaciuto questo articolo?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi